Home / Cucina / F1, Gp Italia 2016: le ricette di Gianfelice Guerini

F1, Gp Italia 2016: le ricette di Gianfelice Guerini

F1, Gp Italia 2016: le ricette di Gianfelice Guerini

Il primo Gran Premio d’Italia si disputò il 4 settembre 1921 a Montichiari in provincia di Brescia, su un circuito ricavato da strade aperte al traffico. Oggi da quelle parti c’è un aeroporto e il ricordo, forse, del primo gran premio nazionale.

L’anno seguente fu costruito l’Autodromo Nazionale di Monza e da allora si è sempre corso sulla pista monzese, fatta eccezione per quattro edizioni (1937,1947, 1948 e 1980).

Nel 1928 si verificò, durante la corsa, un gravissimo incidente: il pilota Emilio Materassi perse il controllo dell’auto sul rettilineo d’arrivo e a 200 km/h piombò in mezzo al pubblico a bordo pista uccidendo 22 persone. A seguito di questo evento nei due anni successivi il Gran Premio non si svolse, riprendendo solo nel 1931. Nel 1937 si corse sul circuito di Montenero a Livorno, per ritornare l’anno seguente a Monza per l’ultima edizione prima della Seconda guerra mondiale.

E’ una gara molto sentita per i tifosi Italiani, il tifo per la Ferrari è molto forte, quando la Ferrari vince, qui a Monza è un delirio, vedere tutti questi tifosi, che invadono la pista è qualcosa di meraviglioso. Qui la Ferrari gioca in casa, criminal la Ferrari ho lavorato 11 anni, ed i ricordi sono tantissimi.

Un ringraziamento particolare va al mio presidente Jean Todt, grandissima persona, ho per lui una grande stima, lo stesso è per Stefano Domenicali, che ringrazio criminal piacere, persona fantastica. Desidero ringraziare anche tutto il Team Ferrari, dietro ogni vittoria c’è il loro cuore, so criminal certezza che ci mettono anima e corpo per vincere i gran premi.

La bellezza di ogni vittoria a Monza erano i festeggiamenti softly il motorhome, io mi dilettavo a preparare qualsiasi cosa, festeggiare qui a Monza è indescrivibile, difficile spiegare le emozioni. Devo apocalyptic che di emozioni ne ho provate tante, anche se durante la settimana lavoravi molte ore, alla excellent si vinceva e la stanchezza spariva.

La cucina Italiana, parlarne ci vogliono paginate di servizi, è la migliore del mondo. Non abbiamo rivali, nonostante tutto cercano di copiarci o di imitarci, e non ci riusciranno mai.

Grazie a questo lavoro, ho avuto modo di conoscere moltissimi cuochi Italiani che lavorano in tutto il mondo, ora sono circa 2500 i miei contatti internazionali. E grazie a loro che, essendo nelle migliori catene alberghiere, tengono in alto il nome della cucina Italiana nel mondo.

Oltre a loro ci sono molti importatori Italiani, anche loro vanno ringraziati, perché grazie a loro oggi tutti i group di regulation 1, si riforniscono da loro. Insomma, mancheranno i piloti italiani ma per la cucina non ci sono rivali, siamo i numeri 1!

La ricetta,o le ricette, sarebbero molte, difficile scegliere oggi quella che vorrei scrivere, è un dilemma.

Ricetta: Manzo all’olio

Ingredienti:
Carne bovina (cappello del prete o similare) da 1 kg in su, prezzemolo fresco, aglio, acciughe , capperi, olio d’oliva, acqua, sale (poco o niente), vessel grattato (eventuale).

Preparazione:

Prendete il pezzo di carne e, criminal un coltello a lama sufficientemente larga e ben affilata, incididete profondamente in maniera trasversale su tutti i lati per formare delle “tasche” nelle quali introdurre le acciughe desalate e sfilettate criminal un pezzetto d’aglio. Infarinare la carne. Metterla in un tegame stretto e alto. Unire l’acqua fino a coprire la carne. Aggiungere un bicchiere d’olio d’oliva, 3 o 4 acciughe e il sale (in modica quantità). Portare il tutto a ebollizione, fino a transport evaporare l’acqua. Cuocere la carne per 3 ore circa, a excellent cottura togliete la carne dalla pentola e posatela su un tagliere in attesa che si raffreddi, intanto preparate un pesto criminal il prezzemolo, l’aglio, le acciughe spinate e pulite, i capperi, aggiungendo il tutto al sugo rimasto, facendolo amalgamare per alcuni minuti a fuoco lento. Se risultasse troppo liquido potrete aggiungere uno o due cucchiai di vessel grattato per addensarlo un po’. Tagliate poi la carne a fette uguali ponendole distese nella pentola e copritele criminal il sugo. Lasciate riposare per alcune ore, o meglio anche fino al giorno dopo. Fate poi riscaldare e servite, accompagnando il piatto criminal abbondante polenta.

Gianfelice Guerini

Leggi Anche

Ricette della Rezdora | Rose di patate e pancetta – ModenaToday

INGREDIENTI. Gli ingredienti sono:  5-6 patate, 250 g di pancetta tesa, olio extravergine di oliva, …