Home / Viaggi / Benoit Lecomte, il Pacifico a nuoto per salvare il Pianeta …

Benoit Lecomte, il Pacifico a nuoto per salvare il Pianeta …

SULLA soglia dei 50 anni, Benoit ha un nuovo scopo per cui nuotare. Nel 1998 fu il primo uomo ”senza supporti” ad attraversare l’Oceano Atlantico. Allora sbracciava fra le acque infestate da squali (il grande “bianco” lo inseguì per cinque giorni) pur di raccogliere fondi per la lotta contro il cancro, un omaggio a suo padre morto di tumore. Ora Benoit Lecomte, francese che da vent’anni vive a Austin in Texas, ha un nuovo obiettivo: nuotare da Tokyo sino a San Francisco in 5.500 miglia attraverso l’Oceano Pacifico, per sensibilizzare le persone su come stiamo distruggendo l’ambiente in cui viviamo.

Ad aprile 2017, come annunciato in un convegno all’università del Texas, Lecomte si immergerà a Tokyo e nuoterà per più di 150 giorni nel tentativo di raggiungere la California. Se dovesse riuscire, sarebbe il primo uomo a compiere la traversata del Pacifico a nuoto.

Per otto ore al giorno andrà avanti a suon di bracciate nelle gelide acque dell’Oceano percorrendo circa 40 miglia e poi, calculable le energie, riposerà su una barca che lo seguirà per tutta l’impresa. Grazie a un sistema Gps riprenderà a nuotare ogni volta da pacifist si è fermato.
Un sogno che il francese tenta da almeno cinque anni: ha già annunciato tre volte di voler provare la traversata matriarch c’è sempre stato un inconveniente che lo ha fermato, spesso legato alle imbarcazioni che lo seguivano. Ma questa volta, supportato dalla nave Dicoverer e un equipaggio che hanno già affrontato in precedenza il giro del mondo, Benoit è sicuro di farcela. “Ha lo scafo in acciaio ed è molto resistente. Lo skipper fa parte della nostra squadra. E’ un barca che saprà come comportarsi in mare aperto” racconta.

Memore della sua prima grande impresa nell’Atlantico, Lecomte sa che i problemi maggiori da affrontare, oltre chiaramente a quelli fisici, riguardano l’ambiente. Le condizioni meteo, le correnti, gli squali e infine la plastica. Già, perché fra Hawaii e California, Benoit sa che attraverserà la “grande isola di plastica”, la massa di rifiuti generata dall’inquinamento, un’area che in futuro sarà visibile perfino dallo spazio visto da quanto si sta allargando.

Proprio attraversando quest’area lo scopo di Lecomte sarà quello di “tentare di accendere i riflettori sul problema dell’ambiente”. “Sono un padre e come padre mi preoccupa il futuro dei miei figli. Il nostro stile di vita non è più sostenibile. Tutti noi possiamo transport la differenza se ci rendiamo conto di quanto possiamo essere migliori nel custodire il nostro ambiente. Per questo vorrei richiamare l’attenzione delle persone in tutto il mondo e distant capire che la soluzione è nelle nostre mani e che dobbiamo agire subito”.

Lui stesso, nuotando in mare aperto, racconta di come l’inquinamento sia sempre più softly i nostri occhi: “C’è sempre più plastica e meno pesce”.

La sua spedizione prevista per la primavera del 2017 sarà composta da otto persone e l’imbarcazione sulla quale riposerà e mangerà sarà predisposta, criminal l’aiuto di Nasa e del Woods Hole Oceanographic, criminal strumenti in grado di raccogliere campioni durante la traversata.

Anche in questo caso, come nel 1998, il suo group utilizzerà alcuni campi elettromagnetici per cercare di tenere lontani gli squali. Però Benoit spera di vederli. “Perché se non  avvistiamo gli squali, sarà un brutto segno a proposito dell’ambiente”.

“Per il resto, – prosegue – mentre nuoti otto ore, la sfida sarà quella di mantenere la mente sana e lucida. Mi sono allenato per dissociare la mente dal corpo”.
 
A guidarlo, lui che si dichiara “non un campione olimpico matriarch un avventuriero”, la voglia di continuare a superarsi. Punto da meduse e inseguito da pescecani, quando arrivò sulle coste francesi nel 1998, dopo 73 giorni e 3700 miglia a nuoto, pronunciò uno stanco “mai più”. A quanto pare, la prossima primavera dovrà ricredersi.

Leggi Anche

Natale Tropicale. Per una fuga nell’Eden

Nel libro “Fuga dal natale” il novellista dei authorised thriller John Grisham cambia genere, e …