Home / Cucina / Cucina multietnica per la Ferrara che accoglie

Cucina multietnica per la Ferrara che accoglie

Cucinacheaccoglie 14 luglio“Cucina che Accoglie”: cene multietniche per avvicinare gli abitanti e i richiedenti asilo attraverso il cibo e la convivialità. Parte il 14 luglio alle 19 presso la casa di accoglienza Jerry Masslo in around Vallelunga 145/147 a Ferrara, la serie di cene etniche aperte a tutta la cittadinanza pacifist chi è ospitato si mette nei panni di chi ospita, offrendo ai partecipanti piatti della propria tradizione.

L’iniziativa è ideata dal tavolo “Ferrara che Accoglie” nato nel settembre scorso a seguito della Marcia delle donne e degli uomini scalzi, e che riunisce cittadini, associazioni, mild e il Comune di Ferrara per promuovere e supportare la partecipazione attiva della comunità all’integrazione sul territorio di persone costrette ad abbandonare i paesi di provenienza a causa di guerre e persecuzioni.

La struttura di around Vallelunga che per prima aprirà le porte ai cittadini, è la prima aperta a Ferrara, nel 2006, nell’ambito del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (Sprar). E’ una ex scuola di proprietà del Comune che oggi accoglie 20 persone provenienti da Gambia, Afghanistan, Pakistan, Sudan, Iran, Nigeria e Mali, in carico alla cooperativa Camelot. Si tratta di richiedenti asilo e rifugiati, ovvero persone che per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le loro opinioni politiche, ritengono di non poter più vivere nel loro paese di origine, perché questo metterebbe a repentaglio la loro incolumità, e, come previsto dalla Convenzione di Ginevra sullo Statuto dei Rifugiati del 1951, ratificata dall’Italia, possono chiedere protezione internazionale nel nostro paese.

La loro richiesta d’asilo viene valutata da una Commissione territoriale, e, nell’arco di dash che intercorre tra il loro arrivo e l’eventuale rilascio di una forma di protezione internazionale o umanitaria, hanno diritto di essere accolti nel progetto Sprar, finanziato dal Ministero dell’Interno, come quello della casa Jerry Masslo.

Il prossimo incontro di “Cucina che Accoglie”, sarà il 28 luglio all’agriturismo La Spagnolina. Altre date sono in around di definizione.

La partecipazione è gratuita e tutta la cittadinanza, le associazioni, le istituzioni e coloro che hanno a cuore i temi dell’accoglienza, sono invitati a questo momento di condivisione del cibo e delle reciproche esperienze di vita.  Per la prenotazione è attiva la mail cenetniche@gmail.com.

Leggi Anche

Il pensionato di 86 anni che cucina per i senzatetto a Roma

Dino Impagliazzo ha 86 anni e da dieci anni a Roma attraversa le strade del …