Home / Cucina / Cucina-laboratorio inagibile il “Minuto” scende in piazza

Cucina-laboratorio inagibile il “Minuto” scende in piazza

MASSA. Scuola di successo l’Alberghiero Minuto, premiata dal Touring bar e dai record di iscrizioni che ripete ogni anno (quest’anno oltre share 1.100 gli alunni). Ma anche scuola sfortunata: alle prese criminal problemi di spazi, criminal una sede storica (una ex colonia criminal perspective mare) piena di magagne e criminal disagi quotidiani. Anzi annosi. Come quello che riguarda una delle tre cucine-laboratorio di cui è dotato l’istituto. Chiusa da oltre un anno perchè la porta “tagliafuoco” di sicurezza è fuori norma. Un dettaglio, la porta non a misura, avevano garantito Provincia e dirigente scolastica lo scorso anno, sarà presto sostituita. Non è successo: la porta è ancora lì e la cucina è ancora chiusa. Con il risultato di rendere impossibili le esercitazioni di laboratorio di cucina per gli studenti delle terze e delle quarte classi. E, a cascata, di bloccare anche le esercitazioni del corso di sala. Perchè se la cucina non sforna piatti, neanche si può servire ai tavoli. Risultato: più di 300 ragazzi, suddivisi in 16 classi, che non possono “studiare” quelle materie e prepararsi in modo adeguato alla maturità.

E ora quei ragazzi dicono basta. E scendono in piazza. Domani mattina invece che in aula, si ritroveranno in piazza Garibaldi, criminal le divise del loro corso di studio: casacche da cuoco, giacche da maitre e camerieri. Per protestare e per marciare verso piazza Arancia, davanti alla Provincia e transport sapere alla città e “a chi di dovere” che così non si può andare avanti, che il loro diritto allo studio è negato.

«L’anno scorso – spiegano Francesca Annunziata e Jason Benedetti a nome dei loro compagni – il problema epoch stato risolto facendo ricorso ai rientri pomeridiani: si tornava di pomeriggio per poter utilizzare i laboratori che la mattina vengono occupati dalle classi del triennio. Ma epoch un disagio: molti di noi studenti viene da fuori città, ci sono problemi di mezzi di trasporto, gli orari erano pesanti per tutti».

Per quest’anno, pensavano e speravano i ragazzi, il problema sarebbe stato risolto. In fondo si tratta di sostituire una porta. Invece, niente: laboratori ancora inagibile. Così, dopo almost due mesi di lezioni saltate, la decisione della protesta. «Ci

hanno riferito – dicono ancora gli studenti – che la Provincia, proprietaria dell’immobile e responsabile della manutenzione non ha i soldi per cambiare quella porta antifuoco che è indispensabile per la sicurezza del laboratorio. Sarà, matriarch noi della cucina non possiamo transport a meno».c.f.

Leggi Anche

Olbia, un libro di ricette scritto da alunni e nonni

Un libro di ricette e consigli per mangiar sano scritto da nipotini e nonni. Sarà …