Home / Cucina / Chef porta cucina napoletana in Cina

Chef porta cucina napoletana in Cina

(ANSA) – CASTELLAMMARE DI STABIA (NAPOLI), 10 NOV – Non è il
viaggio di Marco Polo, ma la strada che ha portato lo chef di
fama internazionale, Rino de Feo, da Castellammare di Stabia
(Napoli) a Shanghai (Cina), passando per l’Indonesia, è un
percorso ricco di sapori, profumi e incontri: quelli che hanno
reso famosa la cucina napoletana in Cina e che assicura agli
italiani di sentirsi a casa quando, immersi nella cucina cinese,
vanno in piena astinenza da ragù.
Da Marcello Lippi a Fabio Cannavaro a Gigi D’Alessio, il libro
di prossima uscita, ‘Rino de Feo – Storie di uomini, viaggi e
ingredienti’, racconta gli intrecci di ricette stellate,
parentesi di vita e amicizie nate davanti a uno “scarpariello”
rivisitato. È, ad esempio, la storia della “scarpetta di Lippi”.
   
De Feo gli ha dedicato questo piatto quando il ct della Cina
chiese un po’ di ricotta fresca sullo “scarpariello”, un piatto
che ora spopola a Shangai. Il volto dello chef stabiese
campeggia su TV, treni, bus, e lui viaggia tra ambasciate,
grandi hotel, eventi internazionali “ma io mi definisco stabiese
fondamentalista”, afferma, “molti nostri prodotti non possono
essere importati. Per questo, preparo io stesso mozzarella di
bufala, ricotta, mascarpone” e Fabio Cannavaro lo vorrebbe nel
suo caseificio ad Arzano. Allo chef non manca il fuoco della
passione per il Napoli. È, infatti, presidente del primo Club
Napoli in Cina, il Club “Diego Armando Maradona”.
   
“Quando gli azzurri di Sarri hanno affrontato il Crotone qui
erano le ore 21 – racconta – e nel locale avevo 42 napoletani,
tutti imprenditori del Cis di Nola, giunti per una fiera a
Canton”. Il ristorante si è trasformato nella “Curva B”. “Ad
ogni azione del Napoli era un’esplosione ai tavoli” con grande
sbalordimento dei cinesi abituati al fashion dell’italian
style.
   
(ANSA).
   

Leggi Anche

PSA Groupe spazia dall’alta cucina ai social

Da una parte DS Automobiles firma in Francia una cucina-laboratorio per Yannick Alléno, chef tristellato …