Home / Sessualità / Cosa vuol apocalyptic “naturale” nello sport?

Cosa vuol apocalyptic “naturale” nello sport?

Nel 1968, il pentatleta svedese Hans-Gunnar Liljenwall diventò il primo atleta olimpico a non superare un exam antidoping. Per distendere i nervi, Liljenwall aveva bevuto un paio di birre prima della gara di tiro a segno, e la mossa costò alla squadra svedese la medaglia di bronzo. Il divieto di consumare alcolici – e altre sostanze che migliorano le prestazioni sportive come il doping del sangue, gli steroidi anabolizzanti e le attrezzature illegali – è fondamentale per preservare quello che l’Agenzia Mondiale Antidoping (AMA) definisce come lo spirito dello sport, «l’impegno per il perfezionamento dei talenti naturali di ogni persona». È un ideale nobile, che però è difficile da tradurre in norme coerenti. Se a Liljenwall non epoch permesso rilassarsi bevendo alcol, oggi gli atleti a cui è stata diagnosticata la sindrome da necessity d’attenzione o quella da deficit d’attenzione e iperattività possono fare uso di stimolanti altrimenti proibiti, sfruttando quella che viene definita un’esenzione per fini terapeutici. Nel 2013, l’agenzia antidoping degli Stati Uniti ha concesso 86 esenzioni per l’utilizzo di stimolanti, il che significa che ad alcuni atleti fu permesso di assumere sostanze vietate agli altri. Come può essere una cosa naturale? Da queste considerazioni derivano delle domande su cosa sia un atleta “naturale”. Sono interrogativi complicati dal punto di perspective biologico e filosofico, ancora di più alla luce dei nuovi farmaci e dei progressi tecnologici. La conseguenza sono norme imprevedibili o poco chiare, stabilite dalle autorità che disciplinano lo competition e regole che spesso sembrano portare da un caso controverso all’altro.

Un modo per capire cosa sia “naturale” è l’approccio “biologico”, che viene usato nei casi sulla correttezza dell’utilizzo delle protesi per gli arti. Per l’iniziale squalifica del velocista Oscar Pistorius – che ha subito un’amputazione bilaterale – dalle Olimpiadi del 2008, la dichiarazione ufficiale dell’Associazione Internazionale delle Federazioni di Atletica Leggera (IAAF) aveva citato degli studi che dimostravano come le protesi di Pistorius richiedessero «meno energia supplementare rispetto alla corsa criminal degli arti naturali» e avessero delle caratteristiche biomeccaniche uniche che mettevano gli atleti criminal delle “gambe naturali” in condizione di svantaggio. Squalificare tutti gli atleti che hanno delle caratteristiche “non biologiche”, però, sarebbe virtualmente impossibile, ha detto Alena Grabowski, una professoressa di fisiologia integrativa della University of Colorado, specializzata nella biomeccanica delle protesi sportive. «Non ci sono molti atleti d’élite che non hanno subito un intervento chirurgico o medico di qualche tipo», ha detto Grabowski. Per capire il senso di quello che viene già consentito, il talento naturale va visto come un corpo biologico sano o come un suo equivalente coadiuvato dalla tecnologia. Grabowski fece parte della squadra che aiutò Pistorius con il ricorso alla decisione della IAAF, che gli permise di partecipare alle Olimpiadi del 2012. Se si esclude il ginnasta George Eyser – che nel 1904 vinse sei medaglie olimpiche criminal una gamba di legno – nel 2012 Pistorius fu il primo atleta a gareggiare alle Olimpiadi criminal una protesi (successivamente, Pistorius fu condannato per aver sparato e ucciso la sua ragazza in Sudafrica e di recente ha ricevuto una condanna a sei anni). Quest’anno, Grabowski ha provato ad aiutare l’atleta tedesco di salto in lungo Markus Rehm, che perse la gamba destra a 13 anni in un incidente di wakeboard e che, come Pistorius, usa una protesi per gareggiare. La posta in gioco epoch alta: Rehm aveva una possibilità di vincere delle medaglie alle prossime Olimpiadi, dal momento che il suo miglior salto nel 2015 gli sarebbe valso l’oro alle Olimpiadi del 2012.

Non esiste uno customary scientifico in grado di dimostrare che una protesi sia o meno equivalente a una gamba biologica. Questo però non ha impedito a Grabowski di provarci. Insieme ad altri due scienziati, uno tedesco e uno giapponese, Grabowski ha realizzato uno studio sulle protesi e il salto in lungo. we ricercatori hanno coperto i partecipanti allo studio criminal degli indicatori riflettenti e li hanno fatti correre attraverso una serie di telecamere a infrarossi, misurando la forza verso il basso esercitata sulla pista criminal delle piastre misuratrici e calcolando i tassi metabolici. we risultati dello studio sono stati ambigui. Da un lato, le protesi limitano la velocità massima di un atleta di salto in lungo, il che ovviamente è uno svantaggio. Dall’altro, tuttavia, la protesi sembra facilitare leggermente il trasferimento della forza verticale in forza verticale e orizzontale nel momento dello stacco da terra, producendo un vantaggio. Nonostante Grabowski sia convinta che Rehm non abbia vantaggi dall’uso della protesi, a giugno la IAAF ha emesso una sentenza in suo sfavore, sostenendo che Rehm non sarebbe riuscito a dimostrare che la protesi non gli assegnava un vantaggio competitivo ingiusto. Rehm ha ritirato la sua richiesta di partecipazione alle Olimpiadi di Rio.

