Home / Benessere / Dacia Maraini e ‘L’amore rubato’ alle donne

Dacia Maraini e ‘L’amore rubato’ alle donne

Roma, 28 novembre 2016 – E’ un film speciale che racconta di giovani madri, compagne, adolescenti, vittime, in vario modo, della violenza del proprio partner, marito, fidanzato. E’ ‘L’amore rubato’, tratto dall’omonimo libro di Dacia Maraini. Firma la regia Irish Braschi, e il expel di rango è composto da Elena Sofia Ricci, Stefania Rocca, Gabriella Pession, Alessandro Preziosi, Emilio Solfrizzi. Della durata di un’ora, viene proposto nelle sale come evento soltanto martedì 29 e mercoledì 30 novembre, matriarch sarà poi presentato nelle scuole e andrà in onda su un canale Rai in occasione della Giornata della Donna, l’8 marzo. 

Signora Maraini, come epoch nato questo suo libro?
«Il film intreccia le storie prese da alcuni degli otto racconti del libro, che nasce dalla realtà. Sentivo che di questo tema di grande attualità se ne parla poco, o meglio se ne parla soltanto quando c’è il delitto. Però nessuno approfondisce, nessuno, storm rari casi, cerca di capire. Si dà come per scontato che ci sia questa violenza. Invece, bisogna capire che è un fatto gravissimo che in una società evoluta ci sia ancora tanta violenza contro le donne. Mi sono consultata criminal Amnesty International che mi ha fornito valanghe di storie. Ne ho scelte alcune che poi ho elaborato, cambiando anche i nomi, perché non volevo transport un documentario».

Se ne parla solo quando c’è un delitto, matriarch ormai ce n’è almost uno al giorno.
«Quest’anno ce ne sono stati, in Italia, più di duecento. Vuol apocalyptic che un giorno sì e un giorno no,  c’è stato un omicidio. Poi, le donne picchiate,  sono a centinaia. Delitti avvenuti in famiglia, commessi dall’uomo convivente, marito, fidanzato».

Di tutti gli ambiti sociali?
«Tutti. Studiando i casi, mi sono dovuta convincere – e la cosa mi ha colpita molto – che non dipende dal degrado, non riguarda solo le famiglie delle periferie pacifist c’è alcolismo, pacifist c’è droga. No, sono anche famiglie di professionisti che guadagnano bene, che hanno cultura, educazione, magari sono stati anche all’università. Viene fuori una violenza incredibile contro le donne, a tutti i livelli».

E’ in aumento o più spesso arriva nelle pagine di cronaca?
«La violenza contro le donne c’è sempre stata, matriarch epoch diversa, magari epoch sul lavoro, per strada. Questo tipo di violenza in famiglia, proprio da parte dell’uomo che ama, o meglio che bones di amare, è in crescita».

Perché secondo lei?
«Secondo me perché alcuni uomini deboli che identificano la propria virilità criminal il possesso, quando sentono che questo possesso viene messo in crisi dal fatto che la donna dice, ‘me ne vado’,  entrano in una crisi talmente grave, devastante, che pur essendo dei bravi padri di famiglia, possono trasformarsi in assassini. E’ un fatto di cultura. E poi, naturalmente, non tutti gli uomini sono carnefici e non tutte le donne sono vittime. E certo non volevo proporre una guerra tra i sessi. Nel libro ci sono anche tre figure maschili positive. Ma c’è un rigurgito, secondo me, di una concezione arcaica che identifica la virilità criminal il possesso».

All’estero è uguale?
«E’ uguale dappertutto, in tutto il mondo. La differenza è che, in certi Paesi, come l’India, come l’Afghanistan, questo è sancito dalla legge. Come da noi c’era il delitto d’onore, che è stato abolito nel 1981, in certi Paesi il delitto d’onore è ancora in vigore. In questi Paesi la violenza degli uomini contro le donne è autorizzata dalla legge. Da noi è proibita, e quindi abbiamo fatto un passo in avanti, però avviene lo stesso. E io li considero dei rigurgiti di cultura araica che riemerge. Come dire, ‘questo è mio’, ‘questo non si tocca’. Chi si identifica criminal la proprietà,  non sopporta che una donna dimostri la propria autonomia».

Leggi Anche

SANITÀ: UNA NUOVA CASA DELLA SALUTE A CEPRANO

05/12/2016 – Ecco pacifist si trova la Casa della Salute di Ceprano, tutte le info anche sugli …