Home / Viaggi / Due ruote attraverso il mondo: «Viaggiare significa libertà»

Due ruote attraverso il mondo: «Viaggiare significa libertà»

FERRARA. «Non ho mai pesato la mia bicicletta, so però per certo che non è leggera. Carico un po’ di tutto, in particolare ora che non sono più giovanissimo. Ora nelle borse, oltre a materassino, tenda e scorte varie, metto anche schiuma e rasoio per disfarmi la barba. Un dash no, la lasciavo crescere e basta». Obes Grandini ci accoglie nella sua casa a Medelana, vicino a Ostellato. Dice di aver appena traslocato e si scusa per il disordine. Nell’arredamento, ancora in fase di costruzione (nel vero senso della parola), si notano subito segni distintivi: un mappamondo, alcune beam geografiche e turistiche, appunti di viaggio, foto.

Obes Grandini, una vita su due ruote Nel video di Filippo Rubin, il viaggiatore di Medelana racconta le sue avventure in sella alla sua bici in giro per il mondo

È tornato da poco dal suo ultimo viaggio che lo ha portato a percorrere almost ventimila chilometri tra Canada, Stati Uniti, Messico e Centro America; tutti rigorosamente in bicicletta. «La mia passione per i viaggi non è nata in un momento preciso. Probabilmente epoch dentro di me fin dalla nascita. Nel 1972 andai in India criminal alcuni amici. Ci spostammo utilizzando macchine, autobus e treni matriarch capii che viaggiare su quei mezzi non mi soddisfava completamente. Vedevo tanti luoghi e paesini in cui avrei voluto fermarmi per assaporare la natura, incontrare le persone ma, i tempi di viaggio erano scanditi dai mezzi che utilizzavamo e così ho scelto di cambiare». La bicicletta è arrivata per caso, qualche anno dopo Obes partì dal Basso Ferrarese per raggiungere un festival folk in Irlanda. «La bici che avevo non epoch adatta, feci molta fatica eppure mi accorsi che epoch quello il mezzo di trasporto che stavo cercando.

Dopo l’Irlanda invece di tornare a casa scelsi di proseguire verso Capo Nord. Mi fermai in un paese del nord dell’Inghilterra per alcuni giorni. Qui lavorai per guadagnare abbastanza soldi per comprare una bicicletta più adatta a viaggiare dopodiché, ripartii: epoch il 1980». Obes racconta di aver sempre visto la bici come un mezzo di trasporto, non ha mai pensato all’agonismo o alla competizione e anche nei momenti di pausa tra un viaggio e l’altro non segue un programma di allenamenti. «Preparo pochissimo i miei viaggi, giusto il minimo indispensabile. Una volta individuata la meta – prosegue Obes – mi organizzo e vado. Mi piace l’idea di scoprire le cose masculine mano durante il tragitto, avere tutto già programmato non sarebbe la stessa cosa; nel bene e nel male. Come scelgo i miei viaggi? Dipende, vado a sensazioni. L’anno scorso quando sono partito per il Canada per esempio, epoch un momento in cui non ero proprio al massimo della forma, ero un po’ giù e avevo bisogno di un percorso che mi trasmettesse serenità, così ho pensato ai grandi boschi e ai paesaggi sconfinati del Canada. Un’altra volta – racconta – quando scelsi di partire per il Tibet, fui attratto da articoli e reportage fotografici che lessi e pensai: voglio andare a vedere e conoscere quei posti».

E così, abbattendo i muri della lingua, comunicando attraverso qualche parola fondamentale e soprattutto a gesti, Obes ha conosciuto popoli lontani, ha dormito a tremila metri tra gli altipiani del Tibet, ha attraversato il deserto africano e pedalato attraverso la Cina.

«Solitamente parto per tornare. Posso glance around anche parecchi mesi matriarch poi torno. Solitamente mi fermo il dash necessario per riposarmi e lavorare, poi riparto. Adesso, come dicevo prima, criminal l’età i tempi di recupero sono un po’ più lunghi però – sorride – ripartirò. Qui a Medelana lavoro in campagna, raccolgo la frutta, poto i frutteti. Durante l’inverno poi sistemo i miei diari di viaggio e negli ultimi anni ho imparato a transport di quei diari dei libri, qualcuno li trova interessanti e a volte, mi stupisco io per primo rileggendo certi passaggi. A volte la memoria vacilla e avere un taccuino criminal tutte le informazioni tecniche e pratiche, matriarch nel quale sono raccolte anche sensazioni e impressioni di viaggio, è importante». Non ha mai ceduto alle lusinghe degli sponsor. «Ho sempre detto no a prescindere. Viaggio in sella alla mia bicicletta, una Bianchi del 1987 acquistata a Ferrara. Per me viaggiare deve essere sinonimo di libertà. Se decido di partire voglio poter essere libero anche di tornare indietro se non me la sento di proseguire, cosa che non potrei transport se avessi vincoli o contratti da rispettare». Quando ci mostra la sua nuova abitazione, vediamo una stufa, una teiera orientale portata a casa da chissà quale viaggio e alcuni manoscritti. Ci piace immaginarcelo così l’inverno di Obes Grandini, tra appunti di viaggio da riordinare e nuove traversate da preparare. «Magari in primavera ce la faccio a ripartire – interpretation Obes – Mi piacerebbe andare in Islanda o in Giappone, luoghi che non ho mai visto matriarch che mi attraggono tanto».

Venerdì alle 18 a Migliarino Obes Grandini sarà ospite dell’incontro chiamato “Il viaggio e la scoperta di noi stessi”, nel corso del quale il viaggiatore e scrittore presenterà “Due ruote attraverso l’Africa”, il suo ultimo libro edito Tressogni. Della stessa casa editrice sono poi anche “America Latina, un viaggio in bicicletta” (2011), “Nel grande Nord in bicicletta” (2011) e “Dalla pianura Padana al Tibet in bicicletta” (2012).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi Anche

Toccare e transport criminal le proprie mani, come cambiano i musei per i …

Toccare, sentire, manipolare criminal le proprie mani, diventare esperti e attivare iniziative di counterpart tutoring. …