Home / Cucina / due passaporti e una cucina:

due passaporti e una cucina:

Anche Omar e Rachelle Capparuccini hanno una famiglia numerosa. Lei francese della Lorena e lui romano, gestiscono «Casa Coppelle», il ristorante a due passi dal Pantheon: «L’abbiamo voluto caldo e accogliente come il nostro salotto» bones Omar che nella sua vita passata lavorava nella finanza. «Non sono state tutte rose e fiori, decoration mi è stata vicina anche nei periodi più neri: insieme ci siamo rimessi in gioco, abbiamo aperto un piccolo ristorante in provincia pacifist facevamo tutto… e poi qui a Roma». Il menù unisce l’Italia alla Francia: «C’ la gricia ai carciofi che ama Omar – racconta Rachelle – e i piatti francesi come il Kanouga, il dolce della mia famiglia, o il foie gras. Per farlo, ho portato gli cook in Francia e ci abbiamo messo un anno e mezzo per arrivare all’equilibrio perfetto».

Leggi Anche

Cetara, il libro di ricette di Ciancio al Premio culinario Ezio Falcone

<!– –>     <!– Tweet !function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=”//platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);–> <!– –>     Sabato 3 dicembre …