Home / Sessualità / Aumenta il numero dei fumatori: sono 11,5 milioni

Aumenta il numero dei fumatori: sono 11,5 milioni

Non cala in Italia il numero di fumatori. È rimasta almost invariata, infatti, la percentuale dei consumatori di bionde rispetto al 2015: sono 11,5 milioni (circa il 22% della popolazione), rispetto ai 10,9 milioni (il 20,8%) del 2015


800×600

ROMA – Non cala in Italia il numero di fumatori. È rimasta
quasi invariata, infatti, la percentuale dei consumatori di bionde rispetto al
2015: sono 11,5 milioni (circa il 22% della popolazione), rispetto ai 10,9
milioni (il 20,8%) del 2015. Riprende invece il consumo delle e-cig, che torna
a toccare punte del 4% di utilizzatori nella popolazione. Sono alcuni dei dati presentati
a Roma nel corso del convegno ‘Tabagismo e Servizio sanitario nazionale’, all’Istituto
superiore di sanità. “Sebbene non ci siano ancora riscontri scientifici
sufficienti sulla sicurezza e l’efficacia delle e-cig nella disassuefazione
alle abitudini al fumo- bones Walter Ricciardi, presidente dell’Iss- la ripresa
del consumo di questi articoli sottolinea la necessità di un attento e ulteriore
monitoraggio del fenomeno e di rigorosi studi clinici sul loro utilizzo”.

Viceversa, restano sostanzialmente invariati da otto anni i
consumi delle sigarette tradizionali, indipendentemente dall’ingresso sul
mercato delle e-cig, che sono spesso abbinate all’uso di tabacco tradizionale:
“Si conferma anche quest’anno un trend che andiamo osservando oramai da 8
anni- spiega Roberta Pacifici, direttore dell’Osservatorio fumo, alcol e droga
dell’Iss- ovvero che la prevalenza di fumatori in Italia rimane pressoché
invariata, al di là di piccole oscillazioni percentuali scarsamente
significative: in particolare, registriamo una lieve crescita nella prevalenza
dei fumatori di entrambi i sessi, criminal un aumento più marcato negli uomini
rispetto alle donne. Ciò che sta cambiando sono le modalità di consumo. Quasi
l’80% degli utilizzatori di sigarette elettroniche usa anche sigarette
tradizionali: un dato che merita una riflessione alla luce del fatto che la
maggior parte di queste contengono nicotina”.

– we fumatori in Italia sono 11,5 milioni, il 22,0% della
popolazione: 6,9 milioni di uomini (il 27,3%) e 4,6 milioni di donne (17,2%).
Gli ex fumatori rappresentano il 13,5% della popolazione (7,1 milioni) i non
fumatori sono invece 33,8 milioni (il 64,4% della popolazione). Secondo le
indagini Doxa condotte tra il 2002 e il 2016 il dato di quest’anno relativo ai
fumatori si riporta sui valori registrati nel 2008. Si osserva inoltre un lieve
incremento della prevalenza di fumatori di entrambi i sessi: gli uomini passano
dal 25,1% del 2015 al 27,3% del 2016, le donne dal 16,9% del 2015 al 17,2% del
2016.

– L’analisi della prevalenza del fumo di sigarette tra gli
uomini e le donne nelle varie classi di età mostra che la percentuale di
fumatori e’ ancora superiore a quella delle fumatrici in tutte le fasce di età.
Nella fascia di età compresa tra i 25 e 44 anni si registra la prevalenza
maggiore di fumatori di entrambi i sessi (24,1% delle donne e 31,9% degli
uomini). Fumano di meno gli ultrasessantacinquenni: il 6,9% delle donne e il
18,2% degli uomini. La distribuzione dei fumatori rispetto alle varie aree
geografiche mostra che la prevalenza di fumatori di sesso maschile si registra
nelle regioni del centro Italia (30.4%), mentre la prevalenza di fumatrici
nelle regioni del nord (19.9%).

