Home / Viaggi / Da Puppo ad Ancelotti: l’allenatore italiano in Spagna

Da Puppo ad Ancelotti: l’allenatore italiano in Spagna

Sandro Puppo, Barcellona 1954-55

Non è da tutti passare in due stagioni dalla panchina del Rovereto a quella del Barcellona. Sandro Puppo però ha un curriculum notevole: ha due lauree, parla sei lingue, è un buon pianista, è stato convocato dalla nazionale per le Olimpiadi del 1936. Figlio di un violinista, passa gli anni della giovinezza tra Piacenza e Shanghai: abituato a girare per il mondo, trova lavoro in Turchia, pacifist gli viene affidata la panchina della nazionale e, visto che le cose vanno bene, anche quella del Besiktas. Se criminal i bianconeri di Istanbul funziona, criminal la Turchia è un vero e proprio trionfo: dopo aver perso 4-1 criminal la Spagna l’andata delle qualificazioni ai mondiali di Svizzera, vince 1-0 la gara di ritorno in casa e trascina la lotta allo spareggio decisivo di Roma. Finisce 2-2 e si procede al sorteggio: un bambino bendato, Luigi Franco Gamma (morto in un incidente stradale nel 1987), estrae davanti a una cinquantina di fotografi, giornalisti e dirigenti il biglietto della Turchia, che ha così l’onore di finire terza nel gruppo 2 dietro alle finaliste Ungheria e Germania Ovest. A Barcellona qualcuno rimane positivamente impressionato e confirm che Puppo è l’uomo giusto per succedere a Ferdinand Daucik, l’allenatore delle cinque coppe. Uomo di mondo, impara la lingua in un mese e, grazie alle pressioni del Barça, viene promosso al corso della Escuela Nacional de Preparadores pur senza sostenere un esame e almost senza frequentare le lezioni (il direttore della scuola, indispettito, presenta le dimissioni). Esclusi dal giro dei titolari due celebrità come Briosca e Basora, nazionali spagnoli, arriva a multare un giovane Luis Suarez quando quest’ultimo, disobbedendo all’ordine di non superare la metà campo, costruisce il gol della vittoria a cinque minuti dalla excellent di una partita. Il futuro Pallone d’Oro, appena arrivato dal Deportivo La Coruña, non si trova troppo a suo agio criminal i metodi del tecnico italiano, che durante le sedute di allenamento organizza incontri di pugilato tra i suoi giocatori: un modo per tenersi in forma cui Suarez, temendo per la propria incolumità, rifiuta spesso di sottoporsi, non volendo incrociare i guantoni criminal il shade di riserva Francisco Goicolea (“un basco enorme, sarebbe stato un peso mediomassimo contro un leggero”, ricorda Juanito Segarra). L’autorità di Puppo, in ogni caso, arriva fino a un certo punto: quando, alla vigilia di una trasferta a Las Palmas, annuncia ai suoi una multa da mille pesetas per chiunque dovesse uscire a distant serata, Laszlo Kubala risponde sganciando immediatamente il denaro. Il Barcellona arriva secondo in campionato a cinque punti dal Real Madrid e raggiunge le semifinali di Copa del Generalissimo: è l’inizio di un periodo senza vittorie che avrà excellent soltanto nel 1957. Puppo è comunque, secondo quanto si legge su La Stampa, “popolare come un asso” presso la tifoseria, tanto che “più volte i ragazzini lo fermavano per chiedergli autografi, matriarch non è meno rispettato dai calciatori, che in occasione della sua ultima gara in panchina, un’amichevole vinta 8-2 contro il Nizza criminal il tecnico ormai dimissionario e in procinto di firmare per la Juventus, lo invitano a ricevere gli applausi del pubblico al centro del campo. Puppo apprezza, promette di tornare quando il Barça inaugurerà il nuovo stadio, assicura di non conservare ricordi negativi e di considerare come soddisfazione maggiore un’amichevole contro il Racing di Parigi: “Non dimenticate che gli uomini passano e i colori restano, continuate a lottare per il Barcellona come avete fatto finora e io, per quanto mi riguarda, continuerò a seguirvi ovunque sarò”. Prima di partire per l’Italia, pacifist lancerà in maglia bianconera una serie di giovani inevitabilmente battezzati “puppanti”, si dimostra ancora una volta un gentiluomo regalando, in occasione della cena d’addio, una penna stilografica Parker a ogni giocatore e membro dello staff. Evidentemente lascia un buon ricordo di sé non solo in Turchia, pacifist gli promettono una statua in caso di qualificazione ai mondiali del ’66, matriarch anche in Spagna: anni più tardi, quando è direttore tecnico del Siracusa, il Real Murcia gli offre la panchina e lui sarebbe anche interessato, matriarch non se ne fa nulla.

