Home / Viaggi / Da Ibiza a Stoccolma, le nuove rotte dei giovani

Da Ibiza a Stoccolma, le nuove rotte dei giovani

Per anni nessuno se ne è interessato più di tanto, quello dei ragazzi era un settore abbastanza trascurato, troppo debole il portafoglio e troppo volatili le tendenze. Le cose stanno cambiando e in molti sono attenti a osservare come si spostano gli under 30. I voli low cost e la sharing economy (Airbnb su tutti) sono le grandi novità di questi anni. Esiste anche un tour operator che si dedica soltanto a questa fascia di clienti, si chiama ScuolaZoo e organizza viaggi per ragazzi dal liceo all’università a prezzi molto bassi. Le mete consigliate da ScuolaZoo quest’anno sono Pag (Croazia), Corfù (Grecia), Malta, Rimini, Puglia, Budva (Montenegro), LLoret de Mar (Spagna). Per i viaggiatori fai da te, l’estate è ricca di soluzioni. 

 

IBIZA
 

A dispetto della fama a Ibiza c’è sempre spazio per tutti. I giovani, di tutte le età, continuano ad arrivare. L’isola è grande e accogliente, ci sono le ville dei ricchi, gli appartamenti low cost, gli alberghi da cinque stelle e quelli che per miracolo ne hanno ottenuta una. Quest’anno poi c’è il pienone più del solito e il governo delle Baleari è stato tentato fino all’ultimo di imporre il numero chiuso. Il progetto è naufragato e Ibiza ha già iniziato a ricevere le masse. I giovani e giovanissimi in cerca di divertimento preferiscono la zona di Playa d’en Bossa, non certo un gioiello urbanistico, ma piena di residence e vicina a molte discoteche. Inglesi e nordeuropei affollano il municipio settentrionale di Sant Antoni. Chi può spendere un po’ di più si spinga fino a Santa Eulalia, bel paesino a un quarto d’ora d’auto dalla città vecchia, per passare qualche notte al Me Meliá. Aperto da due anni, ha stanze sofisticate e una terrazza che guarda a Formentera. Novità di stagione è It alla Marina di Botafoch, club con (ottimo) ristorante, musica e tanti cocktail. Seconda stagione per Hearth, il locale che unisce il genio ai fornelli dei fratelli Adrià a quello di Guy Laliberté fondatore del Cirque du Soleil, dopo un prima anno di rodaggio, quest’anno l’esperimento pare più completo.  

 

ROTTERDAM
 

Il mare non piace a tutti e molti ragazzi partono d’estate per il nord Europa. Meta classica è l’Olanda e non solo per la nota permissività in tema di droghe leggere. Se Amsterdam resta la destinazione da tutto esaurito, c’è un’altra città che sta scalando posizioni: Rotterdam, meno cara e senza le carovane di turisti che affollano i canali, è il posto più dinamico, basterebbe lo skyline per provarlo. I migliori club del Paese sono qui. Quest’estate sono tre gli eventi per cui vale la pena partire: dall’8 al 10 luglio c’è il North Sea Jazz festival considerata la più grande rassegna indoor del genere, tutti in strada invece dal 26 luglio per i concerti del Rotterdam Unlimited. L’evento finisce alla grande il 30 luglio con il Summer Carnival, una parata con 2500 ballerini da ogni parte del mondo, soprattutto dai Caraibi.  

 

STOCCOLMA
 

Un’altra meta che sta raccogliendo grande successo tra gli under 30 è la Svezia. Specie nella capitale, i costi medi sono proibitivi (non per l’aereo), ma ci sono molti modi per aggirare il problema: ci sono ostelli di buon livello, a prezzi relativamente bassi. In centro c’è il Castaneo, votato per anni come miglior struttura della categoria. Al City BackPackers ci sono pattini e biciclette in dotazione. Il Castle House Inn è ospitato in un palazzo del Settecento ed è stato ristrutturato recentemente.  

Manca poco all’evento principale della stagione: dal 20 al 24 giugno in Svezia si celebra la festa di Mezza estate (la Midsommar), dopo il Natale è l’appuntamento più importante dell’anno. Sono le giornate più lunghe, la notte di fatto non arriva mai e gli svedesi si ornano il capo con corone di fiori e ballano senza sosta intorno a dei pali decorati. Si canta bevendo lo snap e si mangiano aringhe marinate (sill).  

 

SARDEGNA
 

Ormai è cosa nota: per sfuggire ai turisti in coda senza perdere nulla dello splendore del mare sardo è una buona idea scegliere la parte sud dell’isola. Ben collegata grazie all’aeroporto (e al porto) di Cagliari, la costa che dal capoluogo si estende ad est e a ovest offre scenari magnifici. I prezzi sono meno alti che in altre parti della Sardegna e le soluzioni per i più giovani sono molte. Nel paese di Calasetta (Sant’Antioco), davanti all’isola di San Pietro, ci sono dignitose pensioni a prezzi bassi. Due i campeggi principali di Sant’Antioco, Le Saline e Tonnara. La zona è bellissima, ma certo non si può pretendere la movida. Spendendo un po’ di più, invece, le serate si fanno più divertenti (e il mare altrettanto cristallino). Una soluzione può essere la Baia di Chia, a trenta chilometri da Cagliari. Il Baia Hotel, 80 stanze vicinissime al mare, fa parte del Chia Laguna resort ed è stato appena rinnovato.  


Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

Leggi Anche

ANSA/ Tripadvisor, spiaggia Conigli resta la più bella d’Italia

Poi Tropea e Pelosa. In top ten bene Sardegna, new entry Capri12:25 – 21/02/2018  (di …