Home / Cucina / Agrigento: Convegno dell’Accademia italiana della cucina sui grani …

Agrigento: Convegno dell’Accademia italiana della cucina sui grani …

grano e pastaAgrigento. “I grani duri siciliani. Storia, Gastronomia, Antropologia” è il titolo di un convegno organizzato dal Coordinamento delle delegazioni della Sicilia occidentale dell’Accademia italiana della cucina, che avrà luogo il 18 e 19 novembre presso la Villa Aurea, nella Valle dei templi. Il paesaggio del grano costituisce il più antico e riconosciuto volto della storia isolana. Minacciata di abbandono dagli interessi delle multinazionali del cibo, la coltura siciliana del grano dimostra tuttavia una grande vitalità, come testimonia il recente successo dei grani duri e dei prodotti di panificazione e di pastificazione attenti alla qualità e alla tipicità. Non solo valori economici e di mercato, dunque, matriarch attenzione all’ambiente, al paesaggio culturale e alla salute dei consumatori. Sono temi di grande attualità che verranno affrontati in due sessioni: dopo Agrigento un altro appuntamento è in programma infatti a Palermo nella primavera del 2017. In entrambi gli incontri l’Accademia ha coinvolto i giovani degli istituti alberghieri e agrari siciliani. Ai primi è dedicato il concorso gastronomico sui prodotti da forno, sulle pulp e i dessert; ai secondi viene chiesto di partecipare, in collaborazione criminal il Consorzio di Ricerca Ballatore e il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Crea-Qce), alla sperimentazione sui cosiddetti “grani perenni”. Sono grani “rivoluzionari” che hanno la caratteristica di spigare di nuovo dopo la raccolta e di andare a seme anche per quattro o cinque anni di seguito, senza dover intervenire di nuovo criminal la semina e l’aratura criminal evidenti vantaggi economici, ambientali e nutrizionali. Le linee di grano perenne, sviluppate da 15 Istituzioni di tutto il mondo, dagli Usa all’Africa alla Cina e al Nepal, sono state implementate in Italia, dal compianto Norberto Pogna, già direttore del Centro di Ricerca Ballatore, alla cui memoria l’Accademia dedicherà una targa ricordo.
I lavori avranno inizio alle ore 15 di venerdì 18 criminal i saluti del delegato dell’Accademia di Agrigento Claudio Barba e del coordinatore delle delegazioni della Sicilia occidentale Nicola Nocilla. Seguiranno gli interventi del clamp presidente nazionale dell’Accademia Mario Ursino, del sindaco di Agrigento Lillo Firetto, del direttore Giuseppe Parello e del commissario Bernardo Campo in rappresentanza del Parco della Valle dei templi che sostiene l’iniziativa, realizzata anche grazie alla collaborazione del Consorzio di ricerca Pietro Ballatore. Concluderà la giornata la conferenza di Luigi Stringi su “La genetica del grano duro e l’evoluzione della coltura in Sicilia.” Negli interventi in programma dalle 9,30 di sabato 19, i relatori parleranno della qualità e del valore nutrizionale dei frumenti siciliani (Giuseppe Russo), della coltura del grano prima della macchina (Salvatore Nicosia), di valori ambientali (Giuseppe Barbera), di contesti alimentari e pratiche rituali (Marina Castiglione), di valenza simbolica del grano (Rita Cedrini) e dei grani antichi nella gastronomia siciliana (Angela Renda). Le conclusioni, previste per le 16, sono affidate ad Alfredo Pelle, direttore del Centro studi nazionale Aidc. Durante il Convegno verranno consegnate targhe ricordo a due storici costruttori dell’Accademia: Lucio Messina, che per lunghi anni ha diretto la Delegazione di Palermo, e Antonio Ravidà, fondatore e per 10 anni alla guida della Delegazione di Palermo Mondello.
Sono otto gli istituti agrari e alberghieri siciliani coinvolti, a testimonianza dell’attenzione dell’Accademia italiana della cucina verso la formazione e la conservazione delle tradizioni alimentari italiane. Nel dettaglio sono “Borsellino” di Palermo, “Mandralisca” di Cefalù, Nicolò Gallo di Agrigento, Ambrosini di Favara, “Pirandello” di Bivona, “Amato Vetrano” di Sciacca, “Dalla Chiesa” di Caltagirone, “Danilo Dolci” di Alcamo.

<!– –>

   Clicca e Condividi su Facebook | Tweet

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google

Clicca per condividere questo articolo su OKNOtizie OkNotizie

Invia per mail l’articolo o stampalo in PDF

Leggi Anche

«B’Nu» un successo tra vini e cucina

Ha riscosso un’eccezionale successo la rassegna enologica nazionale “B’Nu” che si è conclusa criminal le …