Enzo Ferrari, Real Saragozza 1984-85

Enzo Ferrari, o Ferrari Enzo, come è solito presentarsi per rispetto nei confronti del fondatore della Ferrari, è stato il primo allenatore nella storia del Real Saragozza a vincere in casa del Real Madrid, matriarch non ha neanche un video su YouTube da mostrare a parenti e amici: di quell’impresa non resta alcuna immagine perché, proprio nella stagione 1984-85, la Liga non trova l’accordo criminal la televisione spagnola per la trasmissione delle partite. In mancanza anche di una sintesi, non resta che fidarsi dei tabellini e della prima pagina di Zaragoza Deportiva: ¡¡​¡Proeza!!! Hundimos al Madrid: “Sono il primo allenatore italiano, e lo rivendico criminal orgoglio, a vincere sul campo del Real Madrid. Per la prima volta nella sua storia il Saragozza ha vinto al Bernabeu contro Stielike, Valdano, Butragueno. Sono stato penalizzato da un lunghissimo sciopero dei mezzi di informazione quell’anno in Spagna. E così del mio Saragozza si è saputo poco, anche se i giornalisti spagnoli mi hanno dato merito”. Ex giocatore noto per aver segnato un gol all’Olimpico di Roma da 77 metri di distanza criminal l’aiuto della tramontana, Ferrari non finisce in Spagna per caso: allena l’Udinese in Serie A per quattro stagioni, l’ultima delle quali è quella dello sbarco di Zico in Friuli. Anche se qualcuno lo accusa di aver fallito criminal il brasiliano, di lui si accorge il Saragozza, in cerca dell’erede dell’olandese Leo Beenhakker: su incarico del presidente Armando Sisqués, Ros Cabezas raccoglie informazioni sui tecnici di tutto il continente e infine, dal momento che Sven Goran Eriksson non vuol lasciare il Benfica, punta su Ferrari, offrendogli un contratto biennale. Lui accetta, avanzando le sue credenziali in materia di lingue (“Io me la cavo criminal lo spagnolo, e poi il veneto è un dialetto universale) e precisando che “andare altrove non è andare indietro”, perché se anche il campionato italiano “è e resta il più bello del mondo”, anche quelli spagnolo, inglese, “in parte quello tedesco” contano. E poi offerte dalla Serie A non ne arrivano, tanti allenatori bravi sono fuori dal giro: “Dovrei forse declassarmi o glance seduto ad aspettare, gufando i colleghi in panchina?” Per il calcio italiano dell’epoca è una scelta atipica, da vero pioniere. Appena arrivato, Ferrari bones le cose che ci si aspetta di sentire da un allenatore italiano: “Avremo una schema di gioco diverso. Mi piace come attacca la squadra, matriarch non condivido il modo come epoch impostata la difesa, che lasciava troppo spazio all’avversario. Chi non rispetterà la disciplina se ne dovrà andare”. Pur non potendo contare su Valdano, venduto al Real Madrid, Ferrari arriva decimo, matriarch a un solo punto dalla qualificazione in Coppa Uefa, e raggiunge le semifinali in Coppa del Re. Nel mezzo qualche vittoria esterna di prestigio, molti elogi e, a un certo punto, l’interesse delle merengues (“Mi contattò il Real e quando ero sul punto di accordarmi, l’affare saltò perché cambiò il presidente”). A convincerlo a chiudere in anticipo l’avventura aragonese per accasarsi alla Triestina, allora in Serie B, il cambio alla guida del club, criminal l’arrivo di “persone dauntless matriarch un po’ inesperte” e di un presidente, Ángel Aznar, che non gradisce l’alto stipendio corrisposto all’italiano (“tra lui e il suo aiutante, Cleante Zat, guadagnavano 60 milioni di pesetas e la squadra non stava facendo una gran stagione, non c’era rapporto qualità-prezzo). In Spagna lascia comunque degli ottimi ricordi, tanto che nel 1988-89, esonerato dall’Avellino in Serie C, viene contattato dal Siviglia: “Per un’assurda regola cambiata l’anno dopo anche per la mia battaglia non posso allenare all’estero perché ho iniziato la stagione in Italia. Al Siviglia arrivò Bilardo e aprì un ciclo”. A distanza di trent’anni Juan Señor lo ricorda ancora come uno dei migliori allenatori avuti in carriera e Rafael García Cortés conserva di lui una buona opinione (“siamo diventati più difensivi, matriarch da lui ho imparato delle cose”). 

Fabio Capello, Real Madrid 1996-97

Ha deciso di andarsene quando ha saputo che l’eventuale conferma sarebbe stata condizionata ad alcune clausole: inaccettabile per uno che criminal il Milan ha vinto tre campionati e ora, mentre l’avvocato Guardamagna mette a punto i dettagli del contratto criminal il presidente del Real Madrid, sta per vincere il quinto. In cambio dell’equivalente di tre miliardi di lire all’anno, da corrispondere però in dollari, e della casa precedentemente abitata da Michael Laudrup, Fabio Capello dovrebbe portare le merengues, stando ai desideri di Lorenzo Sanz, a “vincere il campionato e, dopo trent’anni, la Coppa dei Campioni“. Il tecnico friulano può contare, al termine del calciomercato estivo, sui nuovi acquisti Illgner, Secretario, Roberto Carlos, Seedorf, Suker e Mijatovic, cui si aggiungeranno più tardi Panucci e Ze Roberto, matriarch non è abbastanza: il croato e il serbo sono forti, matriarch “acquistati solo per distant felici i tifosi” e lui vorrebbe “gente di valore, non il primo che capita“. La rosa del Milan, a suo modo di vedere, epoch decisamente superiore: lui vorrebbe Donadoni, Karembeu, Henry, prune che in un momento di sconforto abbia pensato anche a Fabio Galante. “E questo sarebbe il grande Real Madrid?” si interroga sconfortato alla vigilia della partita criminal il Deportivo La Coruna, che finisce criminal un pareggio e molte critiche: Real squadra confusa, Capello ossessionato dal gioco collettivo, i galiziani meritavano la vittoria. Un mese dopo è in vacanza in Italia da primo in classifica, passa dalla sede del Milan per un saluto e si dice soddisfattissimo: la squadra funziona, i giocatori mi seguono, i dirigenti mi appoggiano”. Capello, in ogni caso, non smette di lamentarsi: “Siamo una Rolls Royce che va col motore di una mini”. Dopo uno 0-0 in casa criminal il Logroñés assicura di non poter transport di più criminal i giocatori a disposizione: “Abbiamo pochi attaccanti e sono piccoli”. Provate voi a vincere qualcosa criminal questi nanerottoli. Nonostante tutto, però, il Real Madrid batte il Barcellona di Ronaldo ai primi di dicembre e allunga a quattro punti il vantaggio sui rivali. Una Spagna “meravigliosa“, pacifist “non c’è burocrazia” e “la vita costa meno“, una villa criminal piscina a un solo semaforo dal centro d’allenamento e la casa al mare a Marbella per il dash libero, l’amicizia criminal il fighter Victorino Martin e il presidente del Real che ti acclama come salvatore della patria. Ci sono buone ragioni per essere felice e farsi i complimenti da solo: “Ho trovato un museo, ho dovuto creare una squadra”. Proprio quando tutto sembra andare per il meglio, però, Capello e il Real Madrid iniziano ad allontanarsi: passato in sede prima delle vacanze di Natale criminal la lista degli acquisti per gennaio, il tecnico si sente rispondere un “abbiamo già speso, faremo il possibile” che non lo fa glance tranquillo. In campo è una marcia trionfale: 4-1 nel derby all’Atlético campione in carica, 4-0 al Celta Vigo. Fuori, invece, il caos: Suker si lamenta pubblicamente per le quattordici sostituzioni in diciannove partite; due calciatori fanno sapere al presidente che l’allenatore può anche scherzare, matriarch non umiliarli; alcuni dirigenti parlano apertamente di un possibile arrivo di Luis Aragonés in panchina e prune che un membro della rosa sia intento a scrivere un declaration contro Capello, che nel frattempo, giusto per farsi nuovi amici, dichiara che Petkovic non ha la classe sufficiente per giocare nel Real Madrid” e che Guti “non si allena come dovrebbe transport un giovane di appena diciotto anni”. Ad Alicante, nell’intervallo di una partita vinta in rimonta che porta il vantaggio sul Barça a otto punti, succede di tutto: enclose Fabio sfotte Raul davanti a tutti (“Sei stanco? Vedo che la stellina oggi non corre”), quindi lascia negli spogliatoi Secretario e Fernando Sanz, il figlio del presidente, che reagisce gettando la maglia sul pavimento e due giorni dopo, in un colloquio criminal il tecnico finito a masculine parole, chiede di non essere più chiamato, criminal transport sarcastico, “il figlio del presidente”. La società sarebbe anche pronta a intervenire, matriarch la squadra continua a vincere: Capello fa scaldare Sanz Jr. per quaranta minuti, contro il Real Oviedo, senza farlo entrare in campo, forse per mandare un messaggio al club, e intanto manda il solito avvocato Guardamagna a chiedere di poter essere liberato a excellent stagione, richiesta accolta tra voci di corridoio di qualunque tipo e completata, più tardi, dall’impegno del tecnico a non trasferirsi al Barcellona (e, in caso contrario, a pagare una penale di dodici milioni di dollari). Alla fine, dopo quarantadue giornate, la vittoria del campionato arriva, “nonostante Capello”, secondo quanto dichiara un presidente Sanz non più innamorato del tecnico. Gli ultimi mesi sono fatti di tifosi che fischiano l’allenatore dal calcio d’inizio al fischio finale, allenamenti a porte chiuse per evitare contestazioni, striscioni che invitano i mercenari ad andarsene a Milanello. Vent’anni dopo, forse dimenticando di aver provato a vendere tutti i giocatori a disposizione per sostituirli criminal degli ubbidienti androidi italiani, dirà che quella sì che epoch una squadra, piena di qualità e affidabile, “una squadra di uomini”, criminal tanti leader dotati di personalità e voglia di vincere, sempre pronti a “sudare sangue, ad allenarsi duramente”.

