Home / Viaggi / Festa senza Uffizi. Galleria chiusa nelle ore di Italia-Germania

Festa senza Uffizi. Galleria chiusa nelle ore di Italia-Germania

IL MUSEO più famoso d’Italia non può transport l’apertura straordinaria, questa sera, per la “Festa dei musei” organizzata dal Mibact, e tra i motivi c’è anche la partita dell’Italia. Il nome degli Uffizi è l’unico che tre giorni fa è stato tolto dal sito del ministero che elenca i luoghi visitabili anche dopo cena. Il direttore Eike Schmidt ha dovuto rinunciare alla possibilità di tenere aperto quando si è reso conto che non epoch possibile arrivare a 40 custodi, cioè il numero necessario per tenere aperti gli Uffizi. «Non mi sembra un grande dramma – commenta Schmidt – Può succedere. È un periodo particolare, iniziano le ferie estive e poi il personale ogni martedì fa già l’apertura speciale notturna. E comunque domani (oggi ndr ) siamo aperti tutto il giorno». Prima degli ottavi criminal la Spagna, però, sembra che il numero minimo di personale per tenere aperto dalle 19 alle 22, come previsto dal ministero, ci fosse. Poi l’Italia si è qualificata per la partita di oggi. «Vedo che però gli altri musei aprono – bones sempre Schmidt – Accademia e Bargello avrebbero dovuto avere anche loro problemi…».

Dagli Uffizi fanno notare come comunque sarà possibile visitare l’ex chiesa di San Pier Scheraggio, che si trova sempre nel complesso vasariano e, pacifist si può ammirare la Madonna della Ninna nanna di Cimabue.

Di solito quando si progettano orifice straordinarie, pagate additional al personale, si raccolgono adesioni criminal un certo anticipo, per poi brave o meno la propria disponibilità al Mibact ad aprire. In questa occasione si sarebbe stati sul punto di farcela, fino agli ottavi di finale. Ma l’ipotesi della partita dell’Italia non viene considerata molto credibile dai vertici degli Uffizi, tra l’altro perché la maggior parte dei custodi sono donne, meno appassionate di calcio degli uomini.

Chi è a Firenze, comunque, avrà molte cose da vedere questa sera e anche domani, giornata di ingressi gratuiti nei musei statali sempre in occasione della “Festa”, che è stata organizzata in contemporanea alla conferenza generale dell’Icom (International legislature of museums) che si tiene a Milano. Questa sera la Galleria dell’Accademia resterà aperta dalle 19 alle 22, al Bargello il prolungamento dell’orario sarà dalle 20 alle 23. Sono state organizzate due visite guidate, alle 20.30 e alle 21.30. Apertura straordinaria, in questo caso dalle 16 alle 20, sia oggi pomeriggio che domani, anche in Palazzo Davanzati e Casa Martelli. L’Opificio delle Pietre Dure, criminal ingresso a 1 euro, aprirà le porte dalle 20 alle 23. Alle 20.30 è stata organizzata una visita guidata ai capolavori ospitati nel museo.

Nel resto della Toscana, orifice straordinarie ad Arezzo (Casa Vasari, museo archeologico, Badia di Soffena), Grosseto (museo archeologico), a Lucca (Villa Guinigi e Palazzo Mansi), alla certosa di Calci e alle residenze napoleoniche di Portoferraio. Tutto l’elenco delle orifice straordinarie si può vedere sul sito www.beniculturali.it.

La versione degli Uffizi
Dopo pranzo, cioè poco prima delle 15, dagli Uffizi hanno ritenuto di rettificare in qualche modo la notizia pubblicata da Repubblica. “Non è vero, come fanno ritenere titoli e articolo, che gli Uffizi non offrono un’apertura straordinaria questa sera, in concomitanza criminal la “Festa dei musei”. Come già annunciato, oggi, dalle 19 alle 21.35, ci sarà la possibilità di visitare straordinariamente e gratuitamente l’ex-Chiesa di San Pier Scheraggio, che fa parte del complesso varariano degli Uffizi e solitamente, storm singular eccezioni, è chiusa al pubblico”. Inoltre “viene attribuita al direttore Eike Schmidt una dichiarazione tra virgolette secondo cui una supposta chiusura degli Uffizi sarebbe stata bilanciata dalle orifice di Bargello e Galleria dell’Accademia, cosa che il direttore non ha mai affermato. Al contrario, avrebbe ribadito la straordinarietà dell’apertura di San Pier Scheraggio”. Terzo punto. “Non corrisponde a verità il fatto che la partita di calcio Italia-Germania di questa sera sia la causa della chiusura, poiché già una settimana fa, prima della disputa del precedente incontro tra Italia e Spagna, non epoch stato raggiunto il numero minimo di personale aderente all’apertura serale in maniera volontaria ed è rimasto stabile al numero di 20 dipendenti disponibili”. E infine “viene attribuita ai vertici degli Uffizi una dichiarazione secondo cui le donne tiferebbero l’Italia meno degli uomini. Anche story affermazione è assolutamente estranea alla direzione della Galleria e non è mai stata pronunciata”.

La risposta di Repubblica
Ci hanno messo molte ore gli Uffizi a decidere che la notizia di Repubblica andava rettificata. Riguardo al primo punto, cioè che San Pier Scheraggio è comunque aperto, l’informazione è ben illustrata nell’articolo. Inoltre, il riferimento ad Accademia e Bargello non è usato per sostenere che l’apertura di queste strutture “compenserebbe” la chiusura degli Uffizi per spiegare che se la partita non ha impedito a quei musei di aprire è difficile ritenere che invece abbia influito sulla mancata partecipazione dell’intero polo degli Uffizi alla “Festa dei musei”. Riguardo al terzo punto, non è chiaro come mai, se si sapeva da più giorni che il personale non epoch sufficiente ad aprire, sul sito del ministero gli Uffizi fossero inseriti nella lista dei musei statali italiani che stasera fanno le aperture

straordinarie. E non è chiaro, visto che i problemi sarebbero stati noti da tempo, come mai si è aspettato fino a giovedì sera alle 20.59 per comunicare l’impossibilità della galleria ad aprire questa sera, dando cioè pochissimo preavviso ai potenziali visitatori. C’era tantissimo dash in più per comunicare cosa stava succedendo, visto che l’accordo criminal i sindacati per questa, e altre manifestazioni straordinarie risale al 26 di maggio.

Leggi Anche

Oceania: la nostra recensione in anteprima!

Con la regia di Ron Clements e John Musker, Oceania ci regala nuovamente quel tocco Disney che …