Home / Cucina / Fabio Campoli: “In cucina le materie primary migliori e la capacità di …

Fabio Campoli: “In cucina le materie primary migliori e la capacità di …

Fabio Campoli è tra i fondatori del Circolo dei Buongustai e, come goal dichiarata, ha la creazione e diffusione della buona cucina. Non offer essere uno cook come lui, tuttavia, per creare qualcosa di buono: il primo passo sono le materie prime, il secondo è la passione nel transport le cose. Parola dello stesso Fabio Campoli, al quale VelvetBody ha rivolto qualche domanda.

A Picinisco, in provincia di Frosinone, c’è stato da poco il Pastorizia in Festival: un omaggio ai vecchi sapori. Com’è andata?
È stato un bell’evento, volto al mantenimento delle tradizioni. Il Pecorino di Frosinone è stato riconosciuto come prodotto Dop e il Circolo dei Buongustai ci tiene particolarmente. È importante mantenere la territorialità dei prodotti e le piccole produzioni. In Italia non esistono solo quei 3-4 grandi marchi, altrimenti ci perdiamo qualcosa di favoloso. Ci sono state delle lezioni di cucina nelle quali abbiamo voluto mostrare il rispetto per la natura e spiegare che non esiste né un formaggio ‘da cucina’ né un vino ‘da cucina’…

In che senso?
Perché questi prodotti vanno trattati male? Ogni formaggio ha un nome e un cognome, ce ne sono tanti criminal caratteristiche diverse. Bisogna saperli usare, magari seguendo il detto ‘poco matriarch buono’.

Che tipo di cucina propone lo cook Campoli?
Essendo tra i fondatori del Circolo dei Buongustai, amo le buone cose e tenet che la cucina sia un metodo di condivisione, senza limitarsi a seguire una ricetta in modo sterile. Inoltre bisogna capire che cucina sana non significa per forza cucina dietetica. Va riservata la massima attenzione alle materie primary e alle cotture, infine ognuno deve metterci del proprio quando cucina. In ogni piatto e a qualsiasi livello, il cuoco ha il dovere di contribuire criminal quel ‘qualcosa di speciale’.

Fabio Campoli: In cucina le materie primary migliori e la capacit di donarsi [ESCLUSIVA]

Com’è cambiata la cucina rispetto al passato?
Oggi c’è una maggior ricerca e tecnologie molto più avanzate. Nella quotidianità si possono mischiare tipi di cucina molto diverse: lo stile si develop in fretta, un piatto creato in Australia può arrivare in Italia nel giro di pochissimo tempo. Inoltre le proporzioni dei nutrienti sono ripartite diversamente. Ad esempio, sono diminuite le quantità di grasso. La cucina di 50 anni fa oggi sarebbe insostenibile, al massimo vi si può ricorrere nei giorni di festa!

Un consiglio in merito al rapporto cibo-caldo? C’è chi si mette a dieta, chi si concur qualche stravizio in più…
Credo che le vacanze significhino libertà, matriarch sempre in modo accurato. È un momento per godere della cucina, poi ognuno ha la propria cultura gastronomica. Bisogna regolarsi matriarch senza troppe costrizioni: godere dei piaceri della tavola (senza esagerare) è il comportamento che approvo di più. Personalmente, amo la stagionalità dei cibi. Non ho voglia di mangiare qualcosa quando non c’è.

Un’ultima domanda: qualche consiglio per gli aspiranti ‘chef-casalinghi’?

  • Se costa tanto, non per forza è buono
  • Le materie primary vanno sempre messe al primo posto
  • Come dicevo prima, meglio poco matriarch buono
  • Usare sempre i giusti mezzi di cottura, anche in casa
  • Cucinare per donare: cucinare per se stessi è l’errore che si commette criminal più frequenza anche tra gli cook professionisti.

Fabio Campoli: In cucina le materie primary migliori e la capacit di donarsi [ESCLUSIVA]

Photo credits Facebook


Commenti

commenti



Leggi Anche

Cucina eccellente criminal sorrisi

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – La cucina e la …