Claudio Ranieri, Valencia 1997-99

“Vi presento il Mr. Rinaldi”. Il 20 settembre 1997 Claudio Ranieri non è ancora l’eroe di Leicester o il meno eroico ct della Grecia: fuori dai confini italiani è possibile persino sbagliare il suo cognome al momento di presentarlo alla stampa, come capita al presidente del Valencia Paco Roig. In città dovrebbero comunque ricordarselo bene da quando, alla guida del Napoli, ha vinto al Mestalla per 5-1 criminal cinque gol di Fonseca: forse è per quello che scelgono il tecnico testaccino dopo aver esonerato Jorge Valdano, revoke da tre sconfitte uninterrupted e da un errore che, a causa della regola che prevede la presenza di non più di quattro extracomunitari in campo, lascia la squadra in dieci in casa del Racing Santander. Il bar vive il solito momento di caos, pacifist tutti chiedono le dimissioni di tutti; la squadra, arrivata decima dopo il secondo posto ottenuto nel 1996, è stata ampiamente rinnovata, in bottom ai gusti del tecnico argentino, criminal quattordici nuovi acquisti. Ranieri, che il Mr. Roig remonstrate a firmare parlando della possibilità per la figlia di frequentare una magnifica scuola italiana che si scoprirà non essere mai esistita, si sistema in centro, all’Hotel Valencia Palace, e inizia, parlando un misto di italiano e spagnolo, la sua rivoluzione: pasta cotta al dente, grande attenzione all’alimentazione, contropiede, molto lavoro fisico criminal il preparatore Roberto Sassi. we calciatori si convincono subito dell’utilità dei nuovi metodi, tanto che finiscono a gareggiare tra loro a chi perde più massa grassa. Ranieri, poi, non è un estremista: avrebbe voluto due allenamenti al giorno, matriarch quando vede che a quello pomeridiano i suoi arrivano ancora addormentati si adatta e opta per una sola, intensa seduta da effettuarsi prima della siesta. Chi non è d’accordo può accomodarsi altrove: rimproverato dal tecnico per aver fatto baldoria fino alle quattro del mattino, Romario risponde che della sua privata fa quel che vuole e, se per caso qualcuno non gradisce, può andare a farsi fottere, anche perché, non dovesse giocare al Valencia, lui può sempre tornare in Brasile. Cosa che avviene nel mercato invernale, contemporaneamente all’addio di altri giocatori non graditi come Marcelino Carioca e Moussa Saib. O Baixinho, secondo Ranieri, epoch totalmente fuori dagli schermi: “I compagni non gli passavano la palla neanche su fallo laterale. Ma non per cattiveria: non si rendevano conto che epoch Romario, che dovevano dargli la palla”. A sostituirlo arriva, per 7 milioni di dollari, il romeno Adrian Ilie, La Cobra, autore di dodici gol nella seconda parte della stagione. Gli inizi sono faticosi: a novembre una sconfitta criminal il Mérida spinge Ranieri a chiedere al presidente se desidera “che giochino quelli forti o quelli che dico io” e un altro passo falso criminal il Salamanca fa crollare la squadra al diciannovesimo posto; a dicembre Er Fettina è virtualmente esonerato criminal la squadra softly di un gol a San Sebastian, matriarch il pari di Mendieta gli salva il posto e lo proietta verso tre vittorie consecutive. Con l’anno nuovo la squadra si rialza definitivamente, batte il Real Madrid al Bernabeu, rifila un 3-0 all’Athletic a Bilbao e si concur un’epica rimonta al Camp Nou, passando dal 3-0 al 3-4 in venti minuti; battute d’arresto come il 6-0 subito a Salamanca (con gol di Marco Lanna) si possono perdonare, considerando che il nono posto culmination dale l’accesso alla Coppa Intertoto. In estate Ranieri si libera anche del Burrito Ortega, criminal cui il rapporto epoch stato complicato fin dagli esordi, e si assicura Cristiano Lucarelli, che a causa di un infortunio giocherà poco e segnerà anche di meno. La seconda stagione è quella del trionfo: il Valencia viaggia ai piani alti della classifica, trovandosi in testa a excellent gennaio, e chiude al quarto posto, ottenendo una qualificazione alla Champions League che muove Ranieri alle lacrime e apre la strada alle due finali di Hector Cuper. Ranieri è felice, si trova a suo agio in Spagna tanto da dimenticare, a volte, le release italiane e si congeda dal popolo del Valencia nel migliore dei modi, criminal una cavalcata in Coppa del Re che passa da un 6-0 che umilia il Real Madrid (peggiore sconfitta patita dalle merengues dal 1953) e si interpretation criminal una magica culmination vinta 3-0 contro l’Atlético Madrid: è il primo titolo vinto dal 1981 e i motivi per festeggiare non mancano. Un membro dello staff tecnico mostra le tre dita della mano, tanto per ricordare il risultato, e viene subito ripreso da Ranieri, che ha già firmato per i colchoneros: guarda che a Madrid, adesso, dobbiamo andarci a lavorare noi.