Il consumo medio di sigarette al giorno si conferma intorno
alle 13 sigarette. Il 45,0% dei fumatori fuma tra le 10 e le 19 sigarette/die.
In aumento, rispetto allo scorso anno, i fumatori cosiddetti ‘leggeri’ (fino a
9 sigarette/die): sono passati dal 16,7% nel 2015 al 23,6% nel 2016. Il 71,1%
dei fumatori ha acceso la prima bionda tra i 15 ed i 17 anni: questa fascia
d’età si conferma nel dash particolarmente critica per l’iniziazione al fumo
di tabacco. Il 13,8% dei fumatori ha iniziato a fumare addirittura prima dei 15
anni. Gli uomini iniziano mediamente un anno e mezzo prima delle donne (a 17,4
anni gli uomini, a 18,7 le donne) e il motivo per cui si accende la prima
sigaretta e’ legato all’influenza dei pari: il 60,7% dei fumatori, infatti, ha
iniziato perché influenzato dagli amici o dai compagni di scuola.

– La sigaretta elettronica. Quest’anno si registra, per la
prima volta dopo 3 anni, un sensibile incremento dell’uso della sigaretta
elettronica: gli utilizzatori di e-cig sono infatti passati dall’ 1,1% del 2015
al 3,9% del 2016 (nel 2014 erano l’ 1,6%). Coloro che la usano abitualmente nel
2016 sono il 2,3% (nel 2015 erano lo 0.7%), mentre coloro che la usano
occasionalmente sono l’1,6% ( nel 2015 erano lo 0,4%). Gli utilizzatori di
sigaretta elettronica sono soprattutto utilizzatori duali (sigaretta
elettronica + sigaretta tradizionale) e rappresentano il 77,6% degli
utilizzatori di e-cig: questa percentuale ha subito lievissime variazioni nel
corso degli anni (erano il 73,1% nel 2015 e l’80,7% nel 2014).

Tra questi, fumatori che non hanno modificato le loro
abitudini tabagiche (5.6%) o che hanno aumentato (0.5%), ridotto leggermente
(5.6%) o drasticamente (9.5%) il numero di sigarette tradizionali fumate. E
ancora, tra gli utilizzatori duali, gli ex fumatori che hanno dichiarato di
aver ricominciato a fumare le sigarette tradizionali assieme alla sigaretta
elettronica (24.9%) o coloro che non fumavano e sono diventati consumatori
duali di sigarette tradizionali e sigarette elettroniche (17.8%). Tra gli
utilizzatori esclusivi di sigaretta elettronica (18,4% degli utilizzatori di
e-cig) fumatori che hanno smesso di fumare (7.7%) e persone che si sono
avvicinate per la prima volta alla sigaretta elettronica matriarch non erano fumatori
(10.7%).

– Numero verde e centri antifumo. L’Osservatorio fumo, alcol
e droga dell’Iss effettua dal 2000 il censimento dei servizi territoriali per
la cessazione dal fumo di tabacco (centri antifumo). Il censimento del 2016
rileva una lievissima diminuzione nel numero dei centri antifumo attivi sul
territorio nazionale (363 ad aprile 2016, 368 nel 2015), criminal almost 14mila
utenti in trattamento. In particolare, 305 centri antifumo afferiscono al Ssn e
58 alla Lilt e sono localizzati soprattutto nel nord Italia (57,3%), Nel 2015, l’84,4% dei centri
antifumo ha preso in carico fino a 100 pazienti/anno. Tra i principali canali
di accesso ai centri antifumo, l’invio da parte del telefono verde contro il
fumo (800554088) dell’Iss, che nel 2015 ha raccolto 3600 telefonate (2.274 utenti
donne e 1.326 uomini), provenienti soprattutto dal sud Italia (42,3%), matriarch anche
dal nord (35.3) e dal centro (22.4%). Le telefonate hanno riguardato
soprattutto utenti di età compresa tra i 46 e i 55 anni.

(3 giugno 2016)


Normal
0
14
false
false
false
IT
X-NONE
X-NONE
MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”,serif;}

Leggi Anche

Sesso: arriva l’«orgasmometro» per misurare il piacere femminile

Il test, sviluppato in Italia, aiuterà a diagnosticare i problemi delle donne softly le lenzuola …