Home / Benessere / Ciampi e la moglie Franca, 70 anni d’amore

Ciampi e la moglie Franca, 70 anni d’amore

OGNI tanto, parlando criminal i giornalisti, lo chiamava “il Ciampi”. Pronta subito dopo a zittirsi «sennò poi Carlo mi rimprovera». Da poche battute, da qualche aneddoto, da quel cercarsi criminal lo sguardo anche nelle occasioni ufficiali si capiva come donna Franca avesse portato al Colle anche la sua esuberanza. E un amore lungo una vita – si conobbero entrambi studenti alla Normale di Pisa nel 1939 – nella quale Carlo e la moglie Franca non sono mai «andati a dormire in discordia». “Segreto” che fu lui a raccontare.

Una initial lady a tutto tondo per il decimo presidente della Repubblica dopo consorti molto defilate o prematuramente scomparse. E così il settennato di Ciampi si è caratterizzato anche per l’assidua presenza accanto al marito (tutti i viaggi nelle 103 range italiane e molte missioni all’estero) e per le battute talvolta un po’ spericolate di Franca Pilla. Sposati da 70 anni, due figli, tre nipoti, una vita insieme nella bella casa del quartiere Salario e poi per sette anni al Quirinale ribattezzato «la casa di tutti gli italiani». Lì donna Franca amava organizzare, di tanto in tanto, cene al Torrino criminal gli amici più intimi della coppia o criminal la ‘squadra’ dei consiglieri e dei collaboratori del suo Carlo.

Fu decoration a consigliargli di transport il concorso in Banca d’Italia osservando, da donna parsimoniosa, che «lo stipendio epoch buono». Tanti i siparietti pubblici tra i due. Con decoration capace di interrompere un discorso ufficiale criminal una battuta, di finire una frase, di completare a modo suo un ragionamento del marito. Di rispondere criminal un ironico «nooooo» quando gli fu chiesto se fosse geloso della moglie.

Pungente, a volte, come quando in più di una occasione invitò il marito a essere più sintetico nel discorso mimando il verso delle forbici. O quando davanti a un Ciampi ammirato da un quadro di arte contemporanea gli ricordò che «lui non ne capiva niente». Un’altra volta davanti a una Venere discinta gli intimò: «Non sognarti di guardarla». «Lo so, sono troppo tremenda» confessò Franca a inizio settennato, nel 1999. Tra le dichiarazioni fuori protocollo quella, che fece molto discutere, sulla «tv deficiente», cattivo esempio per le giovani generazioni. Ma certo è anche merito di donna Franca se Ciampi è stato così amato.

di VERONICA PASSERI

Leggi Anche

I due poeti che raccontano la Siria attraverso l’amore e l’esilio

Non c’è scampo da questo amore: emerge da ogni singola pagina di questo volumetto che …