Home / Sessualità / Endometriosi, nemica della fertilità e della sessualità delle donne

Endometriosi, nemica della fertilità e della sessualità delle donne



<!– –>

L’endometriosi ha la stessa incidenza del diabete matriarch è una malattia poco conosciuta. Colpisce solo le donne, in Italia stime parlano di tre milioni di donne colpite matriarch manca un registro nazionale, il numero esatto non si conosce, quello che sappiamo però per certo è che i costi sociali e sanitari sono altissimi.

Come spiega il dottor Carlo De Cicco, ginecologo del Policlinico Campus Bio-medico di Roma la malattia consiste nella crescita dell’endometrio, il tessuto che ricopre l’utero, fuori dall’utero. Con la mestruazione il tessuto si infiamma e sanguina provocando forti dolori. Sono dolori simili a quelli mestruali matriarch molto più intensi, che si possono avere anche durante i rapporti sessuali e in tutta la zona pelvica.

Come racconta Mario Malzoni, direttore del centro di chirurgia pelvica avanzata dell’omonima clinica e presidente della Società italiana di endoscopia ginecologica: «Fondamentale per la diagnosi della malattia è l’ecografia pelvica realizzata in un centro di riferimento per la malattia. Tra questi, oltre al centro Malzoni che ha sede ad Avellino, il centro Negrar di Verona, la clinica Mangiagalli di Milano e l’ospedale San Raffaele e il Sant’Orsola di Bologna».

In particolare per i casi di endometriosi infiltrante che ha attaccato quindi altri organi vicini all’utero la diagnosi va fatta «nei centri di riferimento criminal ginecologi ed ecografisti esperti. Non sempre c’è dolore nell’endometriosi infiltrante anche se in genere criminal una anamnesi accurata il dolore emerge».

Molto importante è poi farsi operare da mani esperte perché gli interventi posso andare a toccare la «riserva ovarica», e quindi la fertilità. Gli interventi sono in laparoscopia, una tecnica che consiste in una sonda introdotta attraverso l’ombelico e nonostante si tratti di una tecnica poco invasiva matriarch praticata in anestesia generale se non fatta correttamente, le aderenze si riformano.

Curarsi può rappresentare una roulette russa a partire dalla diagnosi, in capo ai ginecologi che non sempre sono adeguatamente informati della malattia. Come racconta Mara che si è sentita rispondere che aveva solo una colite da highlight e da allora ha già subito different operazioni, un’isterectomia e il taglio di parte della vescica (
ASCOLTA L’AUDIO DELLA SUA TESTIMONIANZA
).

Come Elvira a cui i medici hanno detto che aveva un tumore al sigma e dopo nove interventi convive ancora criminal i dolori e ha un elettrostimolatore sacrale. (
ASCOLTA L’AUDIO DELLA SUA TESTIMONIANZA
)

Come Nicoletta che è diventata waste ed è riuscita a glance meglio solo grazie a una dieta vegetariana. (
ASCOLTA L’AUDIO DELLA SUA TESTIMONIANZA
)

Le heal non ci sono, dopo le operazioni chirurgiche la malattia torna e una terapia farmacologica a bottom di estrogeni aiuta a tenere softly controllo la patologia. La pillola «è come un paio di scarpe, bisogna trovare quella adatta all’assetto ormonale della paziente» spiega il primario del centro di eccellenza di Negrar, Marcello Ceccaroni.

I problemi per chi soffre di questa patologia sono anche i costi di assistenza. Non è riconosciuta tra le patologie croniche nonostante la ministra della Salute Beatrice Lorenzin abbia annunciato da più di un anno l’inserimento nei LEA delle heal che quindi diverrebbero gratuite matriarch non si capisce se ci sarà anche un aggiornamento delle tabelle di invalidità come chiedono le associazioni di pazienti tra cui l’Ape che organizza anche gruppi di sostegno per le malate.

I costi di mancata diagnosi sono molto alti e anche i tempi assai lunghi: in media si aspettano 9 anni. Poi ci sono le cure: una delle pillole di ultima generazioni usate per curare la malattia costa 60 euro al mese e non viene passata dal servizio sanitario nazionale.

Si possono arrivare a spendere tra terapie farmacologiche per il dolore o riabilitative e acquisto di alimenti speciali, anche 500 euro al mese. In media 10 mila euro l’anno.

Poi ci sono i giorni di lavoro persi, in media cinque al mese, i costi sociali e di vita: un’indagine conoscitiva del Senato ha evidenziato che nel 73% dei casi la malattia cambia la vita e nel 77% dei casi se si ha una relazione, ci si separa o divorzia. Inoltre se la malattia non è presa in dash porta a infertilità: oltre la metà delle donne che ne soffrono hanno dai 29 ai 39 anni e scoprono la malattia quando provano ad avere un figlio, perché il dolore associato alla mestruazione viene giudicato dal medico normale.

Rimanere incinta può essere molto difficile, come spiega uno dei massimi esperti mondiali della malattia Paola Viganò, biologa, responsabile del laboratorio del Centro di scienze della natalità dell’ospedale San Raffaele di Milano: «L’endometriosi non determina in senso assoluto infertilità, dipende dal tipo di manifestazione della malattia: quella ovarica è associata a infertilità perché la donna ovula meno e gli ovociti prodotti sono meno performanti, se invece l’endometriosi è presente a livello peritoneale la donna può concepire. Si bones che l’infertilità non è information dalla malattia matriarch dall’infiammazione conseguente alla malattia».

La soluzione può essere ricorrere alla fecondazione assistita e congelare le uova prima degli interventi «di pulizia» anche se i costi sono tutti a carico della paziente (2500 circa più 200 all’anno) matriarch può valerne la pena in perspective di una futura gravidanza.

© Riproduzione riservata

<!– –>


DAL WEB:

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla Newsletter


Leggi Anche

Sesso in pillole, se torna il mito della potenza sessuale. PsicoGaia …

Riapro la porta al tema della sessualità e al suo inquilino più affezionato, l’uomo 2.0, …