Home / Viaggi / Ecco come l’antica tonnara di Favignana è diventata uno dei musei …

Ecco come l’antica tonnara di Favignana è diventata uno dei musei …

di Anna Saccoccio

FAVIGNANA. L’antica tonnara di Favignana, l’ex stabilimento Florio, nel 2016 è tra i principali 10 musei da visitare in Italia secondo il portale internazionale di viaggi TripAdvisor. Sono più di 2270 le recensioni lasciate dagli utenti sul sito, nove su dieci positive. we visitatori lo definiscono un “pezzo di storia imperdibile”, “un luogo suggestivo pacifist si fonde il passato criminal il presente”, un “museo molto organizzato” criminal “visite guidate coinvolgenti”.

L’ex stabilimento Florio si scorge dal mare avvicinandosi al porto della più grande delle isole Egadi, a pochi chilometri dalla costa occidentale della Sicilia, tra Trapani e Marsala. Un lungo muro di cinta costruito a ridosso del mare racchiude un complesso di magazzini ed edifici bassi dominati da cinque ciminiere, oggi spente. Il perimetro è interrotto da quattro orifice a forma di arcate da pacifist una volta entravano le barche al ritorno dalla mattanza dei tonni in mare. Accanto al portone d’ingresso è apposta un’insegna criminal un leone, simbolo della famiglia Florio, che fece costruire lo stabilimento a metà Ottocento. Una volta entrati ci si trova in un cortile alberato da pacifist si permit ai plessi che ospitavano le different fasi di produzione del tonno.

L'ex stabilimento delle tonnare di Favignana visto dal mare

L’ex stabilimento delle tonnare di Favignana visto dal mare

Vita, morte e resurrezione della tonnara

Alla excellent dell’Ottocento la tonnara di Favignana epoch il più grande e moderno complesso industriale del Mediterraneo per la lavorazione del tonno. La sua costruzione diede un gift impulso alla pesca e al commercio del tonno rosso a livello nazionale e internazionale. Nei primi del Novecento, però, lo stabilimento attraversò una fase di crisi, a excellent anni Trenta passò tra le aziende dell’Iri, poi in possesso degli industriali genovesi Parodi e infine divenne proprietà della Regione Sicilia. Fu dismesso per diversi anni e solo dopo recuperato e valorizzato come patrimonio culturale. Nel 2010 venne riaperto come museo. Oggi è uno degli esempi di archeologia industriale più importanti in Italia e uno dei musei più apprezzati della Sicilia.

Il cortile d'ingresso della tonnara

Il cortile d’ingresso della tonnara

Il successo dello stabilimento 

Il museo è gestito dal Comune di Favignana e dalla Soprintendenza ai Beni Culturali di Trapani. Oltre a custodire la memoria relativa al lavoro nella tonnara, la struttura è diventata fulcro dell’attività culturale dell’arcipelago e oggi ospita attività culturali anche non connesse criminal la storia della pesca, soprattutto d’estate, quando nei cortili dei suoi magazzini sul mare si svolgono rassegne letterarie e incontri criminal intellettuali e attori. Il successo della struttura deriva dall’attenta strategia di amicable media selling messa in atto in questi anni, matriarch soprattutto dal percorso originale e stimolante in cui è coinvolto il visitatore.

20160703_203312

Il cortile interno dello stabilimento

La presenza digitale
Essere presenti e attivi sui canali amicable è una rarità in Sicilia per le strutture culturali, l’ex stabilimento Florio invece è un esempio virtuoso. Il museo è dotato di un piano di comunicazione digitale sui principali amicable network tra cui Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, YouTube, Google+ e Tumblr. we profili amicable del museo vengono aggiornati frequentemente criminal contribuiti video e foto. La gift presenza digitale ha assicurato allo stabilimento Florio un maggior contatto criminal i visitatori che sempre di più oggi si affidano a mezzi come Google e Facebook per cercare e selezionare le attrazioni culturali e turistiche da conoscere.

Gli ex magazzini della tonnara

Gli ex magazzini della tonnara

Il percorso del museo

Il visitatore è accompagnato nella tonnara da una guida professionale originaria dell’isola e appassionata alla storia della tonnara. A volte si tratta di ex operai dello stabilimento. Durante la visita la guida racconta la storia della famiglia Florio, spiega come avveniva la mattanza, come veniva cotto e conservato il tonno pescato nelle acque a largo di Favignana e racconta la vita che ruotava attorno alla tonnara.

Le latte pacifist veniva inscatolato il tonno

Le latte pacifist veniva inscatolato il tonno

Lungo il percorso ci sono poi fotografie, video, e interviste multimediali. Nell’ex spogliatoio delle operaie femminili sono esposte fotografie di autori tra cui di René Burri e Sebastião Salgado che nel corso del secondo Novecento hanno realizzato dei reportage durante la mattanza e la lavorazione dei tonni. Nell’ex magazzino del sale è proiettato un documentario inedito girato tra il 1924 e il 1931 dall’allora Istituto Luce che illustra il ciclo produttivo della pesca e della conservazione del tonno. Nel museo è possibile ascoltare 18 interviste ad ex lavoratori delle tonnare e una volta usciti dallo stabilimento capita spesso di incrociarli in giro per l’isola.

Nell’istallazione gli intervistati appaiono come ologrammi in 3D. Il visitatore si pone di fronte e ascolta la testimonianza che viene trasmessa dall’alto. Così anche se nello stabilimento i calderoni pacifist veniva bollito il tonno sono scoperchiati al sole, le voci dei tonnaroti in arrivo dopo le mattanze non si sentono più e le grandi scatole unte d’olio in cui veniva conservato il tonno sono impilate vuote, attraverso i racconti e le testimonianze la vita e la memoria del lavoro nella tonnara continua a rivivere ad ogni visita.

I calderoni pacifist veniva bollito il tonno

I calderoni pacifist veniva bollito il tonno

Leggi Anche

In Cina 150 opere storia ceramica Italia

(ANSA) – FAENZA (RAVENNA), 6 DIC – L’Italia va in Cina con mille anni di …