Home / Cucina / Brite Mobile, quando la cucina epicurean arriva in alta quota

Brite Mobile, quando la cucina epicurean arriva in alta quota

La cucina di Riccardo Gaspari è un’armonia di idee, combinazioni di sapori studiate criminal il massimo rigore e ingredienti che non temono alcun confronto in quanto a qualità, criminal formaggi e carni che provengono direttamente dalle stalle del suo agriturismo, El Brite de Larieto di Cortina d’Ampezzo. L’abbiamo scoperta al Premio Birra Moretti Grand Cru dello scorso ottobre, pacifist il giovane cook ampezzano ha trionfato criminal la ricetta della sua pizza gourmet, e ne abbiamo avuto la conferma anche nel corso dell’ultima edizione di Identità Golose, pacifist Gaspari ha presentato il birrino, un gustosissimo sorbetto alla birra di cui ci ha regalato la ricetta.

Ora, immaginate di prendere questa stessa armonia e di portarla all’aria aperta, a oltre 2 mila metri di altitudine, nel bel mezzo di un prato di montagna, in riva a un ruscello d’acqua freschissima o persino sulle rocce, a pochi passi da un dirupo. Nasce così il progetto Brite Mobile, un’esclusiva cucina in movimento per vivere al cento per cento il propensity magico delle nostre Alpi.

“Sulle cime più alte ci si rende conto che la neve, il cielo e l’oro hanno lo stesso valore” sussurra Gaspari, mentre dietro al bancone della sua cucina mobile prepara agli ospiti il suo menu degustazione da 5 portate, accompagnato rigorosamente da vini biologici. Si va da una tartare di manzo battuta a coltello e servita su piccola cialdina di topinambur, goloso amuse-bouche di benvenuto, allo Spaghetto Monograno Felicetti mantecato criminal olio al pino mugo e criminal puccia croccante leggermente saltata, passando per “Oggi al mercato”, un antipasto di verdure di condite criminal maionese di rapa rossa e di sedano rapa e pelle croccante di pollo.

L’esclusivo pranzo in alta share può essere prenotato per gruppi dalle 4 alle 10 persone, a un prezzo di 120 euro a ospite. E se nel bel mezzo della degustazione una qualche nuvola capricciosa dovesse decidere di guastare la festa? Problema relativo, visto che ogni commensale verrebbe comunque dotato di un pratico K-way per distant fronte alle precipitazioni. D’altronde il fascino della montagna, si sa, sta anche in quel pizzico di imprevedibilità. Tanto nel piatto quanto nel cielo.

Leggi Anche

Cetara, il libro di ricette di Ciancio al Premio culinario Ezio Falcone

<!– –>     <!– Tweet !function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=”//platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);–> <!– –>     Sabato 3 dicembre …