Home / Viaggi / «Buon 2016 a tutti, noi pensiamo a Rio»

«Buon 2016 a tutti, noi pensiamo a Rio»

UDINE. I primi a festeggiare? Due campioni. Daniele Molmenti che ha accolto il nuovo anno a Sydney davanti all’Opera House. Per qualche ora ha lasciato da parte il suo kayak, che userà in Australia per tre mesi per poi trasferirsi a Rio e iniziare il conto alla rovescia verso le Olimpiadi.

E Alessandro De Marchi, tra i big dello sport friulano in giro per il mondo è stato il primo giovedì pomeriggio a fare gli auguri di buon anno. È da alcune settimane in Nuova Zelanda per stare un po’ col fratello (che vive là) e allenarsi al caldo per il grande 2016.

Il suo anno salutato l’altra notte è stato duro, in parte sfortunato ma il tweet è eloquente: foto della vittoria alla Vuelta e frase ad effetto.

Alice Mizzau? Ha postato una foto con un leone. E poi un bell’augurio su Twitter. È in Sudafrica da qualche giorno per una serie di allenamenti. Sempre con vista Rio. La nuotatrice di Beano di Codroipo si è nuovamente aggregata al gruppo di allenamento guidato da Fred Vergnoux.

«Il 31 è stato per me un normale giorno di allenamento – ha raccontato la friulana – con doppia seduta, come di consueto. Il 2016 sarà un anno importante per me. Mi auguro e auguro a tutti i friulani che sia un anno ricco di soddisfazioni, felicità e soprattutto salute. Che ognuno di noi abbia il coraggio e l’entusiasmo di porsi un obiettivo e di riuscire a raggiungerlo. La cosa più importante è provarci! E auguro a tutti di stare bene e di vivere bene».

Il 2016 di Mara Navarria si apre in salita, con la qualificazione per le Olimpiadi ancora da conquistare e con un grande vuoto da colmare, quello del suo maestro, Oleg Pouzanov, morto da poche settimane. Anche per questo motivo la spadista friulana ha scelto di trascorrere in Friuli il suo capodanno.

A Carlino, in famiglia, davanti al caminetto, per “assorbire ancora più calore”. «Qui in Friuli riesco a ricaricare le pile anche con la nebbia – ci ha spiegato -. Ho bisogno di ritrovare energia, per affrontare con la massima serenità il prossimo mese e mezzo, che sarà decisivo per la qualificazione olimpica».

Da lunedì Mara sarà in ritiro a Formia con la nazionale per tutto gennaio. Solo un mese fa era salita sul gradino più alto del podio a livello individuale nella tappa di Coppa del Mondo di Doha.

«Ai lettori del Messaggero Veneto – ha concluso Mara – auguro serenità, amore e fantasia e di essere sempre orgogliosi della loro appartenenza. Quando viaggio mi rendo veramente conto di quante cose belle ci siano nel mio Friuli. Bon principi a duc».

Chiara Cainero viaggia molto e stare lontana da casa spesso le pesa, visto il grande attaccamento alla propria famiglia. Se poi ci aggiungi che la sua è una super famiglia, allora capisci quanto valore abbiano avuto le sue vacanze a Cavalicco, con i propri cari.

Ha trascorso San Silvestro in famiglia, con il marito Filippo e il figlio Edoardo, ma anche con genitori, zii, amici. Un gruppo numeroso e molto unito. Tra meno di due settimane partirà in ritiro con la nazionale italiana di skeet. Il 19 gennaio inizia infatti la programmazione per l’anno olimpico.

«Mi auguro che il 2016 mi regali ancora grandi soddisfazioni – spiega la tiratrice della Forestale, che ad agosto parteciperà alla sua quarta olimpiade -. Ai friulani auguro un anno di prosperità e di riuscire ad affrontare nel migliore dei modi questo momento di crisi. I friulani sono gente tosta; sapranno sicuramente rimboccarsi le maniche e darsi da fare, come hanno sempre fatto».

Dopo il nono scudetto e l’ottavo posto assoluto nella tappa italiana del mondiale di rally che cosa potrebbero desiderare di più Anna Andreussi e Paolo Andreucci? «Ci auguriamo un 2016 con altrettante soddisfazioni sportive – spiega la navigatrice arteniese -. Per noi sarà il decimo campionato italiano, un numero importante, una prova di maturità. Speriamo di chiuderlo con un altro storico successo».

Il primo pensiero di Anna per il 2016 va alle donne, con la speranza che riescano a farsi valere. «Ai lettori del Messaggero Veneto – conclude – auguriamo buon anno (come potete vedere anche nella foto che ha scattato insieme a Paolo)-. Auguriamo che sia un anno di crescita per la nostra terra e che molti giovani riescano a trovare il lavoro che cercano».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi Anche

Capolavori del Trecento in mostra in Umbria

“Incoronazione della Vergine e Storie della morte della Vergine”, Maestro di Cesi, Parigi, Museo Marmottan …