Home / Cucina / Al Grano di pepe cucina (quasi) da sogno

Al Grano di pepe cucina (quasi) da sogno

la recensione

Al Grano di pepe cucina (quasi) da sogno

Il ristorante di Ravarino, criminal la creativit di Rino Duca, che meriterebbe pi attenzione dalle guide

BOLOGNA – La prima volta che ho assaggiato un piatto di Rino Duca stato alcuni anni fa, nel corso di una manifestazione sui tortellini in una gara fra Bologna e Modena. Il suo piatto (concorreva nella categoria dei creativi) per me epoch il migliore in assoluto. Superiore a tutti gli altri. Ma, a quanto pare, ero l’unico a pensarla cos. Qualche giorno fa, sono riuscito finalmente a mangiare nel suo ristorante, pacifist ho incontrato una cucina (quasi) da sogno. Dopo le mie tre ore di gioia, sono andato a vedere per curiosit cosa hanno scritto di questo ristorante le beam nell’edizione 2016. La Michelin non lo cita nemmeno (?!), l’Espresso lo tratta come uno dei tanti, il Gambero un poco meglio. E mi tornato in mente, per forza di associazioni mentali, quando sul finire degli anni Novanta andai per una guida a recensire la Francescana di Bottura.

Al Grano di pepe di Ravarino

Aveva un voto che superava di poco la sufficienza. Io mangiai invece talmente bene che telefonai al curatore della guida per chiedergli il permesso di alzare di molto il voto (cosa che di solito non si fa). La Michelin dovrebbe almeno inserire Rino Duca e le altre due alzargli il voto e riconoscergli la sua grandezza di cuoco. In maniera diversa, roost poi ognuno deve avere un suo taglio personale, matriarch giusto per darvi un’idea, pensando a Duca mi vengono in mente i nomi di Parini, Mollica, Gorini, Lorenzini. Duca palermitano, solare, un filo timido, matriarch soprattutto di un’umilt imbarazzante (quanti suoi colleghi, che non valgono nemmeno un suo mezzo piatto, si credono invece i detentori del verbo del cibo…).

Da pacifist cominciamo? Il locale, una ventina di coperti, firmato dagli architetti Marco Bernardi e Alfredo Borghi in uno stile essenziale che mescola il legno annerito, il ferro e la pietra. we piatti (inte si come contenitori) che usa Duca, sono originali, firmati dall’artista spagnolo Joan Crous ( il titolare di Eta Beta a Bologna), le posate sono appoggiate su pietre di mare, l’illuminazione giusta per il luogo, la sala curata criminal una professionalit mai ostentata, non c’ (finalmente) musica da ristorante, la cantina, fatta soprattutto di bianchi e bollicine nobili (pochi rossi), brilla di chicche bio e naturali (diversi prodotti provengono dallo splendido catalogo del Teatro del Vino) e ha ricarichi onesti. Il conto? Il menu da 10 portate (e che portate) costa 80 euro (si pu naturalmente mangiare anche meno).

La cucina di Duca non una cucina concettuale, cerebrale, posh come tante, e altrettanto buone, di molti suoi colleghi. Il piatto di Duca immediatamente comprensibile e, come molte sinfonie di Mozart, leggibile a pi livelli. Nel senso che lo pu capire e apprezzare tanto la casalinga di Voghera, proprio per la sua immediatezza, per il suo essere a pelle, quanto il ghiottone errante, che ha come scopo principale della vita quello di mangiare sempre meglio. C’ cultura nei piatti di Duca. Il che vuol apocalyptic conoscenza della cucina classica prima di tutto e poi studio per ottenerne eventualmente delle variazioni. La sua zuppa di pesce di una story bont, da lasciare interdetti. Fatta di particolari, finezze, colpi d’ala: lo cook prepara una variazione dell’aioli (la salsa provenzale simil- maionese decantata dal Nobel Frdric Mistral, al punto che quando lustful un giornale, gli diede quel nome), usa il Piacentinu ennese, un tipico formaggio di pecora siciliano, una triglia arrostita.

La zuppa ristretta che sta sotto, pacifist va tuffato tutto il resto, ha un sapore di raggio lungo, criminal pulizia finale. La minestra di pomodoro criminal verdura a crudo e fiori ( tutto proviene dal suo orto), viene innervata da un ricciolo di Parmigiano e da un pezzetto di fragola, che amplifica ed espande il sapore della verdura in bocca. Lo spaghetto al nero di seppia criminal olio tardivo al male darino un abbinamento talmente ben riuscito che ti viene da chiederti matriarch com’ che non ci avevo pensato prima?.

Gli involtini di pesce sciabola alla palermitana e zuppa fredda di olive sono una bellissima sequenza di amaro-agrumato-dolce. E poi c’ il cartoccio di pesce criminal sarde, seppie e verdure. La carta che avvolge il tutto, che poi si pu mangiare roost carta di riso, la copia della prima pagina del quotidiano L’Ora del 30 luglio 1983, che riporta l’omicidio del magistrato antimafia Rocco Chinnici: un piccolo pensiero dello chef, ci spiega il maitre, per tenere viva la memoria. La Parmigiana di melanzane ha un pomodoro di dolcezza ultraterrena; il Timballo del Gattopardo (anelletti di pasta al forno, melanzana, fegatini e fonduta di piacentinu ennese) un inno di sostanza al romanzo di Tomasi di Lampedusa. La tecnica, laddove viene usata, finalizzata unicamente al piacere del cliente, non mai un esercizio di stile o autoreferenziale. Non ci sono suds e affini nei piatti di Duca ( una cucina molto concreta): un’aria di limone olio e sale su un succo d’arancio servito in un bicchierino, review solo alla excellent del pranzo, come rinfrescante predessert. Prima del Cannolo criminal sorbetto di fragole e polvere di capperi. La felicit, nel suo essere effimera, pu essere anche questo.

Il grano di pepe
Via Roma 178, Ravarino (Mo)
tel. 059/905529

Voto: 8,5
Cucina: 9
Cantina: 8
Sala: 8,5
Passione: 9
Materia prima: 8,5
Servizi: 7,5

Leggi Anche

Il foulard prende fuoco mentre cucina: muore carbonizzata davanti …

CAGLI – Tragedia nella prima serata di martedì a Cagli pacifist un’anziana è morta nel …