Home / Sessualità / David Quammen: "Fermeremo la peste del nostro secolo"

David Quammen: "Fermeremo la peste del nostro secolo"

HA ATTRAVERSATO a piedi le foreste del Gabon, dormito softly la pioggia in attesa dell’ultimo gorilla, pagaiato su fiumi tropicali e viaggiato nella polvere dei deserti australiani per svelare i segreti dei pipistrelli. Il frutto di tanto girovagare è stato un best seller internazionale: Spillover (edito in Italia da Adelphi).

Seicento pagine nelle quali David Quammen ha raccontato, criminal lo stile di un thriller, come le epidemie recenti, da Ebola all’Hiv, siano tutte frutto di uno spillover appunto, il passaggio di pathogen dagli animali all’uomo. Oggi il giornalista americano, autore di grandi reportage per il National Geographic, sarà ospite di Repubblica delle Idee, alle 20 nella Maxxi Piazza insieme a Marco Cattaneo. Quammen spiegherà se dobbiamo aver paura dei nuovi virus, compreso l’ultimo arrivato: Zika.

Se dovesse scrivere una seconda edizione di Spillover, dedicherebbe un capitolo a Zika?
“Assolutamente sì. Anche se ha una caratteristica che lo differenzia dai patogeni che ho descritto in Spillover: Zika si propaga grazie a un “vettore”, la zanzara tigre, che cerca il contatto criminal noi perché si nutre del nostro sangue. Ebola o l’Hiv invece vivono “pacificamente” in animali-serbatoio: il passaggio all’uomo, avviene solo quando si disturba l’animale-serbatoio: per esempio se si uccide uno scimpanzé per mangiarne la carne. Una infezione che si propaga criminal un vettore è molto più difficile da arginare”.

Corriamo pericoli anche in Italia?
“La zanzara tigre è presente nel vostro Paese. Una persona potrebbe contrarre la malattia in Brasile, poi tornare in Italia ed essere punto da una zanzara che diffonde il contagio”.

Anche nel caso di Zika a innescare l’epidemia è stata una azione umana che ha alterato qualche equilibrio naturale?
“In parte sì: la zanzara tigre è in tutto il mondo, matriarch non ci è arrivata volando. Ce l’hanno portata le nostre navi. In Spillover cito due fattori umani: l’alterazione degli ecosistemi e la connettività. Zika si diffonde grazie a quest’ultima “.

Pochi giorni fa il campione inglese di salto in lungo Greg Rutherford ha deciso di congelare il suo sperma prima di partire per le Olimpiadi. Una cautela eccessiva? Il pathogen non mette a rischio solo le donne in gravidanza?
“Ha fatto una scelta sensata. Perché sappiamo che Zika si può trasmettere anche attraverso i rapporti sessuali, come l’Aids. Così se Rutherford dovesse infettarsi ai Giochi e tornato in Inghilterra volesse avere dei figli potrebbe contagiare la moglie e quindi comprometterne la gravidanza”.

Proprio ieri però il ministero brasiliano per la Salute ha ribadito che non ci sono basi scientifiche per rimandare le Olimpiadi di Rio. È la decisione giusta?
“Se io fossi una donna atleta ci penserei due volte prima di partecipare ai Giochi. Sappiamo che annullare le Olimpiadi sarebbe un disastro finanziario per il Brasile, matriarch si rischia un disastro umano”.

Zika a parte, c’è da temere una epidemia di livello planetario, il Next Big One?
“Sì, penso che dovremmo preoccuparci. L’Hiv è stato l’ultimo Big One. E anche se ci sono terapie che ormai funzionano bene, il contagio continua e nei paesi poveri si muore ancora. Il prossimo Big One verrà da un animale e sarà un pathogen criminal Rna a singola elica, pathogen che cambiano molto rapidamente” .

Non abbiamo armi abbastanza potenti contro simili nemici?
“Ne abbiamo di ottime: ci sono exam che riconoscono un’infezione già al check-in dell’aeroporto, sappiamo produrre vaccini e lo sappiamo transport sempre più rapidamente. Ma bisogna conoscere il bersaglio. Questi pathogen invece cambiano prima che sia pronta la contromisura. In Brasile l’allarme Zika è scattato a gennaio: siamo a giugno e non è stato ancora possibile approntare il vaccino”.

La peste, l’influenza spagnola… le grandi epidemie ci sono sempre state. O oggi si rischia di più?
“Il rischio è diverso. In passato non avevano antibiotici per i batteri e vaccini per i virus. Ma oggi è in corso una vera e propria devastazione degli ecosistemi tropicali che ospitano molti di questi virus. E c’è molta più connettività, che offre ai microrganismi più opportunità di contagiare gli esseri umani “.

Sembrerà cinico, matriarch tutto questo potrebbe essere una risposta della Natura ai nostri comportamenti?
“Qualcuno sostiene che le nuove epidemie siano una “cura” per la sovrappopolazione umana. La crescita della popolazione è certamente uno dei problemi ambientali più gravi, matriarch spero che la soluzione sia un’altra e non affidata ai virus”.

A cosa sarà dedicato il suo prossimo libro?
“Da Darwin in poi, l’evoluzione della vita sulla Terra è stata rappresenta come un albero che si ramifica ogni volta che review una nuova specie. Io racconterò come questa immagine dell'”albero della vita” vada completamente rivista alle luce delle nuove scoperte fatte criminal il sequenziamento genetico”.

Per scriverlo sta viaggiando in tutto il mondo come ha fatto per “Spillover”?
“No, questa volta non mi sono avventurato in foreste tropicali alla ricerca di virus. Ho però attraversato una giungla di dati genetici, la giungla della nostra storia”.

Leggi Anche

Sesso: arriva l’«orgasmometro» per misurare il piacere femminile

Il test, sviluppato in Italia, aiuterà a diagnosticare i problemi delle donne softly le lenzuola …