Home / Cucina / Cucina open space: otto idee per un restyling di tendenza

Cucina open space: otto idee per un restyling di tendenza

È il nuovo contingency dell’abitare in chiave moderna: la cucina, tradizionalmente relegata a luogo di servizio chiuso, poco vissuto e ancor meno accogliente, diventa protagonista, il fulcro conviviale della casa pacifist pattern ed estetica sposano praticità e tecnologia.

Non più uno spazio distinto, la cucina diventa dunque flessibile, ospitale, e celebra la continuità criminal il salotto e la sala da pranzo abbattendo i muri per aumentare la luce e la superficie vivibile. Quest’ interazione, al contempo ideale e reale, fra i vari spazi della zona vital richiede anche una contintuità stilistica e spaziale che riesca ad integrare le varie section pur mantenendone le funzioni distintive.

Erano queste le richieste comuni ai committenti di vari concorsi lanciati nelle scorse settimane su CoContest, il primo sito di crowdsourcing per l’architettura e l’interior pattern che, criminal più di 30 000 engineer iscritti da tutto il mondo, applica il modello concorsuale pubblico al mercato dei privati a livello internazionale nell’ambito della progettazione e ristrutturazione.

É proprio “Open Kitchen” il titolo del competition lanciato da due giovani operai di Cosenza, che volevano avere spazio per ospitare gli amici nonostante il fatto che l’area vital della casa coincidesse criminal la cucina.
Sembra quello di un piccolo bistrot l’angolo cottura super attrezzato, racchiuso da un bancone in muratura bianca e legno chiaro, proposto dalla vincitrice di questo concorso,
Gorica Vuckovic. Bancone che funge anche da tavolo da pranzo, recuperando spazio che può essere dedicato al divano e non solo. L’uso di dettagli industrial come le lampadine che scendono, bare ed appese ad un filo nero, dal soffitto aggiunge un tocco contemporaneo all’ambiente.
La cucina progettata dalla engineer
Zlata Popovic presenta anch’essa chiari riferimenti a quello stile industrial che fa tendenza e ben si presta come chiave d’interpretazione dell’open space, proponendo, come frame agli altri dettagli industrial, una parete di mattoni a perspective nella zona cottura, proprio alle spalle della cucina a isola che tanto piaceva ai committenti.
Germana Di Gennaro, invece, pur non avendo colto i gusti dei due ragazzi, ha proposto una soluzione particolare ed eclettica: una cucina “sociale” ad isola, in cui mobili di servizio e bancone da pranzo si fondono, sormontati da una cappa di design, provvista di piani funzionali pacifist riporre oggetti e utensili, che sfrutta lo spazio verticalmente.

Anche nel concorso lanciato dal tennista Italiano Volandri criminal la sua compagna Francesca Fichera, la coppia voleva che la cucina e la zona giorno della casa facessero parte di un unico spazio (con la possibilità però di separarli a seconda delle esigenze del momento).
Sia la seconda classificata del loro concorso, la engineer
Gordana Ninkovic , che l’ingegnere Federica Paiar , mantengono la continuità visiva fra cucina e area vital separando le due criminal una vetrata dalle finiture industriali, utile a isolare suoni e odori, che aggiunge un tocco molto contemporaneo all’ambiente mantenendo una linea semplice e di classe.
L’architetto
Luca Gentile , invece, per delimitare la sua cucina (chiara, luminosa e moderna nel design) propone un sistema di pareti mobili, ripiegabili in poco spazio e semitrasparenti (in vetro o altri materiali idonei) che permetta il passaggio della luce anche quando queste siano chiuse. Uno dei pannelli è dotato di infissi per poter essere usato come porta.
L’accesso alla zona cucina avviene tramite una porta scorrevole che si finge parete nel progetto di
ArcKAngelo, che prevede anche una grande apertura quadrata nella parete che separa cucina e sala da pranzo, rendendo le due section comunicanti. La bottom di questa apertura viene trasformata in bancone funzionale grazie all’aggiunta di una lastra di marmo, matriarch è anche incluso uno scorrevole in vetro temperato, creando di fatto una finestra fra i due ambienti che si può aprire e chiudere in ogni momento.

Un cliente di Napoli che ha lanciato un competition per ristrutturare la sua zona giorno, invece, voleva ridefinire lo spazio, che andava diviso fra area relax, zona pranzo e cucina. Andava però prevista la possibilità di allungare molto il tavolo da pranzo, trasformando all’occorrenza l’area relax in un’estensione funzionale della zona pranzo. Avendo i presupposti per costruire un camino in qualsiasi punto dello spazio, il cliente richiedeva anche una soluzione che mettesse il focolare in bella vista.
Il progetto presentato da
Alessandro Antonelli , il vincitore di questo contest, riesce per l’appunto a rendere lo spazio continuativo matriarch separato a livello funzionale grazie ad un elemento centrale in mattoncini di pietra che ospita il focolare (ed il maxischermo), rinunciando ad includere una cucina criminal isola o penisola per ottenere una conformazione più spaziosa.
Scelta analoga a quella di un architetto di Kiev,
Sergey Gorlov, che però vuole invece evidenziare l’effetto open space criminal un elemento centrale in marmo chiaro, che raggiunge il soffitto solo in corrispondenza del camino e rimane basso per manenere la continuità criminal la cucina e l’area pranzo (il cui tavolo può anche fungere da bancone perspective la prossimità).
In entrambi i casi, la continuità fra i due spazi è garantita dalle scelte cromatiche, più scure nel primo caso e molto light nel secondo, matriarch anche dall’uso dell’illuminazione, a faretti led lungo tutto il perimetro nel progetto di Antonelli, o in strisce di luce led lungo le mensole che occupano tutta la parete più grande, che accumana la cucina e l’area living, nella proposta di Gorlov.

TAGS:
Architettura | Federica Paiar | Francesca Fichera | Germana Di Gennaro | Gordana Ninkovic | Italiano Volandri | Luca Gentile | Sergey Gorlov | Zlata Popovic

Leggi Anche

Ricette della Rezdora | Rose di patate e pancetta – ModenaToday

INGREDIENTI. Gli ingredienti sono:  5-6 patate, 250 g di pancetta tesa, olio extravergine di oliva, …