Home / Shopping / Distretti economici, bene l’abbigliamento empolese e gli affari nel …

Distretti economici, bene l’abbigliamento empolese e gli affari nel …

Le esportazioni dei 17 distretti tradizionali della Toscana nel secondo trimestre 2016 si posizionano a un livello di poco inferiore al valore del 2015, che ha rappresentato il massimo dal 2008, superando 3,5 miliardi di euro e determinando una variazione tendenziale negativa (-1,3%) matriarch in attenuazione rispetto al valore del primo trimestre (-1,8%). Se però si escludesse il distretto Oreficeria di Arezzo, il dato risulterebbe positivo (+0,3%) e in linea criminal il risultato nazionale (+0,2%).

Nell’analisi del Monitor dei Distretti della Toscana realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo per Banca CR Firenze emerge come alcune realtà toscane affrontino criminal successo i mercati esteri, posizionandosi tra i migliori distretti a livello nazionale in termini di crescita delle esportazioni in valore assoluto: risultano tra le primary 20 il distretto della Pelletteria e calzature di Firenze (+6,7%), l’Olio toscano (+31,9%) e il Tessile e abbigliamento di Prato (+6,1%). Anche grazie al traino di queste realtà, a livello settoriale i distretti toscani si posizionano meglio del dato nazionale nel Sistema moda (sia intermedi che consumo) e nell’Alimentare e bevande.

Nel secondo trimestre confermano il trend positivo dei primi tre mesi dell’anno i distretti Abbigliamento di Empoli (+4,5%), Florovivaismo di Pistoia (+12,3%) e, seppur in maniera più contenuta, Concia e calzature di Santa Croce sull’Arno (+0,5%) e Cartario di Capannori (+0,4%).
Negativa appare invece la situazione per i distretti della Pelletteria e calzature di Arezzo (-40,0%), del Tessile e abbigliamento di Arezzo (-20,3%) e il citato distretto orafo aretino (-10,4%) non presenta ancora precisi segnali di ripresa, anche se a livello nazionale registra una riduzione minore degli altri distretti orafi. Non si registrano miglioramenti per i distretti delle Calzature di Lamporecchio (-5,5% nel secondo trimestre) che scontano il dato 2015 che ha rappresentato il miglior secondo trimestre degli ultimi dieci anni, e quello delle Calzature di Lucca (-14,5% nel periodo aprile-giugno 2016) che continua il trend di decrescita già registrato l’anno precedente. Per il distretto del Marmo di Carrara entrambi i comparti del materiale grezzo e lavorato hanno registrato nel secondo trimestre una variazione negativa rispettivamente del -10,5% per il materiale grezzo e del -6,8% per il lavorato, anche se a livello semestrale la variazione negativa si riduce per il totale del distretto a -4,0%.

Gli Stati Uniti continuano ad essere principale mercato di sbocco dei distretti toscani: nonostante il rallentamento nel periodo aprile-giugno (+0,9%), complessivamente nella prima metà del 2016 il valore delle esportazioni cresce del 6,0% verso gli USA. Da segnalare i buoni risultati ottenuti sul mercato europeo: in particolare si registrano incrementi significativi verso Spagna (+17,1% la variazione percentuale nel secondo trimestre) e Germania (+5,4%). Bene inoltre anche le esportazioni verso la Svizzera (+11,4%) pacifist sono presenti poli logistici di importanti operatori della pelletteria e calzature di Firenze.

“La Toscana risente di un rallentamento rispetto ai dati nazionali che nel secondo trimestre registrano una sostanziale invarianza grazie in particolare all’andamento nel Nord-Est che ha compensato i risultati negativi delle altre regioni – commenta Pierluigi Monceri, Direttore Generale di Banca CR Firenze –. Nonostante questo lieve divario negativo, è da rilevare come 3 distretti toscani si posizionino tra le primary 20 realtà distrettuali italiane criminal la crescita delle esportazioni più rouse in valore assoluto nel secondo trimestre 2016”.

Fonte: Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Empolese Valdelsa

Leggi Anche

Tentato furto di abbigliamento in Via Diaz, arrestato 24enne

  L’uomo, di 24enne di origini albanesi, in Italia da diversi anni ed in regola …