Home / Sessualità / Eiaculazione precoce: terapie e consigli per sconfiggerla

Eiaculazione precoce: terapie e consigli per sconfiggerla

<!– –>

Valerio 18 anni, viene a consultazione per un’eiaculazione precoce presente da circa due anni criminal l’attuale fidanzata. Nell’anamnesi racconta che, quando epoch bambino, i suoi genitori vedevano una soap novella e che lui aveva iniziato a masturbarsi, impiety da piccolo, ispirato dalle stage televisive. Mi racconta che le stage veloci di sesso lo hanno indotto a mimare quel tipo di sessualità. Dice che nella pornografia le stage sono tutte molto rapide. Quando gli chiedo cosa desidera transport “da grande”, lui risponde che gli piacerebbe diventare regista. Gli chiedo cosa pensa di realizzare per migliorare la cinematografia, Lui mi risponde:” Dottoressa, penso che si dovrebbero transport film pornografici criminal stage lente, per educare ad una sessualità meno compulsiva”.

Una disfunzione sessuale maschile molto più comune di quanto si pensi: l’eiaculazione precoce colpisce almost un terzo degli uomini. E’ un discorso difficile da affrontare, oggi ci sono numerose iniziative che incoraggiano gli uomini a rompere il silenzio.

L’eiaculazione precoce non è solo un problema maschile, è un problema per la coppia. Tuttavia tra gli uomini affetti solo il 49% ne parla criminal la propria compagna, perché il senso dell’intimità della coppia è molto compromesso. Sembra in apparenza che la donna non sia interessata al problema e chieda rassicurazioni per consolidare le proprie conoscenze sulla sessualità, cosiddetta “ normale”anche su internet.

Occorre specificare che ci sono due tipologie di eiaculazione precoce, tuttavia la causa è sconosciuta. L’eiaculazione primitiva, che persiste dall’inizio della vita sessuale nel 70% degli uomini e può anche peggiorare nel tempo. L’eiaculazione secondaria, cosiddetta acquisita, si verifica dopo un periodo di sesso “normale”. Alla bottom di questo cambiamento, possiamo trovare: ansia da prestazione, problemi relazionali, problemi psicologici, una disfunzione erettile, ipertiroidismo o la sindrome da astinenza di sostanze stupefacenti oppiacee.

La donna si sposta spesso in una spirale di emozioni che vibra, al pari di quelle di una vita erotica appagante, secondo un verso contrario. Infatti, il conflitto è spesso presente in coppie che non sono in grado di realizzare una sessualità appagante o, viceversa, si esaspera una calma piatta di emozioni. La mancanza di controllo sull’eiaculazione può causare una perdita di fiducia dell’uomo, e una frustrazione per la donna. Il 37% delle donne coinvolte può sfociare in un calo del desiderio. Il rischio per la coppia è che l’eiaculazione precoce la conduca in una spirale verso il basso: questo disturbo diventa fonte di tensione e il conflitto aumenterà il rischio di peggiorare il sintomo.

Ci sono fattori della personalità associati all’eiaculazione precoce?  Alcuni studi parlano di persone molto tolleranti e compassionevoli criminal gli altri, dispersive, incapaci di mirare ai propri obiettivi. Altri studi parlano di pazienti criminal un tratto di personalità iperattivo, improntato da ansia e anaffettività fino all’alessimia. Il pensiero del controllo dell’eiaculazione anticipa il fallimento. Il circolo vizioso nasce dall’ansia della opening e ruota dall’alta eccitazione e fino all’anticipazione del fallimento.

Quando la donna scopre l’eiaculazione precoce del partner?  Spesso la donna non è consapevole di questa velocità di contatto e si abitua ad una sessualità poco gratificante. In assenza di confronti è molto difficile che la donna ammetta di non avere una buona sessualità e si adatta alla carenza di controllo dell’eiaculazione criminal una sessualità che gira intorno ad altri tipi di performance, rispetto alla penetrazione. Tuttavia la possibilità di distrarsi dalla coppia è sempre presente, pertanto si può accogliere la novità e venirne rapiti! Il furto della sessualità fa riscoprire alla donna un mondo sconosciuto e genera contemporaneamente un gift risentimento nei riguardi del partner.

Ci sono soluzioni per quest’uomo che non riesce a concentrarsi sulle proprie emozioni? In generale, ci sono due opzioni che possono essere complementari:

L’approccio comportamentale spiega all’uomo come identificare e controllare il livello di eccitazione, riducendo l’ansia e aumentando la fiducia in se stesso. Le tecniche più conosciute sono la “stop and go”, o “Squeeze”. In questo contesto, la partner può svolgere un ruolo importante nella presa in carico della terapia mansionale, se sarà coinvolta direttamente.
L’uso di farmaci è controverso: antidepressivi, che aumentano il livello di serotonina, anestetici locali e la dapoxetina. In particolare, quest’ultimo farmaco non è rimborsabile, contiene un potente inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina.

Si tratta di un trattamento alla domanda, 1-3 ore prima dell’attività sessuale, disponibile in due dosaggi . Una rivalutazione deve essere fatta dal medico dopo le primary 4 settimane di trattamento. La sua associazione criminal droghe  o alcool dovrebbe essere evitata per non esporsi a potenziali gravi interazioni farmacodinamiche. Due studi attestano la mancanza di interazione tra il composto e un tipo di PDE 5 come tadalafil (Cialis) o sildenafil (Viagra) .

Il farmaco non  sostituisce la terapia comportamentale; l’approccio sesso-terapeutico sicuramente è indispensabile per un risultato soddisfacente.
L’esito della terapia dipende da tre fattori: la natura della disfunzione, la struttura intrapsichica del paziente e la qualità della relazione criminal il partner. Nell’arco di alcune settimane, se il desiderio di uscire dal problema non ha aspetti difensivi nei riguardi di un conflitto relazionale, l’esito della terapia dà buoni risultati. Considerando che la riscoperta dell’intimità nella coppia è una risorsa sconosciuta, questi pazienti sembrano essere all’inizio di una nuova vita; un giro di boar che spesso coincide criminal la maturità sessuale.

Maria Paola Simeone
Maria Paola Simeone ginecologa, sessuologa, ha creato una proposta di modello sperimentale del Servizio di sessuologia per la prevenzione della violenza in Europa,per accompagnare le donne nei riti di passaggio della vita dall’adolescenza alla menopausa. Lavora nella Asl a Bari; si occupa di: adolescenza, menopausa, problemi di coppia, di identità di genere, di dolore pelvico.  Nelle scuole ha attivato corsi sull’affettività, sulla sessualità, per la consapevolezza nella comunicazione virtuale e per la diagnosi precoce dell’endometriosi. E’ membro della FISS (Federazione di sessuologia), dell’EFS (Società Europea di Sessuologia) e dell’ESSM (Società di Sexual Medicine). Partecipa ai convegni internazionali e alla ricerca in ginecologia e sessuologia. Autrice del libro ”l‘intimità perduta, oltre la sessualità alla ricerca dell’eros” Europa edizioni 2014

<!– –>

Leggi Anche

#Disturbi #Sessuali Per 8 Mln Di Italiani: Nasce L’ #Orgasmometro …

<!– –> Nonostante in questo periodo si parli molto di fertilità, i disturbi sessuali, che …