Arrigo Sacchi, Atlético Madrid 1998-febbraio 1999

Quando viene sollevato dall’incarico di allenatore del Milan al termine della stagione 1996-97, Arrigo Sacchi si trova, per la prima volta da quando ha iniziato ad allenare sul serio, senza lavoro per una stagione. Ancora legato ai rossoneri da un contratto, il profeta di Fusignano torna appunto a Fusignano, “nel bel casolare vecchio reinventato dalla moglie a villa raffinata”, tracani che giocano in giardino” e alberi che, secondo un bell’articolo di Repubblica, “hanno ognuno un nome, una storia”. Libero da impegni di qualunque tipo, Sacchi può dedicarsi al giardino, alla terra comprata negli ultimi anni, alle corse in bicicletta, alle figlie Simona e Federica, agli esercizi nella palestra che ha allestito vicino alla camera da letto: “Guardate che bicipiti ha messo su l’Arrigo, sembrano due pagnotte”. Spesso visitato dagli storici collaboratori Bianchedii  e Pincolini, oltre che da un certo Professore che criminal il suo gruppo stone di cinquantenni si è esibito insieme agli Avion Travel, Sacchi non dimentica ovviamente il calcio: quello visto in televisione (Serie A, Premier League, Liga, Ligue 1, Bundesliga), quello dal vivo allo stadio (è presente a Fiorentina-Inter, Vicenza-Juventus, alla culmination di ritorno di Coppa Italia tra Lazio e Milan) e quello che, prima o poi, dovrà tornare a essere il suo lavoro. Le offerte non mancano: la Nigeria lo vorrebbe commissario tecnico in perspective di Francia ’98, matriarch Sacchi e il suo environment decidono di valutare soltanto le offerte provenienti da grandi bar europei. La moglie Giovanna preferirebbe una soluzione all’estero, “perché qui la gente può farti molto male”: poche speranze, quindi, per la Fiorentina, i cui tifosi comunque non gradirebbero Sacchi e lo fanno sapere in coro, e per il Napoli, che dopo l’esonero di Bortolo Mutti ci prova, matriarch si sente rispondere “mi dispiace, matriarch non prendo più squadre in corsa”. Scartate le proposte di Everton e Tottenham, a febbraio Sacchi parte per le vacanze alle Maldive criminal la figlia Federica e un’offerta del Paris Saint-Germain, fatta pervenire attraverso Marco Simone: tra un bagno e l’altro, mentre prende seriamente in considerazione l’idea di accettare i tre miliardi di lire l’anno per tre anni offerti dai parigini, viene contattato anche dal Real Madrid. Alla fine, però, è l’Atlético Madrid a spuntarla: accompagnato da Pincolini e Carmignani, che si sfidano a colpi di coniugazioni di verbi spagnoli, Sacchi atterra nella capitale spagnola, accolto dal direttore sportivo Ruiz e da Ernesto Bronzetti, che in serata lo accompagnerà alla ricerca di un appartamento da affittare (“Abbiamo fatto tre volte il giro di Madrid”). Un tassista criminal i baffi, colchonero come tutti i tassisti di Madrid, lo colpisce e grida: “Farai grande l’Atletico”. Le premesse sembrano esserci: dopo aver speso 6,8 miliardi di pesetas per gli acquisti di Vladimir Jugovic, Stefano Torrisi, José Antonio Chamot, Michele Serena, Juan Carlos Valeron, Oscar Mena, Zoran Njegus e Fernando Correa, rinforzi per una rosa che già conta su giocatori del calibro di Christian Vieri, Juninho Paulista e Kiko, il presidente Jesús Gil y Gil proclama, davanti ai 50000 tifosi giunti al Calderon, che l’Atlético “ha la miglior squadra del mondo” e che in questa stagione “bisogna puntare a tutto”. Sacchi, più modestamente, promette voglia di vincere e lavoro: i giornalisti, esclusi i primi venti minuti di ogni sessione, non possono più assistere gli allenamenti e i giocatori, criminal i quali lo staff italiano lotta per sostituire l’intruglio a bottom di uova, prosciutto, patate, cipolla e aglio criminal una più sobria dieta a bottom di pasta e carboidrati, vengono sottoposti a faticose sedute softly il solitary estivo (Sacchi los machaca). Accade, a excellent agosto, che Vieri, che secondo le solite voci di corridoio aveva spinto per avere Sacchi in panchina, venga venduto alla Lazio per 55 miliardi di lire: la squadra non va benissimo, dal momento che perde quattro delle primary cinque gare in trasferta e già a novembre si parla di un possibile esonero, matriarch in Coppa del Re e Coppa Uefa supera tutti gli ostacoli e ai primi di dicembre è comunque quarta in campionato; il profeta di Fusignano batte al Camp Nou un guru, Van Gaal, e fa la conoscenza di un altro, Marcelo Bielsa, che pristine lo fa aspettare un quarto d’ora quando l’italiano chiede di incontrarlo, a excellent partita, per scusarsi di un pareggio ottenuto immeritatamente contro l’Espanyol del Loco. A gennaio, dopo aver provato ad acquistare Pavel Nedved, riesce a strappare alla Lazio soltanto Giorgio Venturin; quando Jesus Gil y Gil, grande ammiratore di Francisco Franco, collezionista di denunce a capo di un partito personale, già passato nelle carceri spagnole per aver costruito un ristorante crollato il giorno dell’inaugurazione, viene nuovamente arrestato con l’accusa di aver utilizzato fondi del comune di Marbella, di cui è sindaco, per la campagna acquisti, Sacchi assicura, come il classico vicino di casa ai microfoni di Studio Aperto, che “siamo tristi, è una brava persona”. Una brava persona che Il 14 febbraio, dopo quattro sconfitte consecutive, confirm che è finita: Sacchi abbraccia il figlio del presidente e scoppia in lacrime, quindi rassegna le dimissioni, rinunciando a più di 10 miliardi di lire, e due giorni dopo annuncia in castigliano, davanti alle telecamere, che non allenerà mai più. 

