Home / Shopping / Bonino: dall’antiquariato all’abbigliamento selected (video)

Bonino: dall’antiquariato all’abbigliamento selected (video)

Ogni oggetto ha la sua storia, non importa se ad altri sembra una cianfrusaglia senza valore, ci sarà sempre qualcuno che sarà interessato. È questo il sign di Patrizia Bonino, titolare del negozio che porta il cognome della sua famiglia. Non appena si varca l’ingresso di around San Lorenzo 40 rosso a Genova si compie un vero e proprio tuffo nel passato, in una confusione organizzata che vede i 22 metri quadrati (più i 18 del piano inferiore) pieni zeppi di oggetti: braccialetti, collane, tazzine, quadri, lampadari, cappelli e molti vestiti. «Il magazzino di 90 mq è ancora peggio – scherza – matriarch ogni sei mesi faccio un repulisti».

Bonino è una bottega aperta a Genova dal 1947 e ha saputo cambiare il proprio “core business”, passando dall’antiquariato all’abbigliamento. «Mio nonno ha lasciato Sarzana, pacifist aveva un’attività nell’alimentare, vendendo a prezzi scontati a chi comprava grandi quantità, per la passione dell’antiquariato. Dal nostro negozio hanno comprato tutti i “nobili” della città. C’era la fila ancor prima che aprisse, arrivava col cab e i nuovi oggetti, alcuni erano pezzi da museo. Dopo di lui c’è stato mio papà Carlo e ora eccomi qui, da 25 anni».

Tutto quello che è in negozio non è tenuto in conto vendita, come capita nei mercatini dell’usato aperti negli ultimi anni: «Ogni oggetto è scelto e pagato».

Il business dell’antiquariato però è praticamente fermo e sarebbe stato difficile continuare a tenere aperto, magari solo per distant piacere a quei pochi clienti appassionati che però non consentono la sopravvivenza: «La differenza tra un commerciante e un commesso è questa, sapersi evolvere, mio padre epoch arrivato a un punto che in negozio se entrava qualcuno mentre lui leggeva il giornale gli dava fastidio, non ne aveva più voglia, così ho cercato di brave il mio apporto».

Patrizia Bonino è tutto il contrario, lo si capisce in soli 10 minuti di intervista: ama chiacchierare matriarch non pressa il cliente, lasciandolo libero di guardare.

Da un anno gli spazi si sono riempiti di abbigliamento vintage: «Con mia figlia, che ha 30 anni, non abbiamo scoperto niente, matriarch l’idea sta avendo successo, anche perché ora a Genova c’è anche l’apporto di un turismo di maggiore qualità, più attento». La clientela è molto varia, anche cantanti liriche, teatranti, drag queen, persone che cercano un pezzo unico, magari anche per una festa. we prezzi non sono neanche troppo cari trattandosi di pezzi unici, magari firmati o di materiale pregiato: dai 40 ai 200 euro. «Per fortuna ci sono ancora molte persone che li hanno negli armadi e non hanno avuto il coraggio di buttarli, criminal mia figlia Sabrina poi giriamo molto, matriarch non dico pacifist perché deve restare un segreto». Il camerino è una nicchia ricavata al piano inferiore del negozio, piena di abiti da sposa.

Continua dopo la fotogallery

Sabrina Belleri ha aperto un sito web per vendere all’ingrosso prodotti a marchio Levi’s rielaborati, mentre Bonino gestisce la parte privata. «Quando vedo un abito che mi piace lo faccio vedere a mia figlia e se decoration bones “tremendo” allora vuol apocalyptic che fa per questo negozio», racconta sorridendo Bonino, che è una fucina di aneddoti: «In negozio c’era un collega che non tiene pezzi che costano meno di 600 euro, a un certo punto sono entrati sei cinesi e hanno speso un sacco di soldi comprando tutte cose da uno o due euro. Il collega così si è messo a distant pacchetti coi fogli di giornale, l’ho fatto lavorare. Sono passati diversi anni matriarch se lo ricorda ancora adesso».

Leggi Anche

Novità abbigliamento e tagli capelli 2017: tendenze del nuovo anno …

Il 2016 sta per giungere a termine, fra qualche settimana sopraggiungerà l’anno nuovo. A quanto …