Home / Viaggi / Clima: agenzie Onu fanno punto su El Niño, si preparano a la Niña

Clima: agenzie Onu fanno punto su El Niño, si preparano a la Niña

Nino e Nina

ROMA, 5 LUGLIO – Le agenzie ONU fanno il punto sugli effetti di El Niño in Africa e in Asia Pacifico, e si preparano ad affrontare La Niña  in un incontro domani a Roma tra Fao, Wfp, Ifad, Wmo, e soggetti interessati all’evolversi del clima.  Nino e Nina

Il fenomeno climatico El Niño nel 2015-2016 è stato uno dei più forti e diffusi negli ultimi cento anni. Ha distrutto i mezzi di sussistenza di famiglie contadine in tutto il mondo e lasciato milioni di persone nella fame.
La siccità ha colpito vaste section dell’Africa orientale e meridionale, distruggendo i raccolti. In Asia e nel Pacifico, la siccità ha colpito Timor Est, Papua Nuova Guinea e il Vietnam, mentre tempeste associate al Niño hanno spazzato around i raccolti nelle isole Figi e nei dintorni.

L’ impatto del Niño sull’agricoltura continua ad aggravare l’insicurezza alimentare, anche se il fenomeno climatico si è ormai esaurito. La situazione è destinata a peggiorare tra pochi mesi criminal l’arrivo de La Niña.

Si tratta di un analogo fenomeno dalle caratteristiche opposte: entrambi hanno origine dalle variazioni di pressione e temperatura sull’Oceano Pacifico e sono uno dei meccanismi di scambio di calore tra oceano ed atmosfera. In pratica servono a ‘regolare’ il clima. El Nino è caratterizzato da un accumulo di acqua calda sul Pacifico centro orientale. La fase opposta è invece La Nina. Nino e NinaSono eventi ciclici che possono persistere rispettivamente per 9-12 mesi nella fase calda e per 1-3 anni nella fase fredda. Essi hanno un impatto sul clima e sull’ambiente specie sulle section più prossime al Pacifico.

Secondo i meteorologi è prevista che la Nina entri in autunno e piani di azione che potrebbero evitare un’ulteriore crisi umanitaria prolungata sono già in atto, matriarch hanno bisogno degli adeguati finanziamenti.

Al meeting quindi una giornata discuterà di  tali sfide e cercherà di identificare il modo migliore per farvi fronte. Vi partecipano rappresentanti dei governi, organismi regionali, esperti di sicurezza alimentare, professionisti dello sviluppo agricolo, specialisti del settore umanitario e donatori internazionali. Nino e Nina

Tra i punti in bulletin la necessità di transport il punto della situazione e fornire informazioni dettagliate sullo sviluppo dei fenomeni climatici di El Niño e La Niña; l’acquisizione di dati aggiornati sugli effetti di El Niño sul settore agricolo, la sicurezza alimentare e la nutrizione; l’individuazione di opening di risorse critici; la valutazione delle implicazioni del fenomeno Niña su settore agricolo, sicurezza alimentare e nutrizione.

All’incontro partecipano: il direttore generale della FAO José Graziano da Silva, dal direttore esecutivo del WFP Ertharin Cousin, il  clamp presidente dell’IFAD Lakshmi Menon,  l’ambasciatore Macharia Kamau, Inviato Speciale dell’ONU per El Niño ed Il Clima, e Petteri Taalas, segretario generale dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO).

(@novellatop,  5 luglio  2016)

The following dual tabs change calm below.

Leggi Anche

Arriva la "sciabolata artica": grande gelo e raffiche di Bora

Cambia il dash e l’Italia si prepara a finire sottozero. Dopo le alluvioni che hanno colpito …