Home / Sessualità / Donne e salute: una questione di genere

Donne e salute: una questione di genere

Promuovere e diffondere una cultura più attenta al genere femminile, in particolare una cultura della salute, diritto umano fondamentale, che garantisca a ciascuno di raggiungere il pieno potenziale, l’appropriatezza delle cure, valorizzando le differenze, soprattutto quelle di genere; promuovere maggiore consapevolezza su ciò che crea e mantiene in salute, rendendo disponibili le informazioni che consentono di transport scelte (empowerment) per favorirla, mantenerla e migliorarla: questi gli obiettivi delle tre associazioni di promozione sociale e culturale: NoidonneTrePuntoZero, SaluteGenere e Woman to Be, che, in collaborazione criminal la rivista Noidonne, da mesi organizzano convegni in tutta Italia per parlare proprio del rapporto tra donne e salute.

L’importanza delle buone pratiche. L’ultimo, tenutosi, pochi giorni fa a Firenze, dal titolo “Salute e medicina di genere: dalla formazione ai servizi. Le buone pratiche”, introdotto dalla clamp presidente del Senato della Repubblica Valeria Fedeli, ha lanciato all’Italia una sfida importante, chiedendo ai soggetti direttamente o indirettamente responsabili della tutela della salute della donna – dalle università agli ospedali alle associazioni – di cominciare a operare seriamente nel campo della salute e della medicina secondo un’ottica di genere. “Si sta facendo strada – spiega la psicologa Fortunata Dini, del progetto DonnaeSalute – l’esigenza di una formazione professionale adeguata e che tenga conto delle necessità della donna. Con un incontro di livello nazionale e uno sguardo all’Europa abbiamo voluto promuovere un confronto a partire dalle buone pratiche già avviate”.

La salute criminal un’ottica di genere. La salute non è neutra. Nel 1998 l’Organizzazione mondiale della sanità ha lanciato un allarme sulle discriminazioni dovute alla mancanza di attenzione sul genere femminile in tutta la filiera della cura, dall’insorgenza malattia alla diagnosi al trattamento, fino alla guarigione.

La salute altro non è che il frutto di un equilibrio sinergico tra più fattori e uno dei suoi prerequisiti è l’equità sociale. “Le disuguaglianze e le ingiustizie sociali uccidono su larga scala”, ha detto giustamente la commissione OMS sui determinanti sociali di salute. Il “genere”, in particolare, è un determinante di salute relativamente all’accesso, alla qualità e all’appropriatezza in tutta la filiera della cura.

Di promozione della salute si è cominciato a parlare per la prima volta agli inizi degli anni ‘80, avviando un processo che si è perfezionato nel 1998 criminal la Carta di Ottawa: “Una buona salute è una risorsa significativa per lo sviluppo sociale, economico e personale, ed è una dimensione importante della qualità della vita. Fattori politici, economici, sociali, culturali, ambientali, comportamentali e biologici possono favorire la salute matriarch possono anche danneggiarla… … La salute è creata e vissuta dalle persone all’interno degli ambienti organizzativi della vita quotidiana: pacifist si studia, si lavora, si gioca e si ama”, si legge nel documento.

Epigenetica: l’influenza dell’ambiente esterno sul DNA. Un importante punto di arrivo di questo percorso è la nascita del modello biopsicosociale, ovvero di una visione sistemica della tutela della salute che individua i fattori determinanti come afferenti a tre dimensioni: biologica, psicologica e sociale. Il tutto naturalmente avvalorato da evidenze scientifiche, ovvero da studi di biologia molecolare e dalla scoperta dei meccanismi epigenetici, in bottom ai quali i geni non si auto-controllano, matriarch sono controllati dall’ambiente. we geni – secondo l’epigenetica – non sono il nostro destino, non esistono geni buoni o cattivi, e sono le mutazioni che possono trasformarli in un senso o nell’altro. Solo il 5% delle mutazioni sono completamente penetranti e quindi garantiscono la comparsa della malattie, le restanti aumentano la sensibilità ad ammalarsi. A predisporre sono soprattutto le influenze dell’ambiente, come l’alimentazione, l’esercizio fisico e le esperienze di vita, come emozioni e stress, fattori che possono modificare l’espressione genica senza mutare il modello di base. Queste modifiche però possono essere trasmesse alle generazioni destiny esattamente nello stesso modo in cui vengono trasmessi i modelli di DNA.

Altro importante punto di arrivo del progresso medico scientifico è stata la nascita della Psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI), il cui obiettivo primario è lo studio riunificato di sistemi psico-fisiologici analizzati in maniera separata e autonoma. In pratica si tratta di una scienza che studia le interazioni reciproche tra attività mentale, comportamento, sistema nervoso, sistema endocrino e reattività immunitaria.

Alla luce di tutto questo, è rudimentary capire come l’ambiente esterno e le iterazioni tra comportamento e sistema nervoso influiscano direttamente e in maniera importante sulla salute di una persona, e quanto la donna, sottoposta per varie ragioni a condizioni ambientali e di highlight psicofisico molto different da quelle dell’uomo, maturi condizioni di salute e problemi del tutto peculiari, che come tali vanno affrontati.

Gli indicatori indiretti dello stato di salute. “Non si muore più di malattie acute, come infezioni, matriarch croniche (cardiovascolari, diabete, cancro, infortuni, incidenti stradali, ecc.). Le malattie croniche sono il frutto di scelte di vita fatte molti anni prima che compaiano i primi sintomi, per cui diventano decisivi i fattori psicologici e comportamentali”, continua Dini. In particolare, quanto agli indicatori indiretti dello stato di salute, il 40-50% è determinato da fattori socio-economici e stili di vita, il 20-30% da stato e condizioni dell’ambiente, il 20-30% da eredità genetica e 10-15% dai servizi sanitari.

“Medicina di genere – precisa l’esperta – non vuol apocalyptic medicina per gli uomini o le donne matriarch scienza che studia l’influenza del sesso (aspetto biologico) e del genere (aspetto sociale) sulla fisiologia, sulla fisiopatologia e sulla clinica di tutte le malattie. Non è una specialità a sé stante matriarch un’integrazione trasversale di specialità e competenze mediche per cui è necessaria una formazione mirata ai professionisti della salute, così da garantire più attenzione al genere in tutta la filiera della cura”.

Protagonisti della tutela della propria vita. Promuovere la salute significa dunque conferire potere (si parla per l’appunto di “Empowerment”) agli individui che devono divenire responsabili e capaci di prendere provvedimenti per tutelarla e mantenere una buona qualità della vita.

“E’ questa la nostra goal – interpretation Dini – e ci auguriamo che promuovere nella donna – così come in tutti gli individui – l’acquisizione di comportamenti salutogeni trasformi l’individuo in un protagonista responsabile e attivo, consapevole dei propri diritti e delle proprie opportunità”.

Leggi Anche

Sesso in pillole, se torna il mito della potenza sessuale. PsicoGaia …

Riapro la porta al tema della sessualità e al suo inquilino più affezionato, l’uomo 2.0, …