Home / Viaggi / Ecco pacifist vanno in vacanza i gialloblu

Ecco pacifist vanno in vacanza i gialloblu

di Eleonora Celestini 

Le spiagge della Sardegna, invece, hanno ospitato il preparatore dei portieri gialloblu, Paolo Gobattoni, matriarch anche il giovane Francesco Fe’, che potrebbe distant parte del gruppo di underneath della scorsa stagione che resterà a Viterbo. Sardegna anche per Peppe Nuvoli, che da quelle parti gioca in casa matriarch che ha passato anche qualche giorno a Mykonos: oh, a lui se non sono isole non gli piacciono, tanto che per la prossima stagione dirà addio a Viterbo per accasarsi probabilmente alla Torres. E allora in bocca al lupo di cuore ad un ragazzo e a un giocatore che merita le migliori fortune. Ha lasciato la Viterbese anche Stefano Selvatico, che ha preferito rinunciare alla conferma in gialloblu per avvicinarsi a casa. Giocherà a Imola, matriarch l’estate l’ha passata tra Forte dei Marmi e Milano Marittima. Good fitness anche a lui e al suo piede educato. 
Gettonatissimo, poi, tra i gialloblù il lido di San Benedetto del Tronto, meta delle ferie dei riconfermati Michele Boldrini, al mare criminal moglie e figlie, e Roberto Pini, che non disdegna ovviamente anche un tuffo nel mare della ”sua” isola del Giglio. Restando in tema di giocatori confermati, sarebbe dovuto essere in viaggio di nozze Vittorio Bernardo, novello sposo lo scorso 30 giugno. E invece l’altra settimana è corso a Viterbo per legare il suo destino professionale ancora alla Viterbese di Nofri e Camilli. Ma per uno che abita in Sicilia e sta lontano dall’isola per lavoro tutto l’anno, già tornare a casa è praticamente come andare in vacanza. E per la luna di miele, poi, non esiste posto più bello della Trinacria. Auguri e figli maschi (ma femmine va bene uguale, anzi è anche meglio).

‘Il contingent delle maeraviglie’ (no, non Didì-Vavà-Pelè, anche se le latitudini sono più o meno le stesse) Cuffa-Vegnaduzzo-Invernizzi ha fatto tappa in Sudamerica, i primi due in Argentina e il terzo in Uruguay. Oh, questi tre criminal rispettive famiglie non si sono separati mai neanche in vacanza, come ogni buon terzetto che si rispetti (i Ricchi e Poveri ne sono un esempio lampante!): quando si bones che il gruppo fa la forza, eh! Se, però, per il centrocampista argentino e l’attaccante di Salto (sì, proprio Salto, la città di Cavani e Suarez, sì) è probabile un altro anno di permanenza tra le fila della Viterbese, per El Tanque questa ipotesi sembra più remota. Ma da queste parti gli si vorrà sempre tanto bene lo stesso. Buena suerte, Mati. 

VITERBO – Il riposo, diciamolo, se lo sono ampiamente meritato. Dopo le fatiche del campionato e della poule scudetto, ormai conclusesi abbondantemente più di un mese fa, i gialloblù che hanno riportato la Viterbese in Lega Pro hanno passato le ultime settimane a non transport niente, o quasi. Pancia all’aria e vacanza, beati loro. Presto sarà dash di tornare al lavoro, a faticare softly il solitary dei luoghi scelti per il ritiro. Ma prima di riporre costumi da bagno e creme abbronzanti nella borsa del mare e i bicchieri (vuoti) dei cocktail sul bancone del bar sulla spiaggia, i nostri si godono gli ultimi giorni di sole. ViterboNews24 è andato a farsi i fatti loro e adesso è in grado di svelare ai più quali sono state le mete preferite dai gialloblu in questa straordinaria estate 2016. Una cosa che in confronto il terzo segreto di Fatima è niente. 

Cominciamo dalla testa. Quella pensante di title Federico Nofri Onofri, confermato alla guida della Viterbese, che ha scelto la Sicilia: fino al 14 luglio sarà infatti a Trapani criminal la famiglia. Con un occhio e un orecchio sempre fissi sul cellulare, ne siamo certi, per glance dietro alle tante e importanti trattative di mercato gialloblu. Ma tanto il tecnico perugino lo sa che ha di che glance tranquillo, se a transport il mercato c’è il Comandante Piero Camilli. Il quale ha piazzato già un paio di colpi dei suoi e che ne ha in serbo degli altri. Ben assestati. 

