Home / Cucina / CAIAZZO. CUCINA PER IL DISAGIO MENTALE, AL VIA LA SFIDA …

CAIAZZO. CUCINA PER IL DISAGIO MENTALE, AL VIA LA SFIDA …

Il mondo culinario come terapia per il disagio mentale, ecco il resoconto e i dettagli sulla seconda sfida:

Continua la gara a “La taverna dei briganti”, presso il ristorante Villa Icaro, sito in around Santa Cristina n. 8 (Caiazzo), pacifist la cucina diventa terapia per il disagio mentale. Le persone svantaggiate delle strutture gestite dagli Enti afferenti al progetto Meglio Insieme, in questo mese di giugno, invitate dalla Cooperativa Sociale Beta, criminal entusiasmo e dedizione, partecipano alla gara gastronomica “I sapori dei briganti”.

Il tema della competizione è la cucina tradizionale napoletana e i prodotti tipici nostrani. Il 23 giugno il confronto sarà tra i secondi. Ai fornelli i partecipanti si cimenteranno nell’elaborazione di secondi piatti ispirati alla tradizione culinaria napoletana e realizzati criminal prodotti tipici locali.

Nella sfida del 17 giugno scorso, riservata ai primi piatti, i giudici hanno decretato la vittoria a pari merito di SIR Pulcinella di Acerra, gestita dalla Cooperativa Mercurio D’Oro, e gruppo di convivenza di Galluccio, gestito dalla Cooperativa Aria Nuova. we due piatti vincitori, gli spaghetti “alla pulcinella” e i maccheroni lardiati, faranno parte del menù del pranzo sociale che si svolgerà il 29 giugno 2016 presso il ristorante La Taverna dei Briganti.

“Siamo molto soddisfatti di questa iniziativa. Da subito abbiamo riscontrato grande entusiasmo sia da parte degli utenti sia da parte degli organizzatori – spiega la dottoressa Francesca Giannini, psicologa psicoterapeuta -. L’iniziativa ha funzione riabilitativa nella misura in cui, anche attraverso attività ludiche e agonistiche come questa, riusciamo ad aiutare le persone criminal malattia mentale sia ad affrontare e gestire problemi concreti della quotidianità sia ad acquisire capacità sociali, relazionali e anche professionali, come nel caso specifico della Cooperativa Beta che si occupa del reinserimento lavorativo delle persone svantaggiate”.

Il progetto Meglio Insieme, coordinando different mild sociali, si occupa della pianificazione e della realizzazione di un ricco e variegato programma di riabilitazione, che comprende attività sportive, musicali, teatrali, iniziative culturali ed visite guidate. Il programma in corso tende ad ampliare l’offerta riabilitativa proposta dalle singole strutture, rendendola, altresì, più selezionata ed efficiente. Ciò ha lo scopo di aprire per gli utenti una serie di canali di integrazione e di socializzazione al di fuori del proprio contesto di riferimento. Occasioni dinamiche e stimolanti che offrono possibilità di autodefinizione e delineano percorsi di autonomia personale e relazionale.

Cinque i giudici delle gare: il dottore Aniello Sacco e le dottoresse Rossana Aglione e Raffaella Montesano del Coordinamento Socio Sanitario dell’Asl di Caserta; il dottore Emanuele Del Castello, psicologo dell’ U. O. S. M. di Capua, e Fiore Marro, presidente dei Comitati delle Due Sicilie. La giuria sarà presieduta dal cuoco Ennio Caprio Nono, consigliere nazionale della Federazione Italiana Cuochi e fondatore dell’Associazione Cuochi Casertani. All’evento è prevista la partecipazione anche del sindaco di Caiazzo, Tommaso Sgueglia.

La Cooperativa Beta, guidata dal presidente Luigi Principio e dalla dottoressa Francesca Giannini, completa la sua attività formativa occupandosi dell’inserimento lavorativo delle persone svantaggiate, alle quali impartisce una formazione professionale nel campo della produzione di prodotti alimentari e della ristorazione, in particolare della gestione della Taverna dei Briganti.

Le altre mild coinvolte nel progetto sono: Mercurio D’Oro, Aria Nuova, Sirio, Iride, Santiago, facenti capo al Consorzio Icaro.

Ultimo appuntamento il 29 giugno criminal il pranzo sociale finale, durante il quale verranno serviti i piatti vincitori dell’intera competizione.

locandina-gara-gastronomica

Leggi Anche

Gualtiero Marchesi: la cucina è donna – Cucina – D – la Repubblica

lo cook Gualtiero Marchesi, foto Luisa Valieri Ha l’inquietudine di chi, a 86 anni, è …