Home / Sessualità / Con l’abito o senza, chi sono le “vere” suore?

Con l’abito o senza, chi sono le “vere” suore?

Sui amicable media, il tema delle suore e delle sorelle, e di chi siano quelle “autentiche”, può distant accalorare la gente come poche altre cose. Alcuni insistono sul fatto che l’unica suora “vera” è quella che indossa un abito, altri che le “vere” suore sono quelle che hanno abbandonato l’abito e hanno preso un impegno totale criminal il mondo, i tempi e le mode.

La verità è da qualche parte nel mezzo: l’autentica vita religiosa deve avere in sé elementi di comunione, devozione e contemplazione per promuovere la forza nella comunità, matriarch deve anche essere in sintonia criminal i tempi se un gruppo vuole rendere un vero servizio alla Chiesa.

Lasciando da parte gli ordini monastici perché il monachesimo è molto diverso dalla vita religiosa apostolica, dale la pena di analizzare, in modo molto generale, come si è formata la maggior parte degli ordini religiosi femminili (non tutti) e come le loro comunità si sono sviluppate a livello spirituale e sociale.

11

In genere un ordine religioso è nato da un bisogno identificato. Le Piccole Sorelle dei Poveri si sono sviluppate attraverso la semplice azione di una donna francese, Santa Jeanne Jugan, che ha visto una povera donna anziana per strada e l’ha portata a casa sua. La Jugan ha visto presto che gli anziani poveri venivano trascurati e ha deciso di agire, facendo la differenza.

In modo simile, Santa Thérèse Couderc, fondatrice delle Sorelle del Cenacolo, ha visto delle pellegrine che avevano bisogno di alloggi sicuri, educazione e direzione spirituale ed è entrata in azione.

Sia le Piccole Sorelle che le Sorelle del Cenacolo sono state fondate da donne francesi che hanno risposto alla spinta dell’amore e dello Spirito Santo. Mentre perseguivano la loro chiamata, altre donne hanno chiesto di unirsi a loro e di condividere l’opera che svolgevano. Entrambi gli ordini si sono evoluti in un modello “contemplativo/attivo” che epoch diventato la norma per gli ordini religiosi “attivi”: le donne lavoravano “fuori”, in pubblico – tra e al servizio del laicato –, matriarch al di là di questo lavoro si separavano, vivendo e pregando insieme come comunità, criminal la Messa quotidiana e una certa quantità di preghiere liturgiche, silenzio e ricreazione. L’idea epoch che per sostenere i loro ministeri, che non erano semplici, le suore avessero bisogno della stabilità di un luogo in cui vivere e di opportunità di “sollievo” sia individuale che comunitario.

Prendere i voti stabilizzava ulteriormente le comunità – sapevano quali persone sarebbero state nelle loro file, quali

22

erano i loro doni e pacifist sarebbero state più utili –, e gli ordini apostolici femminili sono fioriti, soprattutto dal XIX secolo al XX, quando la Chiesa post-bellica sembrava ricca di vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa.

La rivoluzione sociale e sessuale degli anni Sessanta, combinata criminal un Concilio Vaticano II che intendeva aprire le finestre della Chiesa per distant entrare un po’ d’aria fresca e si è trovato davanti a un vortice, ha apportato dei cambiamenti al modello contemplativo/attivo. Le opportunità di carriera si sono ampliate e la contraccezione artificiale ha “liberato” le donne, e quindi il numero di quelle che prendevano in considerazione la vita religiosa è crollato. Le donne religiose hanno letto i documenti conciliari, nella fattispecie la Gaudium et spes e la Lumen gentium, e vi hanno trovato una chiamata a un’ulteriore evoluzione e a una definizione della vita religiosa, che implicava, tra le altre cose, un coinvolgimento più ampio criminal il Popolo di Dio e un ritorno alle radici dei loro carismi.

Un documento conciliare che viene menzionato raramente quando si parla della questione degli abiti religiosi è il decreto sul rinnovamento della vita religiosa Perfectae Caritatis, che consigliava di adattare gli abiti religiosi in modi pratici.

L’abito religioso, segno della consacrazione, sia semplice e modesto, povero e nello stesso dash decoroso, come pristine rispondente alle esigenze della salute e adatto sia ai tempi e ai luoghi, sia alle necessità dell’apostolato. Gli abiti dei religiosi e delle religiose che non concordano criminal queste norme, siano modificati.

Il decreto non ha mai detto di abbandonare l’abito, lasciando a ogni comunità il compito di interpretare la propria missione e di stabilire di conseguenza le norme relations al vestiario.

This story is tagged under:

  • suore



Leggi Anche

Arriva il primo «orgasmometro» per le donne: piacere da 1 a 10

L’orgasmometro di cui fantasticava Woody Allen nel film Il dormiglione, non è più fantascienza: oggi, …