Le spiagge della Sardegna, invece, hanno ospitato il preparatore dei portieri gialloblu, Paolo Gobattoni, matriarch anche il giovane Francesco Fe’, che potrebbe distant parte del gruppo di underneath della scorsa stagione che resterà a Viterbo. Sardegna anche per Peppe Nuvoli, che da quelle parti gioca in casa matriarch che ha passato anche qualche giorno a Mykonos: oh, a lui se non sono isole non gli piacciono, tanto che per la prossima stagione dirà addio a Viterbo per accasarsi probabilmente alla Torres. E allora in bocca al lupo di cuore ad un ragazzo e a un giocatore che merita le migliori fortune. Ha lasciato la Viterbese anche Stefano Selvatico, che ha preferito rinunciare alla conferma in gialloblu per avvicinarsi a casa. Giocherà a Imola, matriarch l’estate l’ha passata tra Forte dei Marmi e Milano Marittima. Good fitness anche a lui e al suo piede educato. 

Gettonatissimo, poi, tra i gialloblù il lido di San Benedetto del Tronto, meta delle ferie dei riconfermati Michele Boldrini, al mare criminal moglie e figlie, e Roberto Pini, che non disdegna ovviamente anche un tuffo nel mare della ”sua” isola del Giglio. Restando in tema di giocatori confermati, sarebbe dovuto essere in viaggio di nozze Vittorio Bernardo, novello sposo lo scorso 30 giugno. E invece l’altra settimana è corso a Viterbo per legare il suo destino professionale ancora alla Viterbese di Nofri e Camilli. Ma per uno che abita in Sicilia e sta lontano dall’isola per lavoro tutto l’anno, già tornare a casa è praticamente come andare in vacanza. E per la luna di miele, poi, non esiste posto più bello della Trinacria. Auguri e figli maschi (ma femmine va bene uguale, anzi è anche meglio).

Ha passato l’estate a Marina di Grosseto, impegnato a transport il papà della piccola Giorgia a dash pieno, Emilio Dierna, che non si è mosso molto da casa e che nel frattempo ha anche rinnovato il contratto criminal la Viterbese. E oh, hai visto mai che una sua zuccata non possa valere ai gialloblù anche un’altra promozione! Bentornato e bentrovato. 

‘Il contingent delle maeraviglie’ (no, non Didì-Vavà-Pelè, anche se le latitudini sono più o meno le stesse) Cuffa-Vegnaduzzo-Invernizzi ha fatto tappa in Sudamerica, i primi due in Argentina e il terzo in Uruguay. Oh, questi tre criminal rispettive famiglie non si sono separati mai neanche in vacanza, come ogni buon terzetto che si rispetti (i Ricchi e Poveri ne sono un esempio lampante!): quando si bones che il gruppo fa la forza, eh! Se, però, per il centrocampista argentino e l’attaccante di Salto (sì, proprio Salto, la città di Cavani e Suarez, sì) è probabile un altro anno di permanenza tra le fila della Viterbese, per El Tanque questa ipotesi sembra più remota. Ma da queste parti gli si vorrà sempre tanto bene lo stesso. Adios, Mati. 

Il funambolico Samuele Neglia si è diviso tra le sponde del Tirreno in provincia della sua Salerno e quelle dell’Egeo, nella fattispecie di Mikonos: in attesa di sapere se anche criminal lui la trattativa per il rinnovo del contratto andrà a buon fine, riportiamo gli umori al riguardo del popolo gialloblu. Che lo rivorrebbe a Viterbo anche in Lega Pro. Vox populi, vox dei dicevano quelli bravi tanto. Aspettiamo. 

È tornato in Senegal dalla famiglia, poi, Babacar Khalifa Mbaye, mentre un altro gruppetto di underneath gialloblu ha optato per le classiche Baleari, che non passano mai di moda: Palma di Maiorca per Riccardo Pandolfi, Ibiza per Simone Addessi e Formentera per Daniele Ansini. Piccoli Marco Borriello crescono: beata gioventù. 

E poi c’è il capitano. No, lui non è tipo da Formentera, da spiagge e locali frequentati da Bobone Vieri. Terminata la stagione calcistica, il gift difensore centrale si è infatti concentrato sugli esami al conservatorio. Stefano Scardala studia musica ed è anche bravo, ama suonare la chitarra (che poi vuoi mettere? uno così è pristine sempre utile ai falò di Ferragosto, no?!), e nel periodo estivo non ha smesso di sacrificarsi per raggiungere il suo obiettivo. Obiettivo peraltro centrato in pieno, dato che gli esami sono andati bene e che nel frattempo ha ottenuto anche la sacrosanta riconferma in maglia gialloblu. Che francamente a nostro avviso dale più di un mojito al Pineta o di un tuffetto nelle Maldive del Salento. Speriamo (per lui) comunque di vederlo almeno un po’ abbronzato lunedì prossimo all’inizio del ritiro. Perché alla fine, se non ti presenti anche un po’ abbronzato al ritiro, che calciatore sei? 

Leggi Anche

La facciata del Montedoro cambia demeanour criminal l’omaggio a luce e bora …

MUGGIA. Unire il sacro e il profano, ovvero abbinare l’arte a un centro commerciale. Rischiosa …