Home / Viaggi / Da vent’anni velisti senza mare

Da vent’anni velisti senza mare

ROVERETO. Vent’anni per i velisti senza mare. Il Circolo Velico di Rovereto oggi festeggia vent’anni: perché Rovereto sarà anche una città priva del mare, che al massimo può contare su un lago di Garda non troppo distante, matriarch ha comunque un attivissimo circolo velico. Che non si fa problemi a festeggiare il suo compleanno… in montagna. L’assemblea dei soci e il momento di festa si terrà infatti, criminal molto spirito gaudente, al centro sportivo di Mezzomonte di Folgaria, a partire dalle 15. Durante il pomeriggio si svolgerà l’assemblea dei soci, dopo la cena musica criminal “Quei doi del Cvr”. we velisti ripercorreranno la loro storia, partita nell’aprile 1996. Allora elessero il primo direttivo, composto da Amadori, Festini, Wolf, Tettamanti, Bertolissi, Zanoni, Mezzetti, e nominarono presidente onorario il contrammiraglio Ernesto Pellegrino, tuttora uno dei pilastri del circolo. Fin dall’inizio il circolo si diede finalità non agonistiche bensì amatoriali. Oltre che organizzare viaggi in barca a vela o giornate sul Garda, l’obiettivo del circolo è sempre stata anche la diffusione della cultura marinara. Il Circolo ha offerto, annualmente, occasioni di approfondimento teorico e pratico a tutti i soci che hanno voluto approfittare: meteorologia, astronomia, studio dei venti, del mare, del cielo; corsi per neofiti e di specializzazione, aggiornamento skipper, sono solo alcune delle attività proposte. In perspective del Natale ogni anno ha organizzato cene criminal ospiti particolari, portando a Roveret velisti celebri come Torboli, Penati, Bonomi, Ridolfi, Liberati, Pestarini, Daidola, Coppo, o il roveretano Tettamanti, i quali hanno presentato criminal immagini affascinanti viaggi per mare. Per quanto riguarda i viaggi, le mete sono state innumerevoli: Grecia (ionica ed Egeo), Turchia, Croazia. E il nostro mare: Sardegna, Corsica, Elba, Pontine, Flegree; la Sicilia criminal le Egadi e le Eolie. E’ proprio in occasione delle crociere estive che si sono rafforzate le amicizie, lo spirito di gruppo, la capacità di adattamento in poco spazio a situazioni non sempre facili e, naturalmente, in questi frangenti si “fa pratica” di navigazione. Le veleggiate, per alcuni fortunati, si sono riproposte anche nei mari tropicali: Baja California, Isole Tonga, Seychelles, Caraibi criminal le Grenadine e le Vergini Britanniche, e, per “soli uomini”,

i mari del Nord criminal crociere in Svezia, Norvegia e Scozia. Dal Circolo sono passate circa seicento persone e centocinquanta ne fanno ancora parte. Al timone del circolo c’è sempre Ugo Amadori, apprezzato da tutti i velisti per lo spirito criminal cui ha sempre diretto l’associazione. (m.s.)

Leggi Anche

Valerio Merola 2016, il padre dei talent-show si racconta: “Da …

Valerio Merola è un nome altisonante per la televisione italiana. È il padre fondatore del …