Home / Cucina / Far Cry 5, lo sparatutto attento alla buona cucina

Far Cry 5, lo sparatutto attento alla buona cucina

Fino a qualche anno fa si assisteva a una vera ondata di videogiochi che ci portavano a realizzare ricette, in cui si dovevano miscelare ingredienti, stendere impasti, infornare e assaggiare digitalmente. Basta citare la serie Cooking Mama per avere un Masterchef ludico ante litteram. Adesso il panorama ludico è cambiato e così la cucina va oltre, da digitale diventa reale e contagia anche titoli che, alla fine, con il cibo c’entrano poco. Per lanciare Far Cry 5, ultimo capitolo del celebre sparatutto in uscita il 27 marzo, lo chef Lorenzo Cogo ha pensato a un curioso sincretismo tra padelle e bit.

Trentenne e appassionato di videogame, oltre che uno degli chef stellati più giovani al mondo, Cogo ha intrapreso un viaggio in Montana, lo stato americano dov’è ambientato il gioco, per creare piatti a tema, che riuscissero a legare la sublime arte culinaria con lo spirito violento e irriverente di un titolo adrenalinico in cui si combatte e si spara a iosa. Dopotutto sta a noi battere il Progetto dell’Eden’s Gate, una setta apocalittica che sta mettendo a repentaglio la nostra comunità e qui no si va certo per il sottile. Armati fino ai denti e con l’aiuto di veicoli come buggy, idrovolanti e pick-up, esploriamo questo open world fatto di fiumi e montagne con la visuale in prima persona, godendoci un paesaggio mozzafiato costellato di nemici.

Ma torniamo in cucina da Lorenzo Cogo. Dall’esperimento lo chef ha partorito tre ricette che, come immaginabile, hanno ben poco a che fare con la nouvelle cuisine. Richiamano infatti la rude geografia del Montana, quello «Stato del grande cielo» stretto tra Canada, Dakota, Wyoming e Idaho, in cui caccia e pesca la fanno da padroni. Ecco quindi Comunione, una tartare di cuore tra due ostie a cui lo chef ha abbinato un Bloody Mary, ci sono poi i paccheri gratinati con il ragù di cervo, animale simbolo della gastronomia del Montana, mentre i tanti corsi d’acqua del Paese si riuniscono nella terza pietanza, la trota iridea condita con maionese al ginepro e cous cous di cavolfiore. Ora che abbiamo preparato il palato siamo pronti ad affrontare Far Cry 5. L’attesa si protrarrà però fino a fine fine mese, quando il titolo sbarcherà su PlayStation 4, Xbox One e PC e così, per ingannarla, abbiamo scelto altri dieci sparatutto in prima persona da provare almeno una volta nella vita.

Leggi Anche

Levain, la migliore pasticceria di Roma (e la ricetta del dolce al té …

Cosa ci fa una boulangerie – pâtisserie francese, nel cuore di Trastevere, guidata da un …