Home / Cucina / Castelvittorio: tradizioni e cucina ligure al ristorante "il Busciun". 5 …

Castelvittorio: tradizioni e cucina ligure al ristorante "il Busciun". 5 …

Il mare è sole, spiaggia, abbronzatura e relax, ma la ricchezza dell’entroterra della nostra provincia, non ha eguali. A Castelvittorio, nella Val Nervia, si può avere un assaggio, in tutti i sensi, di questo patrimonio sia culturale, ma soprattutto enogastronomico. Abbiamo chiesto a Terry Prada del ristorante “Il Busciun”, cosa voglia dire gestire un locale tipicamente ligure in questo periodo.

Cucina tradizionale al Busciun, una scelta premiata? Si, perché il genuino e il tradizionale premiano sempre, é vero che la gastronomia cerca le novità, ma in un paesino come Castelvittorio é importante mantenere le caratteristiche del piatto tradizionale e questo é ciò che cercano i miei clienti.

Quali sono la specialità e il piatto più richiesto del ristorante? Proponendo il menù degustazione si da modo di assaggiare un po di tutte le specialità ai profani. Penso che il piatto più scelto siano i ravioli di borragine e il Turtun, una torta verde di diversi ripieni a seconda della stagione, dal 2006 piatto de.co di cui esiste anche una sagra in estate. I funghi, raccolti da mio marito fungaiolo di eccellenza, sono sempre richiesti.

Turisti, stranieri e piatti locali, qual è il più richiesto? Capitano turisti che domandano i soliti spaghetti alla bolognese o la pizza, qualcuno va via deluso altri, a cui viene proposto di assaggiare la cucina tradizionale, come la pasta fatta in casa o turtun, rimane soddisfatto. La cucina dell’entroterra é ancora un mistero per i turisti italiani o stranieri. In ogni caso un bel piatto di ravioli viene sempre apprezzato!

Promozioni o serate in vista? Il 21-22-23-24 luglio avrà luogo un festival di musica classica con musicisti danesi. Sono coinvolte Castelvittorio, Pigna e Dolceacqua e nel nostro locale saranno ospitati alcuni degli artisti: Anna Scharling cantautrice, accompagnata da Gustaf Ljunggreen e Anna Rømer. Durante il Festival sarà proposto un “menù concerto” al fine di adeguare i tempi ai commensali di assistere allo spettacolo.

Il ristorante Busciun, parola che in dialetto significa tappo, trae il nome dal piazzale antistante dove, anni fa terminava la strada, rappresentando il “tappo” della Val Nervia

Terry, di origine sudafricana, lavora in questo ristorante da 25 anni, prima alle dipendenze poi in società con la famiglia del marito, che le ha insegnato tutto “Può sembrare strano che una sudafricana-trentina possa essere la cuoca del locale ma è proprio così e con l’approvazione popolare sulla cucina tradizionale castelluzza, posso dire di aver superato la prova: cucinare con passione con prodotti locali, mantenere sempre lo stile del servizio come una volta, cucinare piatti di stagione e a km 0, usare l’olio extravergine di oliva di montagna e preparare dolci fatti in casa” conclude Terry. Per informazioni è possibile telefonare al numero 0184 241073.

Leggi Anche

Firenze, l’aperitivo s’ispira alle ricette dei libri

Dal plumcake cheddar e bacon di Virginia Woolf alle alici marinate agli agrumi di Goliarda …