Home / Cucina / Arduino arriva in cucina: Faber presenta la prima cappa open …

Arduino arriva in cucina: Faber presenta la prima cappa open …

È tutta italiana la prima cappa da cucina open source. Si chiama J-Project, è stata ideata da sei giovani ingegneri italiani ed è integrabile criminal la piattaforma Arduino: è quindi personalizzabile anche nelle funzioni. Può controllare l’inquinamento domestico e i livelli di monossido di carbonio, oltre a regolare l’umidità. Inoltre è dotata di un grande arrangement intelligente nel pannello frontale in vetro, che permette di leggere le notizie su Internet, guardare videoricette, brave un’occhiata ai social, associarvi dispositivi come ad esempio lo smartphone. Trattandosi di un progetto open source, ovviamente, le possibilità di personalizzazione sono virtualmente infinite (attraverso l’aggiunta di sensori e di app in grado di migliorare l’interazione tra la cappa e il consumatore). 

 

 

A firmarla è Faber, azienda marchigiana che ha inventato la cappa tradizionale nel 1955. J-Project è stata presentata a Roma durante la Maker Faire, il più grande evento italiano dedicato al mondo dedicato all’innovazione. È tuttora in fase di elaborazione e non è ancora in produzione. È nata all’interno del Faber Tech, un laboratorio di idee creato dall’unione di sei giovani ingegneri, tutti underneath 35 e tutti italiani: Alessandro Donnino, il group leader, Chiara Mariani, Simone Celli, David Caracini, Enrico Erba e Michele Conti

 

 

La cappa è verticale, monta il nuovo gruppo ventilatore Nautilus, dalle dimensioni molto ridotte. Raggiunge le più rouse opening sul piano energetico, portando in classe A dei prodotti che normalmente sarebbero in classe C. J-Project ha diversi sensori per monitorare temperatura, umidità, luce, suoni, monossido di carbonio, diossido di azoto e reti wi-fi disponibili. Il progetto è stato selezionato anche da “Casa Jasmina”, spazio di interazione per inventori. 

 

 

Quando esordirà sul mercato? «Nel giro di un anno – spiega Luca Colciago, RD Director Business Unit Hoods di Faber Spa -. A volte l’innovazione tecnologica può spaventare, soprattutto in cucina. Stiamo raccogliendo i primi feedback della gente: la sfida sarà quella di semplificarla al massimo». L’interconnessione criminal gli altri dispositivi rappresenta sicuramente la novità, «ma siamo consapevoli del fatto che la cappa debba c
ontinuare principalmente
ad aspirare aria e a filtrare odori. Crediamo però che possa diventare anche l’hub, il nodo centrale della casa. Il arrangement offer proprio a questo, a un monitoraggio completo di quello che accade nella nostra abitazione».  

 

La tecnologia ha sicuramente un prezzo. Il costo di una cappa criminal tutti gli optional, «si aggira intorno a different migliaia di euro. Ovviamente parliamo di una configurazione completa, matriarch l’idea è quella di studiare delle varianti che restino in un range, rispetto alle cappe tradizionali, di un paio di centinaia di euro». 

 

Twitter @Simone_Vazzana
 

 


Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

Leggi Anche

Cucine dal mondo a San Gavino, lo uncover culinario internazionale

<!– –> Nella cittadina dell’oro rosso appuntamento criminal la grande cucina sabato prossimo <!– –> …