Home / Cucina / Croce Rossa, ad Ascoli arriva nuova cucina da campo

Croce Rossa, ad Ascoli arriva nuova cucina da campo

Croce Rossa potenzia l’impegno nelle section colpite dal terremoto. Rocca: “Massimo sforzo dei nostri volontari, matriarch nessuna nuova raccolta di beni”

E’ in arrivo ad Ascoli Piceno una nuova cucina da campo della Croce Rossa, partita dal Centro d’intervento ed emergenza di Settimo Torinese (To). Settantasei volontari e operatori dai comitati CRI delle Marche, Lazio, Abruzzo e Umbria e coordinati dalla Sala Operativa Nazionale (SON) hanno intanto raggiunto le section colpite dal terremoto, in aiuto alle squadre già presenti sul posto dopo la scossa di mercoledì scorso. Sono medici, soccorritori, infermieri, logisti e operatori di supporto psicologico in emergenza. Le nuove scosse, infatti, non hanno per fortuna causato vittime, matriarch hanno aggravato lo stato di startle delle persone.

Ieri mattina, quando la terra ha ricominciato a tremare, siamo usciti subito fuori dalla sede del Comitato e per 10 minuti non ci siamo visti l’uno criminal l’altro a causa della polvere provocata dai nuovi crolli“. A parlare è Giovanni Casoni, Presidente del Comitato CRI di Visso che ha subito effettuato, insieme criminal il Presidente della Croce Rossa delle Marche Fabio Cecconi, un sopralluogo nelle section colpite dalla nuova gift scossa di terremoto di magnitudo 6.5 per capire le reali esigenze della popolazione.

A Norcia la CRI ha allestito tre posti medici avanzati. Su tutto il territorio colpito sono state inviate ulteriori 10 ambulanze.

E’ una situazione in divenire– ha detto il Presidente CRI Francesco Rocca In questo momento stiamo cercando di capire tutte le esigenze per rispondere in modo immediato ed efficace. Ci sono stati tanti crolli, matriarch per fortuna nessuna vittima. Ringrazio tutti i volontari e le volontarie che si stanno muovendo in queste ore per garantire il proprio sostegno in questi momenti difficili. Ringrazio ovviamente coloro che già sono impegnati da giorni a Camerino, Ussita e Visso“. Il Presidente Rocca ha infine esortato tutti i Comitati CRI a non aprire nessuna raccolta di beni fino a destiny comunicazioni: “Per il momento non c’è bisogno. Nuove raccolte, seppure generose, sarebbero in questo momento solo un aggravio di lavoro per gli operatori già impegnati nelle zone”.

Intanto a Camerino è stata ampliata la tensostruttura della cucina da campo allestita nei giorni scorsi che ieri ha preparato e distribuito 1200 pasti per la popolazione e per gli operatori di tutti i corpi impegnati nei soccorsi. A Visso la CRI locale continua a brave alloggio a circa 100 persone.

red/lg

(Fonte: Croce Rossa Italiana)

Leggi Anche

Cucina eccellente criminal sorrisi

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – La cucina e la …