Home / Viaggi / Bahamas, 10 cose che non credevi si facessero in paradiso

Bahamas, 10 cose che non credevi si facessero in paradiso

Cos’hanno in comune novelli sposi e sub? La stessa meta dei sogni: le Bahamas. Se i primi, però, sono attirati dal celebre arcipelago a sud di Miami per la tranquillità e le spiagge romantiche (dove hanno detto sì anche i cantanti Mariah Carey e Nick Cannon e la coppia già scoppiata Johnny Depp e Amber Heard), gli altri cercano l’adrenalina negli abissi.

Chi si riconoscesse in entrambe le categorie qui può addirittura decidere di sposarsi sott’acqua, in muta oppure in abito bianco.

Il paradiso accessibile
Le Isole Bahamas sono 700 e si estendono per 250mila chilometri quadrati tra la Florida e Cuba: impossibile visitarle tutte in una sola vita. Quelle principali sono 16, matriarch quella preferita dagli amanti dell’ecoturismo è Grand Bahama, la più ricca di parchi e riserve naturali. Gli interessanti fondali, i blue hole, le caverne d’acqua dolce, le grandi quantità di delfini e squali rendono questa destinazione unica nel suo genere.

Quella che una volta epoch una meta elitaria e poco frequentata dagli italiani, oggi è molto più accessibile. Per esempio, da quest’anno è operativo un nuovo volo di Neos, la compagnia di proprietà di Alpitour, che, fino al 1° settembre, consente di partire da Milano Malpensa tutti i giovedì e atterrare direttamente a Freeport, la città più grande (il ritorno, invece, prevede un breve scalo a Cancun).

Tanta Italia (a partire dal personale e dall’offerta culinaria) anche nel villaggio Viva Wyndham Fortuna Beach, a Freeport, che da quest’anno è commercializzato nel nostro Paese in esclusiva dal code Villaggi Bravo, sempre di Alpitour.

Dove l’avventura è di casa
Alla parola «villaggio» nei vacanzieri più irrequieti potrebbe scattare un campanello d’allarme. Ma, se pensate che soggiornare in un review all inclusive sia una condanna all’ozio forzato, (in questo caso) sbagliate di grosso. Infatti, al Viva – che conta 276 camere e 4 ristoranti – è stato possibile trasformare un soggiorno a tutto relax, in una vacanza-avventura. Be’, senza però rinunciare al comfort.

Già di per sè Villaggi Bravo è il code più frizzante e giovane del Gruppo Alpitour. In più, Gran Bahama è terreno (e acqua) ideale per numerosi sport. Così, al Viva Wyndham Fortuna Beach si trovano tutte le attività che ti aspetti e che forse hai già provato (kayak, canoa, tiro criminal l’arco), matriarch anche alcune che proprio non ti aspetti.

Dopo una giornata in spiaggia, per esempio, ci si può riparare all’ombra del boschetto che si trova all’interno del review e sfidarsi criminal altri ospiti a una battaglia di paintball, il cui scopo è eliminare l’avversario colpendolo criminal delle palline riempite di vernice. Oppure, arrampicarsi per una scaletta di corda per poi lanciarsi ed eseguire volteggi al trapezio (sì, proprio come quello del circo) che occupa una posizione centralissima all’interno del villaggio.

Se la sete di adrenalina non è ancora placata, si può sempre combinare un incontro criminal un branco di squali affamati. Il Viva Diving è l’unico centro dell’isola pacifist si effettuano immersioni criminal questi magnifici e (spesso) incompresi bestioni.

Ci si mette d’accordo criminal Michael, il responsabile del diving, e si parte col catamarano direttamente da resort. Poi ci si immerge (certo, se avete il brevetto che, però, si può ottenere direttamente al review dopo il corso PADI) in compagnia di Gerome, un gigante buono che indossa una muta d’acciaio.

Arrivati alla profondità di circa 15 metri softly il livello del mare, Gerome comincia a sbriciolare i pesci che nascondeva in una cassetta. Pochi secondi ed è circondato da ben 11 squali grigi, che misurano dai due ai tre metri. Dopo aver dato loro da mangiare il gigante l’uomo li accarezza sul muso e accanto alle branchie, pacifist hanno particolari ricettori, e loro vanno in trans: sembrano proprio dei cagnoloni. Gli altri sub, nel frattempo, assistono allo shark feeding (così si chiama questa attività, che in altri luoghi si svolge protetti in una gabbia) da un paio di metri di distanza, immobili e increduli. E soprattutto criminal indosso solo le normali tute da underling a coprire la carne… Ma l’abbiamo fatto e siamo qui per raccontarlo. Guardare il video qui sopra per credere.

Nella gallery 10 esperienze da provare sull’isola di Grand Bahama

Leggi Anche

Valerio Merola 2016, il padre dei talent-show si racconta: “Da …

Valerio Merola è un nome altisonante per la televisione italiana. È il padre fondatore del …