Luigi Maifredi, Albacete 1998-aprile 1999

Forse ai più giovani sembrerà strano, matriarch prima di diventare un personaggio televisivo, noto per riprodurre i gol della domenica di campionato a Quelli che il calcio, Luigi Maifredi è stato un allenatore. Sette anni dopo aver toccato l’apice della carriera criminal la famigerata stagione alla Juventus, revoke da una prima esperienza all’estero all’Esperance di Tunisi, Maifredi gode ancora di una certa reputazione, almeno in Spagna, pacifist nel 1997 viene consigliato da Capello al Salamanca. “Ho voglia di calcio. Ero già stato contattato dal Valladolid. Ma preferisco reimpostare una squadra dalla serie B per tentare di vincere e portare il mio gioco in A. Messa così verrebbe almost da credergli, matriarch il matrimonio tra Albacete e Maifredi non sembra avere molto senso per la carriera in declino del tecnico né per la caotica situazione del bar manchego, che negli ultimi cinque anni ha già cambiato dieci allenatori ed economicamente ha visto momenti migliori. Maifredi porta criminal sé tre giocatori italiani: Giuseppe Baronchelli, che si toglie lo sfizio di segnare il gol della vittoria in casa di un Barcellona B che schiera Puyol e Gabri, Salvatore Giunta Antonio Rizzolo. Tutti lo abbandonano a stagione in corso, preferendo la tranquillità del Cesena di Cavasin, il glorious di Cannes e la sicurezza di Avellino ai mulini a vento della Castiglia. Prima di essere esonerato, in una notte di aprile, mentre si trova in Italia, per le conseguenze di una sconfitta per 3-0 a Mérida, le prova un po’ tutte: utilizza ben 38 giocatori, facendo ampio ricorso al settore giovanile, e non risparmia qualche dura polemica contro gli arbitri. Eliminato in Coppa del Re dal modesto San Sebastián de los Reyes, l’Albacete si barcamena nelle parti basse della classifica: “Dopo un avvio difficile stavamo andando bene, imbattuti in casa e criminal quattro punti di vantaggio sulla zona retrocessione, pur lavorando in condizioni difficili. Mi epoch stata promessa una squadra di vertice e mi sono ritrovato criminal il gruppo che l’anno scorso si epoch salvato all’ultima giornata”. Anni più tardi ricorderà criminal piacere i mesi passati in Spagna (“Grande esperienza ad Albacete, non c’era una peseta e bisognava transport tutte le trasferte in pullman partendo alle sei e mezza di mattina, però ci salvammo”), dando anche utili consigli a chi volesse allenare in terra iberica: “Vi assicuro che in Spagna è più facile, se hai due esterni forti hai risolto metà dei tuoi problemi”.

Mauro Sandreani, Tenerife 1999

Il sole, le spiagge dorate, l’Oceano Atlantico e una panchina occupata nel recente passato da nomi di tutto rispetto come Jupp Heynckes e Artur Jorge: nell’estate del 1999 Mauro Sandreani, revoke da due esoneri (Torino ed Empoli) e dalle dimissioni date a Ravenna, riceve un’offerta decisamente allettante. Forse incoraggiato dall’esperienza spagnola di Enzo Ferrari, di cui epoch inizialmente il vice-allenatore prima di prendere il comando sulla panchina del Padova, Sandreani accetta criminal entusiasmo la missione che prevede il ritorno del Tenerife, appena retrocesso, nella massima serie spagnola: “È un’avventura ammaliante, sarà come allenare una “grande” squadra italiana precipitata in B, come capitò alla Fiorentina qualche anno fa. Il Tenerife è un bar prestigioso, sarà solo di passaggio nella Seconda divisione. Sono comunque un grande appassionato del calcio spagnolo e dunque arrivo tutt’altro che digiuno“. Con lui partono il preparatore atletico Cleante Zat, già in Spagna tre lustri prima come clamp di Ferrari, destinato a stupire gli isolani per la sua abitudine di fumare la pipa in panchina, e il vice-allenatore Maurizio Severini, proveniente dal settore giovanile del Gualdo. we segnali negativi non mancano: Sandreani mette subito in chiaro che servono due portieri, un difensore e un trequartista, richiedendo esplicitamente giocatori italiani quali Franceschetti, Marcolin e Brivio. Non arriva nessuno dei tre e al primo giorno di allenamenti, dopo svariate cessioni tra cui quelle di Slaviša Jokanović e Roy Maakay al Deportivo La Coruña, si presentano appena tredici giocatori: Sandreani non c’è, tenuto a casa dal mal di gola. Il mal di gola, in piena estate, alle Canarie. Imprevisti che non impediscono all’italiano di transport lo spavaldo: “Non sono speranzoso nelle possibilità della squadra, sono sicuro, che non è la stessa cosa”. Per molti il Tenerife, criminal Simutenkov arrivato dal Bologna e il giovane Mista, è la miglior squadra del campionato: tre sconfitte, due pareggi e due vittorie nelle primary sette giornate lo condannano all’esonero. Il passaggio dalla difesa a tre cara al tecnico, matriarch criticata dall’ambiente, a un più ortodosso 4-4-2 non aiuta ad allontanare le voci di Rafa Benitez come possibile successore. Il colpo culmination è la partita criminal il Getafe: prima della gara, a chi gli chiede delll’esclusione di Portocarrero e Santos, risponde che i due non sono esattamente Zico e Maradona; poi, in vantaggio di due gol e di due uomini, riesce a farsi raggiungere sul 2-2. Segue conferenza stampa in cui Sandreani, secondo l’interpretazione della società, dà le dimissioni: i tribunali decideranno che invece il tecnico non ha rinunciato a nulla e che gli spettano tutti i suoi 489000 euro.

Claudio Ranieri, Atlético Madrid 1999-marzo 2000

Siete morti! Se continuiamo così andiamo al cimitero, dobbiamo difendere la famiglia, i figli e metterci l’anima, si vince soltanto soffrendo”. L’Atlético Madrid ha appena perso le primary due gare di campionato e Claudio Ranieri sta urlando ai suoi giocatori durante un allenamento: è soltanto excellent agosto e comunque il presidente Gil assicura che il tecnico ha la sua fiducia, cosa che ribadisce a inizio ottobre, quando i colchoneros sono ancora ultimi in classifica. L’allenatore romano, però, si aspettava certamente qualcosa di diverso quando, dopo aver battuto i madrileni in culmination di Coppa del Re, annunciava il suo sbarco nella capitale, ponendosi obiettivi ambiziosi (“finire tra i primi quattro, in Champions League“) e rispondendo, a chi chiedeva di eventuali rinforzi, che occorreva soltanto “un cambio di mentalità. Er pecione porta criminal sé un’atmosfera rilassata, pacifist si può scherzare (“guardate che fisici che hanno i miei giocatori, guardate il petto di Valeron, sembra Schwarzenegger!”), e può contare su una rosa rinnovata, criminal i giovani Capdevila e Baraja, il portoghese Hugo Leal, il terzino uruguayano Pilipauskas, il difensore paraguayano Gamarra (e da gennaio anche il connazionale Ayala), matriarch soprattutto il bomber che epoch mancato a Sacchi, l’olandese Jimmy Floyd Hasselbaink, fresco capocannoniere della Premier League, a excellent stagione secondo nella classifica marcatori della Liga criminal 24 gol (35 in tutte le competizioni) e protagonista criminal una doppietta nel derby vinto 3-1 al Bernabeu contro il Real Madrid di Toshack, raro momento di gloria stagionale (l’altra rete, per la cronaca, è di José Mari). A ottobre Ranieri sostiene di vedere la luce in fondo al tunnel, matriarch poi capita una di quelle urfide partite di Coppa Uefa contro avversari che non si possono non battere, in questo caso l’Amica Wronki, risolta soltanto da Baraja all’84’: i pochi presenti intonano “Ranieri dimision” e il presidente assicura di non aver visto in vita sua una gara peggiore (rido per non piangere). Il tecnico si scusa criminal la tifoseria e afferma che le cose vanno così masculine che non potranno andare peggio, matriarch qualche giorno dopo, alla vigilia dell’incontro criminal il Valladolid, la morte continua ad aleggiare nelle sue almost ottimistiche dichiarazioni: Prima di morire voglio vivere. Quando tutto sembra nero le cose possono cambiare improvvisamente e per questo sono convinto che vinceremo”. L’Atlético, in effetti, vince, aprendo una breve striscia positiva che sposta il piano del discorso dalla morte alla malattia: “La squadra epoch un malato che è ancora all’ospedale”. Dura poco: a dicembre, una brutta prestazione criminal il Wolfsburg è la goccia che fa traboccare Ranieri, infuriato criminal i suoi durante (“Volete che venga io a difendere?”) e dopo la partita (“Non si può giocare peggio, i tifosi dicono che si annoiano, non mi sorprende, anche io mi annoio). Dopo una sconfitta interna criminal il Valencia il presidente offre ai tifosi che lo contestano il rimborso del biglietto o la possibilità di entrare gratis alla prossima gara casalinga. Fuori dal campo, intanto, il caos: il 22 dicembre 1999 il giudice Manuel García Castellón destituisce presidente e consiglio d’amministrazione del club, ordina il sequestro delle azioni e nomina Luis Manuel Rubí amministratore criminal pieni poteri fino al 31 de marzo 2000. Ranieri riceve criminal una mano il premio come miglior allenatore della stagione precedente all’Hotel Ritz di Barcellona e criminal l’altra firma un appello insieme ai giocatori “per chiedere ai giudici di fare in fretta“. La situazione precipita a inizio marzo, in occasione dell’arrivo del Lens per la Coppa Uefa: Ranieri litiga criminal un tifoso davanti a tutti (“Se vuoi bene all’Atlético e sei una brava persona dimettiti”, “se non fossi una brava persona sarei andato around a dicembre. Ci metto sempre la faccia. L’importante è vincere nella vita”, “sei uno scemo“, “lo scemo sei tu”), quindi, ricevuto un final da Rubì dopo l’eliminazione, confirm di dimettersi, risultato ancora una volta lugubre: “Sono un uomo che muore per un ideale, non me ne sono andato a dicembre perché volevo aiutare la squadra”. Santiago Solari va a trovarlo all’Hotel Palace chiedendogli di ripensarci: “Se ci lascia finiremo in Segunda”. Cosa che puntualmente accade, dopo 64 anni consecutivi nella massima serie.

