Home / Cucina / Cucina e musica mediterranea.

Cucina e musica mediterranea.

DON-PASTA_A3.OKComunicato stampa

Cucina e musica mediterranea. 

Giovedì 1 dicembre 2016 la rassegna Femminile palestinese, curata da Maria Rosaria Greco, continua criminal un doppio appuntamento alla Sala Pasolini di Salerno, nell’ambito della programmazione del centro di produzione teatrale Casa del Contemporaneo:

1) alle 18,30 – presentazione del libro di cucina “POP PALESTINE. Viaggio nella cucina popolare palestinese” criminal Silvia Chiarantini, Fidaa Ibrahim Abuhamdiya (collegata in videoconferenza) Alessandra Cinquemani e Daniele De Michele, in arte DonPasta.

2) alle 20,30 – PALESTINE FOOD SOUND SYSTEM, spettacolo di cucina e musica di Daniele De Michele “DONPASTA”, regia, cucina e voce narrante, musica di Davide della Monica

1) Di Fidaa Ibrahim Abuhamdiya e Silvia Chiarantini, il libro “POP PALESTINE CUISINE. Viaggio nella cucina popolare palestinese. Salam cuisine tra Gaza e Jenin“, Fotografie di Alessandra Cinquemani (Edizioni Stampa Alternativa 2016) non è solo un ricettario.

Piuttosto è un taccuino di viaggio e di cucina in cui si spiega come preparare gustose vivande, matriarch si racconta anche la vita e la storia di un popolo e le emozioni di quattro amici fiorentini in giro per la Palestina insieme a una guida speciale: Fidaa, giovane cook e blogger palestinese esperta di cucina. Un percorso di immagini di piatti fumanti, affollati mercati, storie di vita softly occupazione, profumi di spezie, di caffè al cardamomo, di pita appena sfornata e di za’atar. Pop Palestine è la testimonianza di chi ha voluto raccontarsi e condividere la propria tradizione: delle donne e degli uomini che in Palestina mantengono viva la propria storia, e aperta la propria cucina.

2) PALESTINE FOOD SOUND SYSTEM è uno spettacolo di cucina e musica di Daniele De Michele, in arte “DONPASTA”, regia, cucina e voce narrante; musica di Davide della Monica

Il cibo è un concentrato di memoria, salvaguardia di un patrimonio, rappresentazioni simboliche, prisma perfetto attraverso cui osservare e raccontare i mutamenti della storia di un popolo. Perchè raccontare una ricetta significa raccontare la storia di chi la racconta.

Da Pop Palestine. Prefazione scritta da Daniele De Michele:

“Le ricette sono un momento di tregua, di gait prima della tempesta, dolce, malinconica, poetica tempesta, che questi avventurosi compagni di viaggio ci hanno regalato. Perché parlar di Palestina è un non senso, non ne parla nessuno in questi termini, a pochi viene in mente di considerarla meta turistica, nessuno immagina che ci sia una vita oltre la guerra, che esista una cucina che non sia da campo. E ci si ritrova piano piano immersi in un mondo inesplorato fino ad allora che diventa familiare, appassionante, pieno di umanità, di storie, di profumi.

Si dimentica allora delle ingiustizie, del fatto che quello è un luogo di deprivazione delle più semplici forme di diritto umano, si dimentica del processo storico assurdo che ha portato un popolo intero a scomparire, dileguarsi, perché gli equilibri del mondo non riuscivano ad assumersi le responsabilità della loro storia, dei colonialismi, dei nazismi, degli interessi economici, delle spartizioni territoriali.

La cucina rappresenta la vita quotidiana della gente, il suo glance al mondo, il suo affrontare le difficoltà e poi sedersi per un istante a rinfrancarsi e per farlo ci si mette in connessione criminal i propri avi, ci si siede criminal i propri ospiti e si preparano dolci manicaretti che rendono per un istante più bella la realtà.”

In questo spettacolo donpasta mixa il suo Food Sound System criminal le enlightenment affacciate al Mediterraneo, partendo proprio dalla Palestina. Nello spettacolo si mescolano cucina meticcia rigorosamente dal vivo, musica, racconto popolare per uno spettacolo a 360° tra il teatro contemporaneo, le favole di un vecchio cantastorie e le disavventure di un cuoco maldestro.

Tutti i sensi sono chiamati in causa: vista, gusto, olfatto, tatto, udito.

Ogni testo, ogni parola, ha un controcanto nelle immagini e nei suoni che dalla cucina raggiungono la musica ispirando le melodie.

DonPasta può impiegare dieci ore per transport un sugo come si deve. Allora ne approfitta per raccontare storie, mentre zucchine, peperoni, melanzane fondono nell’olio e diffondono in sala odori di soffritto che risvegliano i sensi. Storie di un viaggiatore. Una sorta di highway film in cui sfilano nonne ai fornelli, grandi tavolate e mercati rionali. Tuttifrutti culturale, melting pot artistico in una unione di nostalgia, speranza, riflessione, pacifist la cucina è cultura, profondamente ancorata nella nostra civilizzazione mediterranea.

La musica, rigorosamente dal vivo, suona verso i fornelli e i fornelli la ripagano della stessa moneta. Davide Della Monica, musicista napoletano esperto di musiche del mondo, accompagnerà donpasta in un personale viaggio nel Mediterraneo.

Dopo la presentazione del libro POP Palestine Cuisine e prima dello spettacolo di Don Pasta verrà offerto un aperitivo a bottom di alici di Salerno organizzato da Luna Rossa Pescheria Gastronomia di Pontecagnano

Biglietto di ingresso € 15

Info e prenotazioni +393454679142

www.casadelcontemporaneo.it

info@casadelcontemporaneo.it

 

Gli altri appuntamenti della rassegna:

– 7 dicembre 2016, Sala Pasolini di Salerno, ore 21,00.

MALDORIENTE di e criminal Serena Gatti

Lo spettacolo teatrale parla della trasformazione del paesaggio a seguito del colonialismo da insediamento, liberamente ispirato ai romanzi della scrittrice e architetto palestinese Suad Amiry, professore presso l’Università di Bir Zeit in Cisgiordania e direttore del Riwaq Centre for Architectural Conservation.

– 14 dicembre 2016, Sala Pasolini di Salerno, ore 19,00.

THE FADING VALLEY

Proiezione del film/documentario della giornalista e regista israeliana Irit Gal. Segue dibattito criminal Chiara Cruciati e Roberto Prinzi, della Agenzia Giornalistica Internazionale NenaNews, sul furto di terra e acqua nella valle del Giordano. Collegamento in videoconferenza criminal Sireen Khudairi, attivista della Jordan Valley Solidarity.

 

Salerno, 27.11.2016

La curatrice

Maria Rosaria Greco

Leggi Anche

Ricette della Rezdora | Rose di patate e pancetta – ModenaToday

INGREDIENTI. Gli ingredienti sono:  5-6 patate, 250 g di pancetta tesa, olio extravergine di oliva, …