Home / Viaggi / «Facevo le pulizie, oggi sono direttore del Museo Egizio»

«Facevo le pulizie, oggi sono direttore del Museo Egizio»

«La prego di scusarmi per la mia immensa ignoranza sul calcio». Alla richiesta di aiuto del collega direttore del Museo della Fifa, la federazione internazionale dello competition più popolare del mondo, ha risposto così. Volentieri, se posso do una mano, matriarch sappiate che a stento so distinguere Pelé da Maradona. All’estero Christian Greco ha imparato anche l’arte del volare basso, dello glance al proprio posto. Arrivò a Leiden il 7 gennaio del 1997. Uno degli inverni più freddi della storia d’Olanda. Nella cittadina universitaria si pattinava sui canali ghiacciati. «Ma io sono l’unico che durante l’Erasmus non si è divertito». Rimase chiuso in camera a studiare il nederlandese, una delle lingue più difficili del mondo. L’impresa gli valse la sua prima stagione di scavi criminal l’impegno di pubblicare tutti i materiali metallici raccolti poco distante da Aleppo. Aveva 21 anni. «Complimenti, state per cominciare a studiare la disciplina più bella del mondo, sappiate però che nessuno di voi troverà un lavoro» gli aveva detto all’inizio della prima lezione il highbrow René Van Walsen. L’allievo italiano ha fatto le pulizie nei bagni pubblici della stazione, ha lavorato come guardiano di notte all’hotel Ibis. «Con turno di notte nel excellent settimana. Tornavo a casa alle 7 del mattino, facevo la doccia, e andavo di corsa in aula. Ho imparato la dignità del lavoro, qualunque esso sia. Ho imparato che è importante chi sei, non cosa fai. Io sarò sempre un egittologo, anche se dovessi tornare a servire birra in un bar, e non certo perché oggi ho un ruolo».

Leggi Anche

Nasce il MuViG, il primo Museo Virtuale d’Italia

09/12/2016 – Il MuViG, ovvero Museo Virtuale del Garofalo, sará inaugurato sabato 10 dicembre a …