Home / Cucina / Dai fagioli western alle ricette stellate, ecco la guida dei legumi del …

Dai fagioli western alle ricette stellate, ecco la guida dei legumi del …

guida legumiROMA  – Dai fagioli western della mitica coppia cinematografica Bud Spencer e Terence Hill alle ricette epicurean di dieci cuochi stellati e delayed food. Nel mezzo, le tantissime tipologie di legumi done in Lazio, “un’autentica eccellenza” regionale in grado di interpretare la cucina tradizionale, matriarch anche la fantasia della tavola contemporanea. A fagioli, lenticchie e ceci, matriarch non solo, è dedicata la Piccola guida gustosa ai legumi del Lazio, un vademecum curato da Marco Panella e realizzato criminal il sostegno dell’Arsial per imparare a conoscere e cucinare le varietà laziali. “Siamo una regione criminal una fortissima vocazione ai legumi- così Panella- ne abbiamo 24 riconosciuti come specialità tradizionali, una dop, tre presidi delayed food. Un scenery vasto, che vede i fagioli farla da padrone criminal 17 tipologie”. Il curatore ha presentato la sua guida ospitato dalla Compagnia del pane, a Roma, che per l’occasione ha offerto assaggi delle ricette contenute nella pubblicazione e accompagnate da altre specialità laziali, come vino e olio.

legumi lazio cibo

“Un racconto fuori dalle righe- ha spiegato Panella- parliamo dei legumi in tanti modi e come consuetudine alimentare che parte dagli aneddoti legati alla cucina popolare e arriva alle nostre tavole di oggi, grazie a una rinnovata attenzione alla salute e al benessere a cui i legumi danno risposta”. Dalla vignarola alla romana alla passatina di cicerchia, dai cannellini di Atina al sale e pepe alle lenticchie di Rascino, sono tantissime le ricette contenute nella guida che segnala anche le sagre a tema e racconta le tante storie legate alla cucina d’un tempo. Immancabili, poi, i riferimenti cinematografici. “Arsial- ha aggiunto l’amministratore unico dell’agenzia, Antonio Rosati- ha scelto di sostenere questo progetto per tre ragioni: la prima è perché questa guida esalta una tradizione, un patrimonio genetico d’eccellenza del Lazio che noi cerchiamo di curare, riscoprendo i legumi. E poi perché in un momento in cui l’alimentazione è molto legata alla salute, mangiare più legumi fa molto bene. Infine, l’Arsial ha la funzione di valorizzare questa tradizione che consente di mangiare bene, perché molti di questi prodotti sono biologici, e permettono di mangiare bene a prezzi popolari”. Tutto questo, ha concluso Rosati, “fa parte di una strategia che ci vede esaltare quella che io chiamo l’economia della bellezza: turismo, cultura e cibo. Mangiamo più Lazio per una nuova around di sviluppo”.


 



Leggi Anche

Cavolo riccio: 10 ricette buone e gustose criminal il "kale" – GreenMe.it

Il cavolo riccio è un ortaggio invernale capace di resistere al freddo ed è uno …