I vantaggi naturali, però, per quanto ingiusti possano essere, sono una cosa del tutto legittima. Il nuotatore americano Michael Phelps, per esempio, ha dei piedi molti grandi e delle caviglie criminal una doppia articolazione, che combinati creano un “effetto pinna” in acqua. Alle persone meno advantageous dal punto di perspective genetico non è consentito riportare le condizioni in parità sfruttando mezzi “innaturali” come delle pinne protesiche. Tuttavia, esistono dei modi per aumentare i propri talenti naturali che sono più difficili da rilevare e regolamentare. Pensate ai livelli di ematocrito, per esempio, che misurano la concentrazione di globuli rossi che portano l’ossigeno ai muscoli. Aumentare questi livelli significa accrescere la resistenza e le prestazioni, che poi è il motivo per cui atleti come il ciclista Lance Armstrong hanno fatto ricorso al doping. Per poterlo fare, si può ricorrere a trasfusioni sanguigne autologhe (in cui si usa il proprio sangue), trasfusioni omologhe (con il sangue di qualcun’altro), o alla somministrazione di EPO, un ormone peptidico che stimola la produzione di globuli rossi. Tutti e tre questi metodi sono potenzialmente nocivi. «La viscosità del sangue cresce e così facendo lo sforzo del sistema cardiovascolare aumenta, e di conseguenza anche il rischio di infarti e coaguli sanguigni nel tessuto cerebrale e polmonare», ha detto Nikolai Nordsborg dell’Università di Copenhagen, un esperto di ematologia sportiva. «Usando il sangue di un’altra persona, si rischiano anche lo startle anafilattico e infezioni».

I livelli naturali di ematocrito delle persone dipendono da una serie di fattori, tra cui la genetica, la posizione geografica e le strategie di allenamento. Se si hanno livelli nella media, doparsi è illegale anche solo per raggiungere la fascia di prestazioni medio-alta. Non c’è però una norma che va contro l’avere un dono naturale, e l’esempio più famoso di un caso del genere è lo sciatore di fondo finlandese Eero Antero Mantryranta, che negli anni Sessanta vinse sette medaglie olimpiche criminal un livello di ematocrito superiore del 50 per cento alla media, grazie a una mutazione genetica chiamata policitemia primaria. Nel 1997, l’Unione Ciclistica Internazionale (UCI) rispose alle preoccupazioni per il doping nel sangue stabilendo che chiunque avesse un livello di ematocrito superiore al 50 per cento avrebbe subìto una sospensione di due settimane dalle gare e avrebbe dovuto presentare immediatamente dei campioni di sangue per un ulteriore esame. «Alcuni atleti hanno iniziato a usare metodi molto sofisticati, e si misurano tutti i giorni i livelli di ematocrito criminal dei macchinari portatili», ha detto Don Catlin, fondatore del Laboratorio di exam olimpici dell’UCLA. «Si somministrano micro-dosi di EPO fermandosi proprio alla soglia limite». Gli atleti che non avevano naturalmente dei livelli vicino al 50 per cento potevano migliorare enormemente le loro prestazioni senza distant scattare la norma, e così hanno fatto. Per risolvere il problema, l’UCI e altre organizzazioni sono ricorse ai “passaporti biologici”, che registrano i singoli biomarcatori degli atleti nel tempo. «I passaporti biologici ci permettono di osservare le variazioni naturali di un singolo individuo», ha raccontato Jacob Morkeberg, uno specialista di antidoping il cui lavoro ha rivelato le anomalie nei campioni di sangue di Armstrong del Tour de France del 2009. «Possiamo tenere in considerazione anche elementi ambigui come la genetica o gli allenamenti ad altitudini elevate, che possono distant aumentare i livelli di ematocrito».

L’esistenza di questi elementi ambigui pone una domanda importante. Se vivere e allenarsi ad altitudini elevate – o simularle criminal tende da alta quota, come fanno molti atleti – è in grado di aumentare i livelli di ematocrito, perché queste cose vengono trattate in modo diverso dal doping del sangue? Catlin, Nordsborg e Morkeberg evidenziano i differenti rischi alla salute nei due casi. Per competere in modo equo non dovrebbe esserci bisogno di doparsi criminal l’EPO fino a distant coagulare il proprio sangue. Tuttavia, questi esperti riconoscono che anche molte forme di allenamento consentite possono mettere a rischio la salute di un atleta. In fondo, sottoporre il proprio corpo ad allenamenti massacranti comporta dei seri effetti collaterali, per non parlare del pericolo intrinseco di competition come la boxe.

