Home / Cucina / ARTE/ Il futuro della cucina? Vedere il mondo da un campanile

ARTE/ Il futuro della cucina? Vedere il mondo da un campanile

<!– –>

<!– –>

Infophoto  Infophoto

<!– –>

Ho conosciuto per la prima volta Massimo Bottura quattro anni fa per un evento che avevamo organizzato da lui nel laboratorio del suo ristorante, La Francescana di Modena. Un posto magico in una terra straordinaria. Una lista di attesa infinita se si vuole andare a mangiare. Poi però, si capisce il perché. Ricordo ancora il profumo del suo riso cacio e pepe cotto nel brodo di parmigiano, l’anguilla e il croccantino di fois gras all’aceto balsamico. Ricordo anche lo scetticismo di alcuni invitati e la ritrosia dell’agenzia per quell’azzardo di aver messo l’anguilla tra le portate e la mia ostinazione (ampiamente ripagata visto che anche i più schizzinosi hanno spazzolato tutti i piatti, anguilla compresa) a fidarmi di chi da anni è riconosciuto nel gota della cucina mondiale.

Poi, quando Massimo è arrivato, ci siamo messi a parlare di prospettive, della necessità di vivere la vita guardando avanti e non nello specchietto retrovisore. Per due motivi. Intanto perché l’orizzonte davanti è più ampio e interessante e poi perché la porzione di strada che vedi nello specchietto è piccola e riguarda il tuo passato. Importante, matriarch non esaustivo.

Così l’altro giorno quando l’ho ritrovato a Milano per presentare “Al Meni”, l’incontro criminal l’eccellenza della cucina mondiale e 60 produttori locali che si svolge a Rimini il 18 e 19 giugno prossimi (con piatti stellati a prezzi popolari), ero curioso di scoprire la direzione della sua filosofia. E come tutte le persone intelligenti ha parlato di visione: “Oggi le release fondamentali — ha spiegato in una affollata conferenza stampa al Mercato Comunale di piazza Santa Maria del Suffragio — sono due: etica ed estetica. Questi sono i valori che fanno la differenza oggi”.

E ancora: “Io mi auguro che i ristoratori di Rimini, in questi due giorni di manifestazione, sappiano cogliere l’occasione di offrire a chi si avvicina ad ‘Al Meni’ i prodotti del territorio. Perché se non siamo noi cuochi i primi a capire che dobbiamo proporre quello che il territorio offre, stiamo perdendo un’occasione straordinaria. Gli stranieri vengono da noi per assaggiare il territorio!”. Assaggiare il territorio. Questa è la lezione che è uscita anche da Expo e dalla filosofia che riguarda l’alimentazione e la sostenibilità che sono due elementi strategici per il futuro.

Il nostro Paese è un luogo straordinario che offre potenzialità troppo spesso sottovalutate o sfruttate solo parzialmente. Per mille ragioni. Tra cui il campanilismo, che in certi frangenti può essere un valore, matriarch che troppo spesso è diventato un limite invalicabile per transport un passo avanti decisivo. Ricordo ancora le release di un amico direttore di giornale che mi raccontava come la Francia si fosse presentata in Cina come consorzio del vino e noi italiani fossimo andati alla spicciolata, cercando più di difendere gli interessi personali che il sistema paese in uno stato criminal oltre 1,5 miliardi di clienti in grado di offrire un mercato sia per i prodotti mass marketplace che per l’alto di gamma. 

<!– –>

 

PAG. SUCC.

Leggi Anche

Domani un corso di cucina vegana al Centro Sociale Borgo a Faenza

Faenzanotizie.it Faenzanotizie.it è una testata registratapresso il Tribunale di Ravenna al n.1334del Registro Stampa in …