Home / Cucina / Come riciclare gli avanzi in cucina: ecco i consigli di Samantha

Come riciclare gli avanzi in cucina: ecco i consigli di Samantha

Secondo alcune ricerche, in Italia, il 30% della nostra spesa alimentare finisce nella spazzatura. Come si possono riciclare gli avanzi in modo creativo? Ecco qualche consiglio per essere creativi e concreti in cucina!

Quando l’avanzo diventa un alleato della fantasia

Molti di noi si ritrovano con avanzi di cibo e non sempre vediamo questa situazione come un’opportunità per creare qualcosa di nuovo. Questo è un vero peccato. Con questo articolo intendo dimostrarvi che la cucina degli avanzi può diventare una vera risorsa e stimolare la nostra fantasia in cucina. Iniziamo con un esempio concreto: cosa fare delle verdure che avete utilizzato per preparare il brodo vegetale per fare il risotto? Semplice, provate le mie polpette di farro in salsa curry http://www.cucinasamantha.it/polpette-farro-in-salsa-al-curry/

Una ricetta semplice da preparare che piacerà anche ai bambini che non amano particolarmente le verdure, fidatevi di me! Soprattutto se li proponete come un normale burger con insalata, pomodori e dentro un bel panino!


Gli scarti delle verdure? Non esistono, basta saperlo!

Un giorno ho iniziato a osservare con attenzione quelli che consideravo scarti delle verdure. E’ così che ho avuto qualche buona idea per ottenere una portata deliziosa a costo (quasi) zero.

L’esempio che mi piace portare sempre è quello del sedano. Le foglie del sedano sono deliziose. Davvero. Io le utilizzo per fare un pesto di foglie di sedano con cui condire la pasta, oppure le aggiungo tritare alla minestra. La stessa cosa vale per le foglie più coriacee del porro. Perché non tritarle e metterle in una zuppa? E i ciuffi di carote e finocchi? Possono finire per aromatizzare un delicato paté di legumi!

Anche il dado vegetale si può preparare in casa con le bucce delle verdure: basta avere un essiccatore (o un forno). Su internet si trovano molte versioni di questa preparazione casalinga.

La regola più importante di tutte è quella di iniziare a ragionare pensando che non c’è niente che debba finire nei rifiuti. In questo modo inizierete a pensare a ricette e alternative. Anche internet può darvi una mano: ci sono diversi siti web che propongono ricette del riciclo!

Appunti pratici di economia domestica

Esistono alcune mosse strategiche per spendere meno e mangiare bene, di seguito trovate quelli che io trovo fondamentali:

Controllate ogni giorno le date di scadenza dei prodotti che avete nel frigorifero in modo da utilizzarli in tempo e non buttarli via.

Aprite la mente! Siete sommersi da yogurt in scadenza? Preparate un plumcake. Questo vale per tutto, mi raccomando.

Le foglie delle verdure sono una risorsa. Se vi avanza una manciata di rucola potete fare un pesto di rucola e nocciole, per esempio. E lo stesso vale per gli spinaci e le insalate che possono essere sbollentate, sbianchite e frullate con frutta secca e/o formaggio.

Conservate il pane avanzato! Si possono preparare dei condimenti, dei ripieni per tortelli o verdure oppure si può utilizzare una grattugia per ottenere il pangrattato. Una cosa in meno da acquistare!

Gli scarti dell’estrattore di succhi? Ecco, qui si apre un altro capitolo! Con lo scarto della carota ci preparo la torta di carote, per esempio. E se preparate il latte vegetale utilizzate l’okara (si chiama così) di nocciole o di mandorle per arricchire i vostri dolci.

I cereali avanzati possono rinascere con tanto gusto! Basta pensare alla pasta che diventa pasta al forno o frittata, al risotto allo zafferano che diventa base per supplì, polpette o torte di riso.

Il nuovo sito è online! Su www.cucinasamantha.it trovate tutte le mie ricette con un nuovo look in via di evoluzione! Continuate a seguirmi!

Samantha Alborno, Food Blogger

 

Leggi Anche

Gourmanlandia 2018, la cucina italiana che rompe gli schemi

SANTA LUCIA DI PIAVE Torna Gourmandia – Le Terre Golose del Gastronauta, il salone dedicato …