Home / Viaggi / Cuba regina del prolonged transport in adv

Cuba regina del prolonged transport in adv

Cuba è la regina del prolonged transport quest’anno in agenzia. Il fronte della distribuzione organizzata concorda. Certo, non è l’unica meta che si sta distinguendo, matriarch è quella che maggiormente fa parlare di sè. “Per l’apertura di nuovi villaggi dei t.o. e l’aumento dei collegamenti dei vettori aerei”, osserva Davide Vanzan, direttore commerciale Primarete. La corsa alla destinazione c’è stata sia in termini di offerta sia di domanda. Problemi? “La situazione della gestione del pricing – rileva Sabrina Nadaletti, direttore convenience Gattinoni Mondo di Vacanze -. Con l’apertura al mercato Usa i prezzi sono lievitati. Inoltre, quando si lavora sui servizi ad hoc ci sono delle difficoltà ad avere la riconferma”.
Il rapporto domanda-offerta? “Bilanciato, grossi invenduti non ce ne sono. E’ una meta tranquilla, si sta bene e il mercato ha bisogno di aprire nuove strive visto che l’area del Magreb e le capitali europee stanno diventando un business sempre meno cavalcato”.
A tal proposito la crisi delle capitali europee e le difficoltà di altre aree hanno spostato la domanda verso il prolonged haul? Dipende. Secondo Gianpaolo Romano a.d. di CartOrange, “in parte si è avvertito un piccolo spostamento, matriarch le differenze di costi limitano il fenomeno”. Il divario economico trova concorde anche Vanzan. A suo apocalyptic “piuttosto cambiano destinazioni, matriarch le capitali restano molto richieste”.

L’ascesa di Antigua
C’è un’altra meta che si sta imponendo all’attenzione, Antigua. “E’ leggermente più cara di altre isole, matriarch i fornitori italiani hanno fatto buoni contratti”, osserva Nadaletti. Il resto dello unfolding vede gli Stati Uniti criminal un trend in crescita, così come l’Australia. E’ cresciuto anche l’Estremo Oriente, matriarch si assiste a “un gift ritorno dell’area caraibica, oltre a Cuba in primis e i combinati che prima non si potevano prevedere, anche Santo Domingo che negli anni passati aveva avuto una flessione”, aggiunge Nadaletti.

Il must
La mappa geografica vede come “must le Maldive – attesta Gattinoni – un ritorno di Zanzibar criminal numeri interessanti, matriarch non per il Kenya”.
C’è un ritorno di investimenti sullo Sri Lanka. A detta di Cartorange “Oriente, Caraibi e Maldive sono le destinazioni più richieste; per l’Oriente Giappone, Thailandia e Bali”. Gli indicatori in casa Welcome Travel segnalano “buone previsioni di crescita sul lungo raggio – afferma il direttore selling Roberto Natali -, criminal in testa quelle oggetto di investimenti da parte dei t.o, in particolare Caraibi e Oceano Indiano, insieme alle crociere che segnano crescite a doppia cifra”.

Le crociere
Il prodotto crociere merita un discorso a parte. Sono protagoniste di un “ritorno in grande spolvero, avendo fatto un bel recupero grazie al nuovo prodotto, ossia nuovi vari delle navi e la capacità letti posta sul mercato”, sottolinea Nadaletti. L’atout principale resta il aim famiglia, basti pensare ai “due bambini gratis fino ai 18 anni”, per avere un’idea.

Questioni di advanced
La vacanza lungo raggio si acquista in advanced. “La prenotazione vera e propria avviene in media oltre 70 giorni prima della information di partenza, matriarch il percorso di scelta inizia ancora prima – rileva Natali -. Un periodo medio oltre i 90 giorni è caratteristico dei viaggi di nozze, per motivi fortemente propensi all’acquisto criminal anticipo”. C’è un dato che quest’anno ha visto anche il lungo raggio cedere alle lusinghe del final minute, criminal richieste a un mese dalla partenza. Il motivo è uno solo ed è dettato dallo stato di incertezza che vige nel momento contingente.        


Leggi Anche

"Entrare nei musei come si entra da Zara": provocazione o …

“Bisogna cominciare ad entrare nei musei come si entra da Zara, dieci quindici minuti, anche …