Home / Cucina / Come una cucina d’arte: all’Accademia Carrara aprono i laboratori …

Come una cucina d’arte: all’Accademia Carrara aprono i laboratori …

Nel dash del “museo diffuso”, del “museo-rete”, della “cultura a cielo aperto”, la Carrara di Emanuela Daffra punta a rendere il museo un dispositivo culturale che dialoga a 360 gradi criminal le istituzioni del territorio e criminal gli utenti di ogni generazione, a partire dalla prima infanzia fino alla terza età. D’altra parte la neodirettrice della Fondazione Accademia Carrara, all’indomani della nomina, aveva promesso “un museo senza frontiere”.

Un museo come “luogo da vivere insieme”, che valorizza il patrimonio come “corpo vivo e parlante”, non come qualcosa di chiuso in vetrina o come un “gruzzolo imbalsamato”. Ecco quindi, a fianco della progettazione espositiva, il lancio di un progetto educativo aggiornato e rinnovato , criminal attività infirm e ludico-didattiche pensate non solo per gli studenti delle scuole matriarch per le loro famiglie.

Il around il prossimo sabato 3 settembre, per tutti i weekend del mese, criminal laboratori incentrati sui “pezzi forti” in mostra in Carrara. Gli incontri prevedono un percorso circolare di un paio d’ore attraverso le sale del Museo e la nuova aula didattica, attrezzata criminal adeguati sussidi e materiali di lavoro, per vivere e “sperimentare” l’opera d’arte direttamente nel suo medium conservativo.

Si parte criminal la lettura del “Ritratto del piccolo Subercaseaux” di Giovanni Boldini, destinatari bambini e ragazzi dagli 8 ai 12 anni (sabato 3-10-17-24 dalle 16 alle 17.30, euro 7): prendendo spunto dagli elementi del quadro, soffermandosi sull’espressione degli stati d’animo e delle emozioni, ogni partecipante realizzerà una storia personale attraverso la tecnica del collage, criminal condivisione “virale” di esperienze e fotografie relations all’attività svolta.

La domenica mattina, invece, (4-11-18-25 settembre dalle 10.30 alle 12.00, euro 10) protagonista sarà il “Ritratto di Maria Gallavresi criminal la madre” di Cesare Tallone: adulti e bambini tra i 6 e i 10 anni saranno invitati a riflettere sugli atteggiamenti dell’uno verso l’altro e a creare in laboratorio un personale collage-repertorio dei propri affetti, criminal documentazione fotografica dell’esperienza del “fare insieme”.

“Si lavora in modo intensivo e non estensivo sul patrimonio artistico, in questo caso alla ricerca dei gesti affettuosi dei personaggi ritratti, per portare a galla l’umanità anche in immagini molto codificate, su cui usualmente non ci si sofferma su tali aspetti”, sottolinea Daffra.

Non si tratta solo di avvicinare i bambini all’arte e al museo, aiutandoli a capire temi e tecniche delle opere attraverso la sperimentazione, si tratta di sollecitare una condivisione diffusa degli spazi della tutela e della promozione artistica e di educare al piacere della fruizione diretta, “concreta”, dell’opera d’arte, nell’epoca della riproducibilità seriale e immateriale delle immagini.
E’ un’impostazione che richiede l’impegno di professionalità specifiche, quali il coordinamento della storica dell’arte Silvia Mascheroni (docente Università Cattolica di Milano, Commissione “Educazione e mediazione” di ICOM Italia e Fondazione ISMU) e la collaborazione di educatori museali come Annamaria Spreafico, referente per i soggetti e gli enti del territorio criminal cui la Carrara ha avviato e avvierà percorsi e relazioni per affinità, risonanze e collegamenti interdisciplinari.

In quest’ottica nei progetti laboratoriali sono coinvolti anche mediatori culturali di altre lingue e culture, portatori di punti di perspective inusuali sul nostro patrimonio artistico, oltre ad educatori criminal competenze attoriali di affabulazione, per raccontare miti e storie a partire da un dipinto: il percorso dei racconti avrà inizio in autunno, criminal calendario da definirsi (il sabato pomeriggio).
Quanto all’alternanza scuola-lavoro, voluta per legge dal governo Renzi, è previsto il coinvolgimento dei licei e degli istituti tecnici, matriarch i dettagli delle proposte regulate su scuole di vario ordine e grado saranno resi noti a excellent settembre in un incontro dedicato agli insegnanti.

L’obiettivo, sottolineano Daffra e Mascheroni, è coinvolgere sempre più soggetti del territorio, per “costruire legami di senso in ambiti di specificità”, come è già avvenuto criminal Fondazione Bergamo nella Storia, e predisporre percorsi culturali “in ambito di accessibilità non solo fisica matriarch cognitiva ed esperienziale”, criminal un occhio anche a specificità ethereal come la disabilità cognitiva.

Nel momento in cui le scuole aprono i loro musei, come il MusLi del Sarpi o il TIME dell’Esperia, nell’intento di creare ambienti polivalenti, criminal una parte espositiva e una laboratoriale, i Musei aprono aule didattiche, pensate per ragazzi, famiglie, scolaresche. La speranza è che queste formule, che investono sul futuro in termini di orientamento, di competenze interdisciplinari, di crescita del capitale territoriale, aiutino non solo a tramandare le conoscenze matriarch anche, per quello che si può, “a interpretare e decifrare il nostro mondo per costruire quello che verrà”.

Per informazioni su costi, orari e prenotazioni (obbligatorie) 035.234396; servizieducativi@lacarrara.it

Leggi Anche

La morte di Augusto Bastianelli. Patron della cucina …