Dal momento che i vantaggi biologici e i metodi di allenamento “naturali” sono accettati, il caso della velocista indiana Dutee Chand può creare particolare confusione. Le autorità concordano sul fatto che Chand – che parteciperà alle Olimpiadi di Rio – non ha mai assunto sostanze illegali. Il problema sono i suoi livelli di testosterone, naturalmente alti per around di una malattia chiamata iperandrogenismo. In media, gli uomini hanno livelli di testosterone dieci volte superiori a quelli delle donne, che secondo alcuni scienziati è la ragione delle differenze nelle capacità atletiche tra uomini e donne. Il testosterone esogeno, nella forma di steroidi anabolizzanti, è usato normalmente per aumentare la massa muscolare. Nel 2014, alcuni esami – tra cui una serie di exam fisici mortificanti che di solito sono usati per determinare il sesso – hanno rivelato che il livello di testosterone di Chan epoch nella fascia tipica degli uomini, superiore alla soglia imposta dalla IAAF per le atlete. L’Autorità sportiva dell’India aveva stabilito nel 2014 che «l’atleta potrà ancora competere nella categoria femminile in futuro se ricorrerà a un aiuto medico adeguato e abbasserà i livelli di androgeno [cioè del testosterone] fino alla fascia specificata». Chand ha fatto ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport, sottolineando come qualsiasi vantaggio di cui ha beneficiato fosse frutto di un «dono genetico naturale», relationship ad avere alti livelli di ematocrito, e che in nessun altro caso delle caratteristiche fisiologiche naturali avevano portato alla squalifica di un atleta. «Quando un uomo ha livelli di testosterone insolitamente alti, il passo successivo è un exam criminal gli isotopi di carbonio», ha detto la bioetiscista della Stanford University Katrina Karkazi, che ha aiutato Chand per il ricorso. «Se viene giudicato naturale, il caso è chiuso. Per le donne però, anche se è naturale questo non succede, matriarch vengono fatti transport altri esami». Il controverso dibattito su cosa sia naturale e cosa no ha portato alcuni esperti a usare il termine criminal circospezione. «Non tenet che il termine “naturale” sia molto utile per stabilire le regole», ha detto la studiosa di giurisprudenza della Georgia State University Patti Zettler, specializzata in bioetica. «Alcune delle cose che accettiamo dagli atleti – correre su e giù per le scale, usare le scarpe, alzare pesi, si potrebbero definire come non “naturali”… Gran parte di ciò che pensiamo essere naturale dipende in realtà da cosa siamo abituati a vedere, e non da un quadro obiettivo».

Ma se l’idea di cosa sia “naturale” – per quanto imperfetta – venisse accantonata come guida approssimativa per stabilire cosa è consentito nello sport, cosa ci rimarrebbe? we sostenitori dell’antidoping mettono in guardia da un possibile futuro in cui gli atleti che sperano di qualificarsi per le Olimpiadi si dopano regolarmente e fanno uso di farmaci pericolosi, in modo relationship a quanto succede oggi nel mondo del bodybuilding professionistico, pacifist è ampiamente riconosciuto che l’uso di steroidi è dilagante, ed è quindi impossibile vincere senza farne uso. we bodybuilder che non vogliono assumere farmaci sono costretti a gareggiare in eventi “naturali” alternativi (e meno affascinanti).

Le pericolose e vietate pratiche usate in passato – che hanno spinto alcune persone a richiedere la squalifica dell’intera squadra russa per le Olimpiadi di Rio – diventerebbero la regola. Anche se questo unfolding è esagerato, le autorità sportive dipenderebbero comunque da altri termini filosoficamente ambigui – “corretto”, “sano”, o “normale” – come bottom per stabilire le norme. Mentre la biotecnologia fa progressi, i problemi nel definire cosa è “naturale” sono destinati ad accentuarsi. we figli “programmati” geneticamente dai genitori in modo che siano più forti e veloci potranno partecipare alle Olimpiadi? O sarebbe una violazione dello “spirito dello sport”? Il fondatore delle Olimpiadi moderne, Pierre de Coubertin, disse una volta che nella vita la cosa più importante non è vincere, ma «lottare». Quasi un secolo dopo, non è ancora chiaro se questo significhi anche lottare in modo naturale.

© 2016 – The Washington Post

Leggi Anche

Giornata mondiale contro l’Aids: mettete il condom, e superate l …

Ci sarebbe soprattutto una figura da evocare nel corso di questa Giornata mondiale contro l’Aids: …