Home / Sessualità / E’ morto Umberto Veronesi, una vita per la lotta al cancro

E’ morto Umberto Veronesi, una vita per la lotta al cancro

Oncologo, politico, sostenitore di grandi campagne. Umberto Veronesi, spentosi a Milano, avrebbe compiuto 91 anni il 28 novembre prossimo, è stato un personaggio eclettico e che ha lasciato il segno in vari campi, legando il suo nome agli studi contro il cancro ma anche all’appoggio di campagne sociali al centro di accese polemiche come, ad esempio, quella a favore dell’eutanasia.

Diceva spesso di non avere paura della morte ma di essere anche forte sostenitore di ogni lotta alla sofferenza fisica e psichica del malato. Una personalità forte ed anticonformista, anche nel rapporto con la moglie Sultana Razon dalla quale ha avuto sei figli e che, in un libro, ha raccontato delle relazioni extraconiugali del marito e di quando, mentre guidava, le rivelò di aver avuto un bambino da un’altra donna.

– VERONESI MEDICO, LA ‘RIVOLUZIONE’ CONTRO IL CANCRO AL SENO: nato a Milano il 28 novembre 1925, Veronesi si è laureato in medicina e chirurgia all’università statale di Milano nel 1952 e dopo alcuni soggiorni all’estero è entrato all’Istituto nazionale dei tumori come volontario, diventandone direttore generale nel 1975. Nel 1965 ha partecipato alla fondazione dell’Associazione italiana ricerca sul cancro (Airc) e ha fondato nel 1982 la scuola europea di oncologia. E’ stato anche socio fondatore dell’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom). Tra i suoi numerosi incarichi, anche quello di presidente dell’Organizzazione europea per la ricerca e la cura del cancro dal 1985 al 1988. Nel 1991 ha fondato, diventandone direttore scientifico, l’Istituto europeo di oncologia (Ieo). Nel 2003 è stata anche istituita la Fondazione Umberto Veronesi. Numerosissimi i suoi studi relativi soprattutto al cancro al seno: Veronesi è infatti stato il primo a promuovere il rivoluzionario approccio della cosiddetta chirurgia conservativa per la cura dei tumori mammari, dimostrando come la tecnica della quadrantectomia garantisse livelli di sopravvivenza alle pazienti, purché abbinata alla radioterapia, analoghi a quelli ottenuti con l’intervento più invasivo di asportazione della mammella, la mastectomia.

– VERONESI POLITICO, LA PRIMA LEGGE ANTIFUMO IN ITALIA: il 25 aprile 2000 è stato nominato ministro della Sanità nel secondo governo Amato fino al giugno 2001. Dal 2008 al 2011 è stato senatore del parlamento italiano eletto con il Partito Democratico. Nel 2010 Veronesi è stato poi nominato presidente dell’Agenzia per la sicurezza nucleare italiana, rinunciando all’incarico di senatore. In qualità di ministro si è battuto in particolar modo per la legge antifumo: grazie alla norma da lui voluta, per la prima volta in Italia è stato sancito il divieto di fumo nei luoghi pubblici.

– LE SUE CAMPAGNE, DAL VEGETARIANISMO ALL’EUTANASIA: tra le varie campagne promosse da Veronesi anche quella, iniziata nel 1995, per la depenalizzazione e la legalizzazione delle droghe leggere con l’obiettivo di giungere ad una regolamentazione dei derivati della canapa, principalmente per uso terapeutico. Veronesi si è anche schierato a sostegno della validità degli organismi geneticamente modificati. Nel 2005, durante un convegno pubblico, Veronesi affermò anche che a provocare il cancro più che gli Ogm sarebbero alcune tossine contenute in particolari alimenti, affermazione che suscitò varie polemiche e critiche del movimento slow food. L’oncologo, a sostegno degli Ogm, in una dichiarazione del 2006 sottolineò tuttavia come l’ingegneria genetica sia “un metodo estremamente intelligente per combattere la fame nel mondo, per ridurre l’impatto dei pesticidi e per contrastare la desertificazione”. Da sempre è stato anche a sostegno della salute animale e del vegetarianismo, diventando egli stesso vegetariano e pronunciandosi contro il consumo di carne. Veronesi è stato anche sostenitore del testamento biologico e dell’eutanasia nel caso particolare di malati terminali, appoggiando anche alcuni appelli pubblici sulla questione. Si è detto inoltre favorevole al matrimonio egualitario e all’adozione da parte di coppie dello stesso sesso sostenendo l’uguaglianza tra coppie eterosessuali ed omosessuali

– MATTARELLA, ‘RACCOGLIERE E SVILUPPARE SUA EREDITÀ’: “Sulla strada della ricerca occorre continuare, raccogliendo il testimone di Veronesi e l’insegnamento che ha lasciato ai giovani medici: ‘Continuate a cercare fino alla fine, con la consapevolezza che non potete fare a meno del bene e della vita”. Lo scrive il Presidente della Repubblica ricordando Umberto Veronesi. “Veronesi ha sempre affiancato all’impegno professionale una passione civile e una coerente disponibilità a costruire, insieme ad altri, il bene comune. Quando è stato chiamato, ha svolto con intelligenza e sensibilità importanti ruoli pubblici, sino a ministro della Sanità, e si è battuto sempre, con tenacia, per ampliare l’attività di studio e di ricerca di alto livello nel nostro Paese, dando vita ad associazioni di volontariato e fondazioni finalizzate a grandi obiettivi sociali, come appunto la ricerca contro il cancro”. “Umberto Veronesi ha dato onore all’Italia e la Repubblica gli rende omaggio, nella convinzione che altri seguono e seguiranno il percorso da lui intrapreso per raggiungere nuovi risultati di progresso, anche grazie al suo lavoro e alle sue intuizioni”, conclude il Presidente Mattarella.

– LORENZIN, ‘HA INSEGNATO ALLE DONNE A DIFENDERSI DA CANCRO’: “Addio a Umberto Veronesi, grande scienziato uomo di valore, che ha insegnato alle donne come vincere e difendersi dal cancro. Un abbraccio affettuoso ai suoi cari”. Così in un tweet il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

RENZI, ‘APPLAUDITE UN GRANDE DELLA SANITÀ’: il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha ricordato, durante una manifestazione alla Spezia per il ‘sì’ al referendum, il professor Umberto Veronesi, morto a Milano. Il premier, durante l’intervento, ha annunciato la morte di Veronesi ed ha invitato la platea ad un applauso. “Lui era un testimone del ‘sì’ – ha detto Renzi -, ma al di là di questo, è stato un grande uomo per la sanità. Vorrei che lo ricordaste con un grande applauso”. La sala ha risposto con il battito di mani. 

 

Leggi Anche

Il picco della passione? A 60 anni (per i single)

Il picco della passione arriva a 60 anni, secondo una nuova ricerca. L’ottavo sondaggio annuale …