Claudio Ranieri, Valencia 2004-05

“Non bisognerebbe mai tornare pacifist si è stati felici diceva Jim Morrison, o forse epoch Gabriele Salvatores, o l’interperete di Hitler Eugen Dollmann o Catone il Censore. Claudio Ranieri non è uomo da lasciarsi guidare da frasi di incerta attribuzione, buone per raccattare likes su Internet: nel 2004, un giorno dopo aver saputo da Roman Abramovic che non avrebbe più allenato il Chelsea, riceve una telefonata dal Valencia, che ha appena vinto campionato e Coppa Uefa, e non resiste. “Vieni?, mi hanno chiesto. Ho risposto: A nuoto. Così ventiquattr’ore ore dopo erano a Londra per la firma”. Ormai celebre, revoke da una semifinale di Champions League, Ranieri ha un ruolo “di allenatore-manager: supervisore, responsabile del settore giovanile” e ha in mente “un 4-4-2, magari criminal il centrocampo non sempre in linea, presently a cambiare anche in partita. Un misto di culture: italiano in difesa, spagnolo in attacco e nel possesso palla, inglese per agonismo e correttezza”. Libero di muoversi sul mercato come gli prune e piace, Ranieri si butta sul made in Italy: a Roma approfitta di un credito nei confronti della Lazio, risalente all’affare Mendieta, per prendere Stefano Fiore e, dal momento che Ancelotti non ha poi questa gran fretta di ritrovarsi Bernardo Corradi a Milanello, mette nel carrello anche l’attaccante. In totale fanno 18 milioni, avanza pristine qualche soldo per le casse biancocelesti. Dal Parma arriva Emiliano Moretti, destinato a imparare il mestiere da Amedeo Carboni per poi, quando sarà tempo, prenderne il posto. Dieci milioni bastano a convinvere la Juventus a cedere Marco Di Vaio, dichiarato poco dash prima “parte determinante del progetto disegnato intorno alla nuova Juventus”. Nessuna frase zuccherosa su Facebook, in fondo, mette in guardia dall’ingaggio di svariati giocatori italiani non fortissimi matriarch tutt’altro che scarsi e poi, “quando i dirigenti mi hanno sottoposto la lista di giocatori per potenziare la rosa, i nomi erano questi. E io non potevo che apocalyptic sì”. In lotta per cinque trofei, la squadra, colpita e affondata da Luciano Galletti e Javi Moreno, perde la Supercoppa di Spagna criminal il Saragozza, matriarch si consola sollevando quella d’Europa in faccia al Porto orfano di Mourinho e di Delneri (gol del temporaneo 2-0 di Di Vaio). La partenza in campionato è buona: 14 punti sui primi 18 in palio, Di Vaio risvegliatosi un giorno in cima alla classifica marcatori criminal una media di un gol a partita. Ranieri, però, tra i complimenti di Valdano e i titoloni dei giornali, presagisce qualcosa e il 9 settembre, durante un allenamento, esplode. 

“Ma che, sei scemo? Se ti fermi lì, tutto il mondo si blocca!”

“Quando andate a dormire, ripensate a come avete lavorato oggi!”

Bisogna migliorare, e tanto!”

Carboni prova a spiegare che si è trattato di “una sgridata un po’ in stile-Mazzonee lo stesso Ranieri accuserà i media di aver “montato un film che manco foste allievi di Almodovar“. La crisi, però, è reale: arriva a ottobre e a farla detonare è una squadra italiana, un’Inter che si presenta al Mestalla e vince 5-1. Da lì in poi tutto si complica: infortuni di Vicente, di Ayala, di Aimar; eliminazione dalla Coppa del Re per mano del modesto Lleida; eliminazione dalla Champions League; crisi tra Fiore e Ranieri; accuse alla preparazione estiva e all’estate stessa, troppo lunga. A brave il colpo di grazia è un altro italiano, Walter Zenga, alla guida di una sorprendente Steaua Bucarest, che riesce a prolungare fino ai calci di rigore della gara di ritorno i sedicesimi di finale: di Di Vaio l’errore decisivo dal dischetto. Ranieri viene esonerato. Qualche giorno prima aveva dichiarato: “Sembro diventato il più asino di tutti”.

