Home / Sessualità / Atti sessuali con fanciulli, condannato maestro di musica

Atti sessuali con fanciulli, condannato maestro di musica

«Non pensavo di fare un disastro del genere. Ho perso il controllo, mi spiace per quello che ho fatto. Mi sento molto a disagio verso i bambini coinvolti».  È amareggiato il maestro di musica, ultracinquantenne, condannato oggi a 12 mesi di carcere sospesi con la condizionale per reati di natura sessuale. Atti sessuali con fanciulli, commessi da nei confronti di una sua allieva, in cui presenza si era ‘toccato’ facendole pure vedere un film porno, e pornografia, vale a dire per aver ‘consumato’ sul proprio computer filmati con atti su animali e minorenni. Una abitudine alla pornografia, così ha raccontato, cominciata in seguito a un problema di salute, con intervento chirurgico e sopravvenuta impotenza. A completare l’atto d’accusa pure il possesso di un grammo di cocaina e di alcuni proiettili che avrebbe dovuto restituire, probabilmente una dimenticanza

La condanna sarebbe potuta essere più pesante se la Corte  delle Assise correzionali (giudice Amos Pagnamenta) avesse ritenuto penalmente rilevanti gli episodi accaduti sempre nella scuola di musica, e che hanno visto coinvolti altri sei bambini. A salvarlo la distinzione fra pornografia ed erotismo: le immagini di donne nude, mostrate ai bimbi, non costituiscono reato, anche se, ha annotato il giudice, «sono comportamenti certamente censurabili». A carico del musicista anche l’obbligo di sottoporsi a terapia (che aveva già iniziato spontaneamente) e il divieto per 10 anni di svolgere attività professionali o meno in presenza di minorenni. Dovrà inoltre versare circa 4mila franchi, fra spese legali e torto morale, all’unica vittima riconosciuta tale. L’accusa, sostenuta dalla procuratrice Pamela Pedretti, aveva chiesto 17 mesi ma alcuni capi d’imputazione sono caduti, come invocato dall’avvocato difensore Sara Schlegel.

Leggi Anche

Scoperto super batterio trasmesso per via sessuale, preservativo …

In base a una ricerca della British Association for Sexual Health and HIV (BASHH), il 70% degli …