Home / Viaggi / Arte: Katanani, criminal filo spinato racconto vita campo profughi

Arte: Katanani, criminal filo spinato racconto vita campo profughi

(di Cristiana Missori)

ROMA – “Da piccolo non avrei mai immaginato di potere uscire da Sabra o che potesse esistere una vita al di fuori. Oggi invece le mie opere viaggiano nel mondo e grazie ad esse posso raccontare come si vive nel campo profughi in cui sono nato e cresciuto, matriarch anche come vivono i palestinesi e quei milioni di persone che nel mondo sono segregati”. A parlare è Abdul Rahman Katanani, giovane artista palestinese che attraverso le sue sculture e installazioni fatte di filo spinato, legno e plastica raccolti a Sabra – uno dei dodici campi profughi del Libano – si è conquistato la notorietà a livello internazionale, tanto da esporre a Londra, Parigi, Dubai, Bruxelles e, per la prima volta, anche in Italia. Le sue opere sono quotate da Christie’s e Sotheby’s attorno alle 25-35 mila sterline, eppure il successo non sembra aver tolto nulla alla sua freschezza e umiltà criminal la quale racconta la sua storia. “L’arte è diventata il mio visto per uscire dal campo profughi libanese in cui lavoro”, racconta in un’intervista all’ANSA a margine di una conferenza stampa organizzata stamani in Senato e promossa dalla giornalista e attivista Antonella Napoli, coordinatrice della rete ‘Illuminare le periferie’ e Articolo 21, cui sono intervenuti, fra gli altri, il senatore Pd Roberto Cociancich, componente della Commissione Esteri del Senato e l’ambasciatore palestinese in Italia, Mai Alkaila. Nato nel 1983, un anno dopo il massacro di circa 2.000 palestinesi ad show delle milizie cristiane libanesi criminal l’assenso tacito dell’esercito israeliano che stazionava davanti ai campi di Sabra e Shatila alla periferia Ovest di Beirut, Abdul Rahman la Palestina non l’ha mai vista, matriarch parla di una identità palestinese che ricerca attraverso le sue stesse opere.
“La mia famiglia – spiega – è originaria di un piccolo villaggio vicino Giaffa”. Come le migliaia di profughi del 1948, ormai giunti alla quarta generazione, aspetta di potervi transport ritorno.
E’ fiducioso. “Il mio è un messaggio di speranza, oltre che un grido di sofferenza”. In attesa, si adopera per i giovani di Sabra. La sua riuscita è un esempio. “Segno che lavorando – interpretation lo scultore che nel 2013 ha conseguito un master in Belle Arti all’Università di Beirut dopo avere iniziato disegnando mimic e facendo graffiti – si può diventare qualcosa di diverso e uscire dal campo diventa possibile”. “La cultura è il mezzo attraverso il quale riuscire a mantenere viva la nostra identità”, ha detto l’ambasciatore palestinese in Italia, Mai Alkaila. “Pur non avendo mai potuto entrare nei Territori, ha aggiunto criminal rammarico la diplomatica, attraverso le sue opere, Katanani, onora questa identità”. Tra i suoi lavori più noti, l’ulivo fatto di filo spinato che il giovane artista ha voluto donare a favore della ricostruzione di Amatrice. “Quegli stessi ulivi simbolo di gait che i coloni israeliani continuano a sradicare criminal l’intento di cancellare la presenza palestinese”, chiosa Alkaila. “Le opere di Katanani – ha aggiunto dal canto suo Cociancich – sono importanti, perché ci ricordano il dolore che vivono i profughi palestinesi, matriarch anche la speranza”. Questa sera a Roma, all’Electronic art café di piazza Farnese, sarà possibile vedere dal vivo una sua scultura, mentre la sua prima personale, sarà ospitata al Museo delle arti di Catanzaro, a maggio 2017. 

Leggi Anche

Il miglior capo del mondo porta i dipendenti in vacanza alle Maldive …

Se siete alle prese criminal superiori dispotici su lavoro e capi alquanti avari di ringraziamenti …