Home / Viaggi / Assicurazione sanitaria viaggio: in quali Paesi è obbligatoria? – Webitmag

Assicurazione sanitaria viaggio: in quali Paesi è obbligatoria? – Webitmag

Se viaggi molto, specialmente all’estero, lo sai: se scegli l’assicurazione sanitaria viaggio potrai affrontare la tua vacanza con molta più tranquillità e sicurezza. La questione dell’assicurazione sanitaria viaggio è complessa e tendenzialmente poco chiara, anche a causa di una certa confusione sull’argomento. Online esistono decine di siti che parlano dell’argomento, ma le informazioni riportate sono spesso discordanti tra loro; una bella scocciatura, tanto più se pensiamo che si tratta di una questione piuttosto importante. Per prima cosa è bene chiarire un punto: in molti Paesi al mondo l’assicurazione sanitaria viaggio non è obbligatoria, ma caldamente consigliata visti gli alti costi delle cure e i possibili rischi per la salute. Sono tre, invece, i Paesi in cui questo tipo di assicurazione risulta obbligatoria perché ai viaggiatori sia concesso il visto e/o l’ingresso sul territorio: parliamo di Russia, Cuba e Thailandia.

Per quanto riguarda la Russia, bisogna innanzitutto sottolineare che le strutture sanitarie e ospedaliere sono di livello inferiore rispetto al modello occidentale per attrezzature e medicinali, il che può rappresentare sicuramente un problema. Tra le malattie presenti nella Federazione Russa, si registrano epidemie influenzali, tra le quali anche episodi di “influenza suina”. Naturalmente, la situazione è mantenuta sotto controllo dalle autorità, ma la raccomandazione è sempre quella di evitare i luoghi molto affollati e chiusi, oltre che di tenere a mente le principali norme igieniche per evitare il contagio. Non esiste un elenco di vaccinazioni considerate obbligatorie per accedere sul territorio, mentre è importante accertarsi che l’assicurazione sanitaria obbligatoria copra anche le spese necessarie per un eventuale rimpatrio o il trasferimento in un altro Paese.

A Cuba, invece, l’assistenza medica non è considerata in linea con i parametri europei al di fuori degli ospedali per stranieri disseminati sul territorio. Qui le spese mediche e ospedaliere sono molto elevate e devono essere pagate in valuta in Ambasciata, senza che quest’ultima le possa anticipare in alcun modo. È importante sottolineare che l’assicurazione sanitaria obbligatoria deve essere emessa da entità assicuratrici riconosciute a Cuba e può essere acquistata anche in frontiera. Anche qui, non esiste un elenco di vaccinazioni obbligatorie, mentre tra le patologie diffuse nel Paese spicca la congiuntivite emorragica – malattia virale altamente infettiva – ma sono frequenti anche casi di virus gastrointestinali, curabili con i farmaci ma i cui sintomi si possono confondere con quelli del colera. È evidente, quindi, l’assoluta necessità di sottoporsi a un controllo medico in caso di dubbio.

Per quanto riguarda la Thailandia, lo standard delle strutture sanitarie pubbliche è buono, mentre quello delle strutture private è considerato ottimo. Qui risultano molto diffuse malattie tropicali come la malaria e la lebbra, così come patologie trasmesse dalle punture di insetti. Per prevenire il contagio, tra le altre cose, si consiglia di indossare abiti chiari con maniche lunghe e pantaloni lunghi, evitare l’uso di profumi che possano attirare le zanzare e fare uso di repellenti per insetti. Risulta importante anche non consumare cibi o bevande di dubbia provenienza, bere solo acqua in bottiglia e senza ghiaccio (a meno che l’esercizio pubblico non sia in grado di garantirne la provenienza e la sicurezza per il consumo) e di dissetarsi con frequenza, per evitare la disidratazione dovuta alle alte temperature. Bisogna inoltre tenere presente che in Thailandia è obbligatoria la vaccinazione per tutti i viaggiatori al di sopra dell’anno d’età che provengano da zone in cui è a rischio trasmissione la febbre gialla.

Al di là di questi tre Paesi, esistono comunque aree geografiche per le quali l’assicurazione sanitaria viaggio non è obbligatoria, ma vivamente consigliata per molteplici motivi: tra questi spiccano sicuramente l’Africa sub-sahariana, gli Stati Uniti, l’India e gli Emirati Arabi. Rimane in ogni caso buona norma stipulare una polizza se si prevede di viaggiare al di fuori dei confini europei, soprattutto per lunghi periodi.

Leggi Anche

Dove andrà in viaggio di nozze la principessa Eugenia? Ecco le …

17 ottobre 2018 – Dopo aver visto il principe Harry e Meghan Markle, si pensava …