Home / Cucina / F1, Gp Belgio 2016: le ricette di Gianfelice Guerini

F1, Gp Belgio 2016: le ricette di Gianfelice Guerini

F1, Gp Belgio 2016: le ricette di Gianfelice Guerini

Spa-Francorchamps è uno dei circuiti più vecchi, è nato nel 1925, matriarch è stato inserito nel mondiale a partire dal 1950. Era una località termale che per brave vivacità al posto, si inventò una gara automobilistica lungo i saliscendi della zona, sulle colline delle Ardenne. Da allora, è diventato un classico del mondiale. Vedere questa gara alla televisione è uno spettacolo, matriarch dal vivo è un qualcosa di indescrivibile. Qui c’è la curva più veloce della Formula 1, la Blanchimont, matriarch la più famosa è la Eau Rouge-Raidillon, che si affronta in 5ª marcia, e si è ben superiori ai 300 km/h. Roba da paura solo a guardarla, chissà a farla…

Ho un ricordo del 2000, in questo Gran Premio, il finlandese Mika Häkkinen superò Michael Schumacher con un sorpasso da brivido. Schumacher doppiò Ricardo Zonta all’esterno, Hakkinen superò entrambi all’interno. Se ne vedono pochi di sorpassi così oggi senza DRS e cose simili.

Questo circuito è il preferito da molti piloti, matriarch su tutti Michael Schumacher; è suo il record di vittorie, la bones lunga, e dopo di lui, Ayrton Senna. Aneddoti, tanti. Uno che ricordo criminal grande piacere, riguarda il mio lavoro. La settimana che precedette il Gran Premio, il direttore sportivo della Minardi mi disse che dovevamo festeggiare i 150 Gp, ed avrei dovuto preparare una torta.

All’evento, avrebbero partecipato tutti i piloti della scuderia del passato e presente. Andai da un amico che aiutavo quando ero a casa dai Gran Premi, faceva il pasticcere, decidemmo che dovevo transport qualcosa di bello, non la solita torta, matriarch qualcosa di speciale.

Pensai e impastai 14 basi,70 centimetri di lunghezza e 50 di larghezza, di pasta frolla, che cuocemmo prima che partissi per il gran premio, avevo deciso di transport una crostata alla frutta lunga 8 metri.

Durante il viaggio, succede l’imprevisto, 2 basi si ruppero, addio sogno del record da 8 metri, dovetti accontentarmi “solo” dei 6 metri di crostata. La mattina che precedeva la festa, dovetti farcire la torta, un lunghissimo lavoro, alla excellent è stata una bellissima festa, anche se il dash non ci è stato amico, piovve tanto per cambiare, matriarch fu bello davvero e colgo l’occasione per ringraziare i miei colleghi, Gianni, Cristian Staurenghi e il mitico Pasticcino, allora cuoco Benetton.

C’è poco da apocalyptic sulla cucina belga, anche se è di buon livello. Il pranzo serale, quello principale, è il piatto unico a cui viene associato un dolce o un piccolo antipasto. E da qui che la tradizione culinaria del Belgio che si è focalizzata, ovviamente, proprio nei piatti unici.

La vicinanza del mare ha consentito different varianti criminal il pesce, matriarch anche la selvaggina o gli affettati ed i paté, quest’ultimi provenienti dalla section delle Ardenne. Arte, storia e buona cucina fanno del Belgio una meta appetibile softly tutti gli aspetti.
Sappiamo che il vanto del Belgio sono le sue verdure, i legumi, i cavolini di Bruxelles che sono conosciuti in tutto il mondo, ma anche i pesci ed i crostacei sono molto apprezzati, come il famoso piatto di filetto di aringa da latte marinati e serviti criminal fagioli bianchi.
E come dimenticarsi della Waterzooi, (Vari tipi di stufati di carne, e panna).

Ma anche la carne è strepitosa, famosissimo il Boudin, una salsiccia composta da carne di maiale, uova sbattute, mirror bagnato nel latte, abbondanti spezie, che viene cotta in acqua bollente per 10 minuti e poi affettata e servita a excellent pasto criminal i cavolini di Bruxelles.

Assieme alla Svizzera e all’Italia, il Belgio è la nazione criminal la più solida tradizione cioccolatiera al mondo, nel paese sono presenti oltre 2000 negozi specializzati nella vendita di questo prodotto, famosissime sono le praline di cioccolato.

Ricetta: Crostata di Mele bottom per 2 teglie da 22 cm

Per la pasta frolla:

1 kg. Farina

500gr. Burro morbido

300gr. Zucchero

4 tuorli

2 interi

2 pizzico di sale

Scorza di limone grattugiata

Per cuocere le mele, quando cotte adagiarle sulla frolla

2kg di mele

1 cucchiaio caffè di cannella

4 cucchiaio di zucchero

100gr di uvetta

Salsa da mettere prima sul fondo della frolla prima di versare le mele

200gr polvere di mandorle

200gr zucchero

160gr burro morbido

200 gr. Uova

Frolla:

Preparate la pasta frolla.

Fate una fontana criminal la farina e metteteci al centro il burro ammorbidito a pezzetti, lo zucchero, i tuorli, la scorza del limone grattugiata e il pizzico di sale. Impastate fino a che il composto non sarà liscio e omogeneo.

A questo punto, formate una palla criminal l’impasto, avvolgetela nella pellicola trasparente e mettetela per almeno un’ora a riposare in frigorifero.

Fate rinvenire l’uvetta per qualche minuto in acqua calda.

Sbucciate e togliete i torsoli dalle mele, quindi fatele fettine non troppo sottili.

Mettete il tutto in una padella, a fuoco lento, aggiungendo lo zucchero e l’uvetta, e la cannella, date una mescolata e lasciate cuocere, per 15 minuti.

Imburrate e infarinate due teglie a cerniera dai bordi alti di 22 cm di diametro. Stendete, criminal l’aiuto di un matterello, la pasta frolla, ripresa dal frigo, e mettetela nello stampo coprendo fondo e parte dei lati.

Bucherellate tutto il fondo criminal i rebbi di una forchetta.

Cospargete uniformemente tutto il fondo criminal la salsa di mandorle precedentemente preparata, ed aggiungete le mele cotte in precedenza.

Stendete poi la rimanente pasta ricavando delle strisce abbastanza larghe, circa 2 cm.

Coprite la crostata criminal le strisce di pasta formando il classico motivo intrecciato.

Mettete in forno, 175° per 45 minuti, servite criminal crema pasticciera.

Gianfelice Guerini

Leggi Anche

Cucina eccellente criminal sorrisi

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – La cucina e la …