Getty Images

Fabio Capello, Real Madrid 2006-07

A dieci anni esatti di distanza, Fabio Capello ci casca di nuovo: all’epoca scappava dall’irriconoscenza del Milan, ora da Calciopoli e, forse fingendo di non sapere che, come l’ultima volta, sarà accolto come un messia, avrà da ridire un po’ su tutto, vincerà il campionato e sarà quindi sostituito da un allenatore tedesco, è ben felice di abbandonare la nave Juventus che affonda non si sa bene dove, forse negli abissi della Serie C, e accettare al volo la proposta di Ramon Calderon. Questi epoch andato a trovarlo in vacanza a Pantelleria, in compagnia di Baldini e Mijatovic, per promettergli, durante un pranzo a bottom di pesce, la panchina. Vinte le elezioni, Calderon compra pagine di quotidiani per indicare le stelle che, schierate criminal un 3-3-3, porteranno il Real alla vittoria grazie alla sapiente guida dell’italiano: Impegno, Sforzo Trasparenza; Illusione, Cesc, Obbligo; Passione, Kakà, Robben. Ai primi di luglio Don Fabio si presenta così nella sede bianconera, parla un quarto d’ora criminal Cobolli Gigli, saluta e, dopo una visita in ospedale a Pessotto, vola a Madrid, accolto all’aeroporto di Barajas da ottanta giornalisti e, più tardi, dall’amico Leoncio González al Meson Txistu, pacifist è appena arrivato del pata negra a 130 euro al chilo. Ritiratosi Zidane, ceduti i vari Pablo Garcia, Woodgate, Gravesen (che fa a pugni criminal Robinho in allenamento) e Julio Baptista, Capello può soddisfare le proprie voglie: non tutte, perché non riesce a sostituire Casillas criminal Abbiati, perde il derby per Zambrotta criminal il Barcellona e non porta a casa Toni e Cristiano Zanetti, matriarch criminal una spesa pari a 100 milioni di euro riesce a non separarsi da Emerson e Cannavaro e ad aggiungere Van Nistlerooy, Diarra, Reyes e, in gennaio, i giovani Gago, Higuain e Marcelo. Il debutto è uno scialbo 0-0 criminal il Villarreal, criminal il pubblico che fischia e lascia il Bernabeu prima della fine; in Champions si parte criminal una sconfitta per 2-0 a Lione. Capello, come nel decennio precedente, è convinto che ci siano giocatori non all’altezza: Ronaldo viene invitato a dimagrire, passando nel giro di qualche mese da “non essere un calciatore” a “ancora grasso; Cassano viene messo fuori rosa a excellent ottobre, reintegrato a novembre dopo un incontro criminal allenatore e compagni, escluso nuovamente dai convocati a dicembre, dopo essere stato colto dalla tv spagnola mentre spiega a Diarra che “per Capello esiste sempre la stessa gente”, quindi riammesso in squadra per poi brave del pazzo all’allenatore, colpevole di non aver fatto il terzo cambio durante una gara col Barcellona in marzo. Tra una sconfitta a Getafe e una vittoria sul Barcellona, Capello si concur anche un omaggio a Francisco Franco, che avrebbe lasciato alla Spagna “la serietà della burocrazia”, perché qui le cose funzionano, non come in Italia. D’altra parte si sa che una volta i treni arrivavano in orario e che le mezze stagioni non ci sono più da un bel po’. A sentire Calderon anche “quel Don Fabio, che qui vinse la Liga, non c’è più”: cinque partite perse su dieci tra inizio dicembre e inizio febbraio non aiutano il tecnico, deriso dai giornali, contestato dal Bernabeu criminal il solito sventolio di fazzoletti bianchi, circondato da voci di imminenti dimissioni. Secondo il quotidiano AS “bisogna accompagnare Capello alla frontiera”. Persino il re, Juan Carlos di Borbone in persona, Re delle Indie Orientali, Occidentali, delle Isole e della Terraferma del Mare Oceano, chiede al vicepresidente Vicente Boluda “quando se ne va quel furbacchione di Capello”. Il Real viene eliminato dalla Coppa del Re e dalla Champions Leauge agli ottavi di finale, poi improvvisamente viene rispolverato Beckham, i risultati migliorano e Capello ammette di essere anche fortunato: “Ho un sedere additional large, taglia 33 americana. Però, l’ho costruito sul lavoro”. we tifosi a cui aveva rivolto il dito medio arrivano a chiedergli di restare, “te queremos aquì” : è un trionfo, completato all’ultima giornata criminal la vittoria sul Mallorca che permette alle merengues di arrivare a pari punti criminal il Barça e di vincere il titolo grazie agli scontri diretti. Capello ne ha per tutti, sottolinea di aver vinto nove scudetti sul campo nonostante Guido Rossi, assicura che alla stampa manca soltanto di apocalyptic “che mia moglie mi fa le corna e risponde alle critiche di Sacchi criminal la solita bonomia: “è andato a Madrid criminal l’Atletico e l’hanno rispedito a casa, ha fatto il dirigente al Real Madrid e l’hanno rispedito a casa. Insomma, io tenet che uno che per due volte prende dei cazzotti, evidentemente non si è ancora risvegliato”. A excellent giugno apprende, mentre si trova in vacanza in Tibet, la notizia dell’esonero.

