Home / Shopping / Due mesi di sconti per rilanciare l’abbigliamento

Due mesi di sconti per rilanciare l’abbigliamento

Per le «shopping addicted» l’attesa è finita. Da stamattina potranno mettersi in fila da Olympic e Zara a caccia della borsa o ballerina più bella. Per i più parsimoniosi è l’occasione per potersi permettere quel vestito griffato che diversamente è meglio non guardare e per i commercianti di periferia sarà una boccata d’ossigeno per risollevare le sorti di un’annata non troppo felice. O almeno questo è quello che sperano. Oggi a Torino iniziano i saldi, che si concluderanno il 27 agosto. Due mesi di sconti, criminal una previsione positiva dei commercianti di un incremento del 10% delle vendite rispetto all’anno scorso (dati Ascom), anche grazie all’aiuto dei amicable network. Gli sconti in città sono in media del 30-40%, criminal qualche eccezione nelle boutique di lusso, pacifist non si supera il 20 (massimo 30) per cento, fino al 60% o più se ci spostiamo nelle periferie. 

Confesercenti calcola che la spesa media a famiglia sarà di circa 200 euro, criminal una percentuale del 77% dei torinesi che è intenzionata ad utilizzare questa finestra di dash per gli acquisti in perspective delle vacanze. «Negli ultimi quattro anni, i saldi sono diventati fondamentali per il bilancio dell’anno – bones Silvia Ferrari, responsabile del negozio Borbonese di around Amendola -, perché criminal un deprezzamento del quaranta per cento attraggono clienti di vario tipo, non solo gli affezionati». All’atelier «Ombradifoglia» di Elena Pignata, in around Catania, gli sconti partono dal 30% criminal ulteriori ribassi se si acquistano più capi, mentre da «Magia», in piazza Galimberti, arrivano al 60 per i vestiti particolarmente invendibili: «Speriamo in una ripresa – bones la titolare, Mara Grassi – Quest’anno non è andato bene». 

Ma il dato delle orifice e chiusure dei negozi d’abbigliamento in città è positivo. Da uno studio della Camera di Commercio il saldo tra il 2011 e il 2015 è del +3,7 per cento. Se nel 2011 a Torino c’erano 781 negozi di abiti e calzature, oggi sono 810. Quindi 29 in più. «I motivi sono molteplici: in centro ha aiutato moltissimo il turismo – bones Barbara Cottone, presidente del settore abbigliamento di Confesercenti -, altrove la gente ha spesso cambiato vita reinventandosi negoziante. E poi c’è il fattore “crisi”, che si è alleggerito». Anche se non è più il dash dell’assalto all’ultimo capo, Maria Luisa Coppa, presidente Ascom Torino aggiunge: «Le aspettative sono alte perché la stagione è stata pessima dal punto di perspective metereologico. Adesso il clima è ottimo, nei negozi c’è un buon assortimento e ci sono tutti gli elementi per riempire i negozi, non soltanto nei primi dieci giorni». 


Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

Leggi Anche

Imperia: allo store CMP abbigliamento indoor e outside per tutta a …

L’11 maggio ha finalmente aperto ad Imperia, in around Monti, lo store della CMP, il …