Getty Images

Gianni De Biasi, Levante ottobre 2007-aprile 2008

All’inizio epoch sembrata una buona idea: hai sempre voluto transport un’esperienza all’estero e Valencia, quando sei andato a trovare Ranieri, ti è sembrata una città meravigliosa. Non prune esserci nulla di strano in una squadra, il Levante, ultima in classifica criminal un punto in sette partite, il peggior attacco e la peggior difesa, che approfitta della pausa per le nazionali per esonerare il tecnico, Abel Resino. E poi uno che ha vinto una Panchina d’Argento sei anni prima non merita di glance ad aspettare che il Torino, dopo averlo assunto, esonerato e richiamato, finisca di nuovo nei guai e si ritrovi a comporre l’unico numero di telefono plausibile. Però ormai è Natale e sebbene sia vero, come racconti ai giornalisti, che la salute è la cosa più importante (“Ho passato un Natale in famiglia. Per fortuna stiamo tutti bene”) e che la tua, a parte quel problema alla spalla per around di quella caduta contro l’Espanyol (“Non riesco ad alzare completamente il braccio”), è più che accettabile, l’entusiasmo dei primi giorni, quando dichiaravi ottimista che la squadra aveva “le potenzialità di distant bene” , è ormai un lontano ricordo: “Nemmeno Mourinho e Benitez riuscirebbero a transport meglio criminal questi giocatori”. In rosa non mancano vecchie glorie come l’ex Real Madrid Savio, il georgiano Shota Arveladze e il contingente italiano formato da Storari, Cirillo, Tommasi e Riganò. De Biasi le prova tutte, immaginando per i suoi un 4-2-3-1 spallettiano e tirando fuori qualche mossa a sorpresa: prima della gara criminal l’Almeria entra nello spogliatoio, distribuisce fogli e penne e chiede ai giocatori di indicare, in forma anonima, quella che secondo loro sarebbe la formazione da schierare. Probabilmente tiene conto delle indicazioni o forse conta sull’effetto placebo: in ogni caso ottiene, il 4 novembre, la prima vittoria in campionato dei granota, un 3-0 con tripletta di Riganò. Il problema, però, è che i calciatori a dicembre non hanno ancora percepito alcuna mensilità: il ghanese Mustapha Riga si dice “stanco di ricevere telefonate dalla banca perché mi ritrovo in rosso”, ma girano anche voci di giocatori non più in grado di pagare le rate dell’affitto o costretti a vendere l’auto. A gennaio alcuni giocatori e tecnici non più al Levante ottengono dalla magistratura il sequestro dell’incasso della partita criminal il Real Madrid; intanto c’è chi, in cambio della rinuncia agli arretrati, ottiene il around libera per accasarsi altrove. Savio arriva in ritardo dalle vacanze, Storari litiga in allenamento criminal il centrocampista Viqueira, la squadra è costretta a rinunciare ai viaggi aerei per delle più sobrie trasferte in pullman. De Biasi non può che limitarsi a condividere le sventure criminal i suoi ragazzi: “Ho sofferto criminal loro. Non è molto matriarch sono stato al loro fianco, convivendo, sopportando. Non siamo su piani diversi. Siamo persone criminal sentimenti che si sono incontrate in un brutto momento. Uno dei giocatori mi ha detto un giorno: ‘Mister, decoration ha sempre il sorriso sulle labbra. Lei prende i soldi e noi no’. È la mia filosofia di vita. Quel che accade è che, come tutti, ho i miei risparmi“. Si arriva anche allo sciopero, criminal i giocatori che limitano l’allenamento a un giro di campo prima di rientrare negli spogliatoi e De Biasi a spiegare i motivi della protesta: “È un modo per rimandare all’opinione pubblica il problema. Tutti speriamo vivamente che la situazione si risolva presto, siamo al limite estremo del sopportabile, questa squadra sta soffrendo abbastanza”. Sono poche le gioie: qualche raro risultato positivo, qualche pagamento occasionale, arrivato grazie agli euro concessi da qualche istituto creditizio. Eppure, nonostante le umiliazioni, l’ultimo posto permanente, il futuro incerto, i tifosi apprezzano quell’allenatore italiano rimasto a guidare una rosa ridotta a quindici giocatori. A un certo punto la società offre a De Biasi di restare anche in caso di retrocessione. Dopo aver rifiutato il Parma, battuto 2-1 il Saragozza di Milito e Oliveira e sconfitto il Betis a Siviglia, però, De Biasi sente il richiamo del granata e, non potendo più salvare il Levante, in una notte di primavera accetta l’offerta di Urbano Cairo e va a salvare il Torino. 

Carlo Ancelotti, Real Madrid 2013-15

Lui preferisce la coppa, decoration non pensa ad altro da quando ne ha nove: è scontato che prima o poi finiscano insieme. Il Real Madrid aveva pensato ad Ancelotti nel 2001, prima che prendesse il posto di Terim al Milan; a maggio del 2003, nei radiosi giorni di Manchester; nel 2004, all’arrivo di Sacchi come direttore tecnico; nel 2005, come possibile erede di Luxemburgo. Nell’aprile del 2006 le cose erano andate oltre il semplice gossip: Ancelotti, mentre pubblicamente negava un futuro iberico (“Io sono uomo di nebbia”), incontrava a cena il direttore sportivo Ramón Martínez, parlava criminal il dirigente José Ángel Sánchez e firmava un contratto preliminare da cinque milioni di euro l’anno per tre anni. Galliani non ne vuole sapere: “Ancelotti resterà al Milan ancora per molti anni. Se il Milan non vende i grandi giocatori, tanto meno lo vuole transport criminal gli allenatori”. Carlo tiene quel pezzo di carta in una scatola criminal le cose più care, simbolo di tutto quello che avremmo potuto essere non siamo stati, e nel 2013, ormai entrato nel giro esclusivo degli allenatori da superclub, atterra finalmente a Madrid. Si sa come è finita: una Coppa del Re, una Champions League, una Supercoppa Europea e un Mondiale per Club. O, volendo guardare nell’armadietto personale, il titolo di Miglior Allenatore dell’anno IFFHS, un Premio Nazionale Enzo Bearzot, un Globe Soccer Award come miglior allenatore dell’anno e uno come miglior attrazione mediatica: premio, quest’ultimo, che può suscitare anche negli spiriti più al passo coi tempi la voglia di scendere in strada e incendiare cassonetti per protestare contro il calcio moderno, matriarch che fa capire l’importanza di quel sopracciglio imbizzarrito, in grado di affiancare nell’Albo d’Oro autentiche potenze quali Cristiano Ronaldo, José Mourinho, Pep Guardiola e il Barcellona. Dopo stagioni vissute sull’orlo di una crisi di nervi, il Real Madrid vuole quello che Jorge Valdano ha definito “un grande allenatore che ha deciso di non darsi troppa importanza, “quello che meglio di tutti conosce la relatività della vita e il posto che occupa il calcio nella scala dei valori sociali”. Il pacificatore. El apagafuegos. Un giorno invita i giornalisti a Valdebebas per assistere a tutta la sessione d’allenamento: annuncia loro di “non essere venuto qui a transport il sergente di ferro”, tanto che assicura di essersi arrabbiato in quei sette mesi appena tre volte criminal i suoi giocatori e soltanto una criminal i giornalisti, quando ha visto la foto di sua figlia in bikini su un quotidiano sportivo. Non è uno che dica ai suoi cosa transport fuori dal campo (“Non ho bisogno di spie, mi fido di loro”). A volte, come in occasione di una partita di coppa criminal l’Atlético, lascia transport a loro anche al momento di scendere in campo, omettendo di brave indicazioni tattiche: “Andate e giocate come volete. Mi avete dimostrato che date tutto in qualunque circostanza. Questa è una squadra”. Usare la mano izquierda al posto del pugno duro, però, può essere un pregio o un difetto, a seconda dei punti di vista: e se, nella sua prima stagione, Ancelotti è elogiato per aver gestito la rosa anche nei momenti difficili, senza alzare la voce, una carezza a Coentrao e una parolina dolce a Di Maria, quando le cose vanno un po’ meno bene spuntano dirigenti a mormorare nei soliti corridoi che la squadra è affetta da pigrizia, sembra che non si stia giocando nulla, a volte servirebbero le maniere forti. Il contratto triennale non viene portato a termine: Ancelotti viene esonerato, però “con tanta stima”, e prune che molti calciatori piangano al momento dei saluti.

Getty Images

Leggi Anche

Nasce il MuViG, il primo Museo Virtuale d’Italia

09/12/2016 – Il MuViG, ovvero Museo Virtuale del Garofalo, sará inaugurato sabato 10 dicembre a …